Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

IL DIALETTO E L’IDENTITA’ CULTURALE DEI CASTELLI ROMANI. MERITORIA INIZIATIVA AD ALBANO LAZIALE

IL DIALETTO E L’IDENTITA’ CULTURALE DEI CASTELLI ROMANI. MERITORIA INIZIATIVA AD ALBANO LAZIALE
Dicembre 01
15:47 2022

Annunciato e illustrato dalla moderatrice Carla Oliva, nella sede dell’Associazione culturale FabricaAlbano, lo scorso sabato 26 novembre è andato in scena Il dialetto, rendendo tangibile ‘a parlatura’ degli amici albanensi con la presenza dei poeti dialettali Mario Tamburri e Armando Sbordoni, introdotti da Giorgio Sirilli, economista e statistico, arbanese doc, nonché organizzatore dell’evento. Entrando nel vivo dell’argomento, Giorgio Sirilli ha voluto illustrare al numeroso pubblico presente le origini e il lessico del vernacolo della sua città con l’ausilio del Vocabolario del Dialetto albanense scritto in collaborazione con Nino Dori, Aldo Onorati e Piero Torregiani: un volume che vanta una prestigiosa prefazione a firma di Tullio De Mauro.

Tra detti e proverbi, racconti brevi e oltre duemila lemmi, l’opera è preziosissima e consultabile dal sito del Comune di Albano Laziale. Contiene saggezza e musicalità d’altri tempi, nonché l’ironia e l’umorismo che ogni campanile tramanda di generazione in generazione.  Ma ecco il dialetto che rischia oggi di sparire, fagocitato da tempi di immigrazione e dalla scomparsa, lenta e inesorabile degli anziani, dei nonni.  In casa, infatti, si usa l’italiano, e il dialetto sta perdendo la sua peculiare funzione d’ identificazione verbale, come emerge da un lavoro statistico dello stesso Sirilli, pubblicato sul n. 5 del 2017 della storica Rivista Castelli Romani.

Il vivo del dialetto è stato concretizzato quando Armando Sbordoni e Mario Tamurri – Aldo Onorati purtroppo non è potuto essere presente con le sue preziose indicazioni sul vernacolo – hanno letto e presentato alcune loro poesie nelle quali angoli nascosti, figure del passato, usanze, aneddoti, riflessioni si sono succeduti tra un commento e l’altro.  Tante le argomentazioni: dalla storia di personaggi del posto, ricordi anche commoventi, affetti sono emersi pian piano dalla nebulosa del tempo.

L’apprezzamento del pubblico presente è stato tangibile e trainante, al punto che ascoltare e sorridere, imitare, tirar fuori aneddoti originali e similitudini con altre calate castellane è diventato un gioco al dialetto. Così anche chi scrive si è trovata immersa nel gioco della lettura e recitazione di sonetti e versi, constatando tutti insieme che le somiglianze, pur nelle diversità sono molto forti.  Sorriso e allegria hanno profumato la sala e, al termine dell’evento, tutti abbiamo toccato con mano quanto la poesia e in questo caso anche il dialetto, possano unire e creare curiosità, stimolare la ricerca di similitudini o somiglianze tra i diversi idiomi vernacolari, scoprir vicinanze che fanno della presenza, umana condivisione. Così forastiera, mi sono sentita invece a casa anche nella sala molto accogliente dell’Associazione nella quale sono stata ospite.  Amicizia, condivisione, confronto, nuove conoscenze e curiosità… anche questo è dialetto!

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Gennaio 2023
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”