Notizie in Controluce

 Il IV°concorso veliterno di poesia “on line” di poesia “IL SABATO NEL VILLAGGO”

 Ultime Notizie

 Il IV°concorso veliterno di poesia “on line” di poesia “IL SABATO NEL VILLAGGO”

Novembre 28
16:19 2020

 Il IV°concorso veliterno di poesia “on line” di poesia “IL SABATO NEL VILLAGGO”, curato dall’associazione culturale veliterna “La Vigna dei Poeti” con il patrocinio del comune di Velletri, si è da poco concluso. La pandemia del corona virus non ha permesso che si svolgesse la relativa premiazione dei vincitori, in quanto non si potevano garantire tutte le norme di sicurezza sanitaria richieste da questa importante emergenza. Il suddetto concorso, ideato per arricchire gli eventi della tradizionale manifestazione veliterna della Festa dell’Uva, per forza di cose, ha dovuto accantonare, speriamo solo per quest’anno, il connubio uva-poesia,  dall’importante evento cittadino; la Festa dell’uva non ha avuto e pertanto il concorso è stato un sottotono, pur conservando lo spirito e i criteri con i quali è stato pento e strutturato. Non sono mancati problemi di carattere tecnico a disturbare lo svolgimento del suddetto concorso, tuttavia alla fine tutto è andato per il meglio. La partecipazione di poeti e poetesse è stata buona e questo è un buon indicatore che determina la passione, l’abilità e la creatività che le persone mettono nell’esprimersi artisticamente.

Come negli anni passati, la partecipazione femminile è stata superiore a quella maschile, con poesie di buna fattura. Indubbiamente ci sono più poetesse che poeti o forse uomini e ragazzi hanno più remore nel partecipare a concorsi di poesia. Lo spirito tematico proposto, non è stato sempre rispettato, come richiesto nel bando di concorso, in cui terra, uva, mestieri agricoli, ricordi e visione del futuro agricolo, sono i protagonisti assoluti e non il contorno della voce narrante; tuttavia i lavori arrivati in giuria sono di buona fattura e rispecchiano abbastanza le tematiche richieste; pur non essendone attori principali. Le adesioni al premio sono arrivate un po’ da tutta Italia ed anche dall’estero: questo è un segnale molto gratificante per “La Vigna dei Poeti”: sia per il lavoro svolto finora, sia per quello da svolgere in futuro poiché l’associazione intende proseguire e portare avanti il concorso, miglorandolo sempre di più. La sensibilità dei poeti partecipanti ha percepito che si tratta di un concorso assolutamente trasparente: i giurati non si conoscono fra loro e ricevono gli elaborati “on line”, in forma anonima. All’associazione spetta il compito finale di sommare i voti ed assegnarli alla scheda dei poeti partecipanti. “Il sabato NEL villaggio”, che nel titolo si ispira alla celebre poesia leopardiana “ Il sanato DEL villaggio”  è un concorso  genuino ma assai povero: mai come quest’anno, per le ragioni spiegate all’inizio dell’articolo, si conclude senza sfarzo e quasi nell’anonimato: la pandemia 2020 non permette trasgressioni sanitarie. Nel 2021, se le cose andranno meglio, si potrà pensare ad una cerimonia per la consegna dei premi o di attestati. In ogni caso, pandemia o no, la gente continuerà sempre a scrivere poesie e a partecipare  ai relativi concorsi.

Con la lirica titolata “Lasciami inebriare ancora” l’autrice Cristina Comandini ha totalizzato 20 voti, vincendo così l’edizione del premio 2020. Segue, con 19 voti “Grappoli di versi”, di Stefania Andreocci, e a pari merito “Rivoli rossi” di Claudia Liuzzi. Per la seconda tornata, sempre con 19 punti  ex aequo, “Sapori di un tempo” di Luciana Monti e Sabrina Vanini con “Terra”. A seguire, con un punteggio di 18 voti, Renata Crespi. Lidia Giorgi con “La cantina di mio padre” ha totalizzato 16 voti, pari merito con Natale Perugini: questo autore, che non si definisce poeta, pur citando Dante, nei suoi versi, ma ama la poesia, partecipa puntualmente ogni anno dall’estero. Altra lirica classificatasi a pari merito con 16 voti è “La vendemmia” di Manuela Vecchi. Con 15 voti si è classificata “Parole d’amore” di Ignazio Zito. In totale sono state prescelte 10 poesie, suddivise fra le prime 3 classificate, più un secondo gruppo composto da cinque opere, e due poesie per il terzo gruppo arrivato in classifica. Molte poesie sono giunte finaliste a pari merito e questo denota l’impegno personale di ciascuno nello scrivere buoni testi che vanno a dare lustro al concorso stesso. Tutte le altre liriche arrivate ma non  entrate in classifica, sono state valutate dalla giuria: purtroppo non sono rientrate nel gruppo delle finaliste in quanto prive dei requisiti essenziali: ma sono comunque degne di attenzione. Partecipare è sempre un’emozione che porta a scoprire i talenti di ciascuno e permette di comunicare qualcosa in chi legge. In altri concorsi, con altri giurati, le poesie stesse poesie  potranno avere esiti migliori (o peggiori) come spesso accade in qualsiasi tipo di concorso.

Si ringraziano tutti i partecipanti, che con le loro opere hanno dato vita a questo IV concorso veliterno, ampliandone il pregio e la diffusione, in Itala come all’estero. Con l’augurio che nel futuro sia sempre più conosciuto ed apprezzato; e continui a fare onore a Velletri.

 

                                                                                                                                                                                                              

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Novembre: 2020
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”