Notizie in Controluce

Immigrazione a Milano: poliziotti buoni, poliziotti cattivi

 Ultime Notizie

Immigrazione a Milano: poliziotti buoni, poliziotti cattivi

10 Aprile
12:36 2010

“Ci siamo sentiti perduti,” raccontano i due profughi a un attivista, “perché tanti nostri connazionali sono stati deportati, senza neanche avere la possibilità di chiedere asilo politico. Eravamo pronti a finire in un Cie, dove, secondo quanto ci riferiscono i nostri fratelli, si vive in condizioni spaventose, soggetti a violenze, umiliazioni e privazioni, in attesa del viaggio verso un destino altrettanto orribile.

Abbiamo supplicato gli agenti di lasciarci andare, ma senza una reale speranza di essere ascoltati, perché un poliziotto che disobbedisce agli ordini per aiutare un poveraccio, in Italia rischia la carriera e chissà cos’altro. Invece i due agenti, dopo aver parlato fra loro sottovoce, ci hanno lasciati liberi, consigliandoci anche di stare più attenti, in futuro, perché certi colpi di fortuna capitano una volta sola”.

Due agenti di polizia di cui non conosciamo il nome, ma che sono eredi dei giusti e degli eroi del passato, fra cui vi furono anche poliziotti, come il questore Giovanni Palatucci, che disobbedendo a leggi ingiuste e discriminatorie salvò la vita a molti ebrei e a causa del suo eroismo fu internato a Dachau, dove perse la vita.

“Ho la possibilità di fare un po’ di bene: di me non ho altro di speciale da comunicare,” scrisse ai genitori nel 1941. Da parte nostra, nutriamo un’ammirazione sconfinata per i due agenti che hanno mantenuto i nobili ideali di umanità, civiltà e democrazia, riconoscendo l’iniquità delle leggi che attualmente colpiscono gli stranieri in Italia e rifiutandosi di trasformarsi in aguzzini. Negli ultimi anni i nostri attivisti hanno raccolto decine di segnalazioni di abusi commessi da uomini in divisa contro migranti, Rom, senzatetto e altre minoranze emarginate. In alcuni casi, gli stessi attivisti hanno subito da parte delle autorità atteggiamenti intimidatori, minacciosi, arroganti o calunniosi, soprattutto a Pesaro, dove si sono dedicati all’assistenza umanitaria di una comunità Rom particolarmente vulnerabile e perseguitata.

Atteggiamenti culminati nella repressione attuata dal questore locale, evidenziata in alcune interrogazioni parlamentari, nelle provocazioni effettuate da agenti in diverse occasioni e nel decreto penale con condanna a due mesi di carcere (commutabili in pesante sanzione pecuniaria) emesso da un Gip del capoluogo marchigiano in base alle dichiarazioni mendaci di un agente nei confronti dei co-presidenti del nostro gruppo Roberto Malini e Dario Picciau, ai quali è stato negato in prima istanza il diritto alla difesa.

Poliziotti buoni, poliziotti cattivi, come nel “gioco” più volte proposto dal cinema made in Usa. Ieri a Milano è stato sospeso un ispettore della polizia di Stato, accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In un primo momento, di fronte alla notizia, abbiamo pensato a un altro dei silenziosi eredi di Palatucci, poi sono emersi alcuni particolari che connotano il caso secondo una luce assai meno idealista: secondo le accuse Il dirigente avrebbe sì ospitato nel suo appartamento alcuni stranieri “clandestini”, fra cui una trans conosciuta nel Cie di via Corelli, ma in cambio del pagamento di un affitto in nero.

Gli Antirazzisti milanesi commentano così l’ennesimo episodio di malcostume e violazione dei Diritti Umani: “La storia di Paola, trans brasiliana , che vive prostituendosi in un appartamento a Milano. La storia di Paola che finisce nel Cie di Via Corelli. La storia di un incontro nel Cie con un poliziotto che lei già conosce. La storia di un poliziotto che arrotonda affittando appartamenti agli stessi clandestini che poi finiranno nel lager. La storia di Paola, che denuncia pubblicamente il suo affittacamere e viene prelevata dalla polizia questa mattina nel Cie di via Corelli, il perchè non lo sappiamo: lei non risponde più al telefono. Oggi la Questura di Milano ha deciso di far uscire la notizia per evitare che l’ennesimo scandalo gli esplodesse fra le mani. Ma il coperchio del silenzio dei Cie d’Italia è saltato ed è chiaro a tutti che non è questione di mele marce. Una storia tutta italiana… Ascolta l’intervista a Paola raccolta due giorni fa”.

 

Per ulteriori informazioni:
Gruppo EveryOne
+39 340 8135204 :: +39 331 3585406

Articoli Simili