Notizie in Controluce

In punta di spillo – settembre 2011

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

In punta di spillo – settembre 2011

Settembre 20
22:00 2011

Disperazione
Dopo due anni di baldorie arcoriane e non solo, il satrapo festaiolo insieme al ‘mesto’ Giulio (Tremonti) è stato ‘costretto’ ad apportare tagli con la solita accetta che si abbatte in ultima analisi sui servizi ai cittadini e ulteriori fardelli per le famiglie. Nel frattempo è sparito il sottosegretario alle politiche familiari, il funereo Giovanardi. Invece al solo sentire nominare qualche piccola limatura a senatori, deputati, consiglieri, calciatori et similia, tutti questi hanno cominciato ad innalzare una infinita serie di lamentele e di geremiadi. Eppure per i parlamentari se ci sarà qualche graffio (non si può certo parlare di tagli) succederà…alla prossima legislatura. Poveretti vien quasi voglia di fargli la carità. Possibile che dobbiamo ancora mantenere al governo un satrapo gaudente, piduisti riciclati, padani volgarotti con rispettivi rampolli baccalà (eufemisticamente chiamati ‘trote’) e quant’altro? E ora da qualche tempo – anche se non completamente superata “l’era Ruini” – anche qualche prelato si è accorto che qualcosa non quadra, ma forse è troppo tardi e tra la gente l’indignazione non basta più, qualcuno sta facendo circolare una nuova parolina in rima: rivoluzione.
Frascati. Meglio abbondare
Se, come abbiamo già scritto, al buon vescovo Budelacci è stata tolta la via, in altri siti le indicazioni inutili abbondano. Da oltre dieci anni non esiste più l’Azienda Autonoma del Turismo ‘del Tuscolo’, in compenso la segnalazione stradale, in largo Canova, rimane ad assicurare turisti e affini che esiste ancora! E che dire dei cartelli di divieto di sosta dalle ore tali alle tal’altre, su alcuni lati delle vie in cui già sono collocati cartelli che segnalano il divieto di sosta permanente per tutta la strada!?
Si vende di più o si compra di meno?
Da oltre due anni l’economia italiana non tira, il commercio langue, le tasse che vengono sempre più demandate ai comuni e regioni, nonché provincie, aumentano in modo esponenziale (ma ciò permette al governo di dire che esso non le ha aumentate!), il lavoro non c’è, l’imprenditoria non si espande anzi si restringe, il commercio è in crisi nera. Si tentano le iniziative più strane come quella che dalle parti nostre ha allungato gli orari dei negozi il venerdì e il sabato fino alle 23! Non so quanti spiccioli in più ci guadagneranno i commercianti, quel che è certo è che se la gente non ha soldi per arrivare a fine mese, figuriamoci se se la sente di andare a far compere in notturna!

Articoli Simili