Notizie in Controluce

Iperuranio

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

Iperuranio

Settembre 12
10:24 2014

 E dunque, Signora Gloria, avvenente custode della sfera celeste, è invece personificazione di concetti immateriali che competono l’ultraterreno, l’ideale perfetto e simbolico che si colloca in un altrove di verità e speculazione sull’essenza del vivere in rapporto alla trascendenza. Nei nostri intenti Ella forse compete l’iperuranio, e cioè ‘l’oltre il cielo’ descritto da Platone:

A occupare quella regione è l’essenza che realmente è, priva di colore, di figura, di corpo, visibile solo all’intelletto, sulla quale verte la scienza vera. Così dunque l’intelligenza divina, nutrita di pensiero e di pura scienza, e anche ogni anima che intenda accogliere in sé ciò che li si addice, vedendo ciò che è in ogni tempo, si rallegra e contemplando il vero si nutre e gioisce, finché il percorso circolare non la riconduca allo stesso punto. 3

Nonostante nella cosmogonia platonica l’universo sia finito e di forma dodecaedrica e non vi sia alcun luogo oltre la volta celeste, nell’idillio della favola mitologica Platone descrive un altrove, uno spazio metafisico di perfezione eidetica sul cui modello è stato plasmato il mondo sublunare. E qui, all’umanità fragile e caduca non resta altro che contemplare con sgomento la vastità del cielo che la sovrasta e la racchiude in solitudine, in questo modo seguendo alla lettera l’indicazione di Platone stesso, che raffigurato nella Scuola di Atene ad opera di Raffaello Sanzio, tiene in mano il Timeo, famigerato dialogo sulla cosmologia, origine del mondo, suggerendo il volgersi dello sguardo verso l’alto, verso la volta celeste, ultimo ed immenso confine che idealmente compromette la rivelazione dell’universo eidetico e glorioso della filosofia. 4 In realtà, nell’odierno decadimento di qualsiasi cosa della natura, nemmeno questo gli è concesso: la fagocitante frenesia del quotidiano e soprattutto l’inquinamento luminoso impediscono l’osservazione delle infinitesimali meraviglie del firmamento costringendo a considerare lo stesso nelle sue valenze poetiche ed ispirative, nelle sue accezioni astratte e smaterializzate.
Avvalendosi della consulenza del Planetario di Modena saranno presenti, in relazione ai circostanziali manufatti artistici concepiti site specific, alcune obsolete strumentazioni chiamate ad evocare le misteriose fascinazioni del cielo. Tralasciando gli aspetti scientifici, l’artificiale epifania degli astri e delle costellazioni, le nebulose, i pianeti e le galassie, nonché la materia oscura e i buchi neri, saranno invece assunte quali entità simboliche ed evocative di un mondo altro, interdetto all’umanità, che perviene alla malinconia e al lirismo. E qui Gloria, anch’essa privata di ogni aspetto idealistico e trascendente, ripiega la sua essenza nelle materialistiche funzioni scenotecniche, divenendo, nell’assurdo teatro della vita, l’ordigno, il marchingegno, l’artifizio meccanico che consente di salire e ridiscendere dal cielo.
melepere artecontemporanea / Planetario “Francesco Martino”, Modena presentano

HYPÉROURÁNIOS
(la gloria altrove)

Karin Andersen, Franko B, Biljana Bosnjakovic, Rudy Cremonini, Cuoghi Corsello Dead Meat/Rane Fritte, Ettore Frani, Michele Mariano, Antonio Marras, Stefano W. Pasquini, Simone Pellegrini, Adriano Persiani, Christian Rainer, Simone Rondelet, Mustafa Sabbagh, Gilda Scaglioni, Matteo Serri

a cura di
Patrizia Silingardi, Sonia Schiavone, Pierluigi Giacobazzi

con
L’Ariete Arte Contemporanea, Andrea Schenetti, Elena Coppola
EX MANIFATTURA TABACCHI
Modena
viale Monte Kosica, 47
LINEA DIRETTA
IPERURANIO
dal 12/9/2014 al 4/10/2014
su appuntamento

Condividi

Articoli Simili