Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Iraq: Save the Children, a otto anni dal genocidio i bambini yazidi vivono ancora nella paura

Settembre 22
10:43 2022

L’Organizzazione diffonde una nuova ricerca, realizzata attraverso interviste ai bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 e i 17 anni e i loro caregivers, che hanno perso i propri cari in tenera età a causa delle violenze, per comprendere l’impatto del genocidio su di loro.

La comunità internazionale collabori con il governo iracheno e con il governo regionale del Kurdistan per istituire servizi specializzati per il reinserimento dei bambini yazidi nelle loro comunità e per investire in un’istruzione e in infrastrutture di qualità
I bambini yazidi, le cui vite sono state sconvolte dagli attacchi dell’ISIS nel nord dell’Iraq otto anni fa, non devono essere dimenticati dalla comunità internazionale che deve contribuire a soddisfare il loro diritto all’istruzione e le loro speranze di un futuro migliore. È quanto afferma Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

Circa 400.000 yazidi – un gruppo etnico e religioso minoritario – sono stati catturati, uccisi o costretti a fuggire dalla loro patria originaria di Sinjar nell’agosto 2014, dopo che l’ISIS ha attraversato il confine dalla Siria. Le Nazioni Unite hanno riconosciuto il trattamento riservato agli yazidi come genocidio1.

Quasi 3.000 donne e ragazze sono state rapite, hanno subito stupri e altre forme di violenza sessuale e molte sono ancora disperse. I ragazzi sono stati separati dalle loro famiglie e reclutati forzatamente nell’ISIS.

Otto anni dopo, molti bambini yazidi sono ancora sfollati dalle loro comunità. Molti vivono in ambienti non sicuri, circondati da ricordi fisici della violenza subita per mano dell’ISIS, tra cui case, scuole e ospedali distrutti.

Per comprendere l’impatto del genocidio sui bambini più piccoli, Save the Children ha parlato, oltre che con 33 caregivers, con 117 bambini di età compresa tra i 7 e i 17 anni, che erano molto piccoli o appena nati quando hanno perso madri, padri, fratelli e parenti a causa delle violenze.

Bambini di tutte le età hanno raccontato all’Organizzazione le loro paure e la mancanza di sicurezza nella loro vita quotidiana. Tra gli adolescenti, 39 dei 40 coinvolti nello studio hanno dichiarato di non sentirsi al sicuro nel luogo in cui vivono e di temere, tra le altre cose, rapimenti, violenze sessuali, reclutamento da parte di gruppi armati e ulteriori perdite o separazioni familiari.

“Ogni giorno vediamo bambini che imbracciano armi e lavorano con le forze di sicurezza e gruppi armati. Sono ancora giovani, hanno meno di 18 anni”, ha raccontato Khalid*, un bambino di non più di 10 anni, il cui nome reale non è stato reso noto per motivi di sicurezza.

Le barriere linguistiche, in particolare, rappresentano una sfida poiché alcuni bambini hanno dimenticato la loro lingua madre, il Kurmanji, perché o sono nati in prigionia e non l’hanno mai imparata, rendendo difficile la comunicazione e il contatto con le loro famiglie e la reintegrazione nelle loro comunità.

L’impatto sulla salute mentale delle bambine sopravvissute si manifesta con il disturbo da stress post-traumatico, la depressione e altri gravi esiti sulla salute fisica e mentale. Sia i bambini che gli operatori hanno notato che i servizi e i programmi disponibili non soddisfano i bisogni urgenti e pressanti delle bambine e dei bambini che hanno subito violenza sessuale, di quelli reclutati con la forza dall’ISIS o dei bambini nati in prigionia.

I bambini yazidi hanno detto ai ricercatori che volevano imparare ma, dopo otto anni continuano a vedersi negato il diritto all’istruzione. Per molti bambini yazidi, le scuole più vicine sono vuote, bombardate e distrutte e hanno paura se si dovessero allontanare troppo, mentre la mancanza di materiali e libri di testo di qualità e la carenza di personale impediscono la loro istruzione.

“La paura dei nostri figli e delle nostre figlie di andare in scuole lontane è dovuta alla paura dei rapimenti”, ha detto la caregiver Souzan*.

Anche la mancanza di documenti d’identità impedisce ad alcuni bambini yazidi di andare a scuola. Molti di loro, infatti, hanno li hanno persi durante il genocidio. Tra i più piccoli alcuni non sono stati registrati alla nascita. Senza questi documenti, i bambini non possono accedere a servizi di base come l’istruzione e la sanità. Ottenere nuovi documenti può essere costoso e complesso. I bambini nati in prigionia devono affrontare sfide ancora più grandi poiché in Iraq è richiesta una prova di paternità per la registrazione dei genitori non sposati. In caso contrario, il bambino viene registrato come musulmano il che lo rende giuridicamente e culturalmente non yazidi, stigmatizzandolo ulteriormente.

“I bambini yazidi continuano a vivere nella paura di ciò che loro e le loro famiglie hanno vissuto per mano dell’ISIS e di ciò che sperimentano ora nella loro vita quotidiana. I loro diritti fondamentali di bambini sono ancora negati. Le cure urgenti e il sostegno di cui hanno bisogno per elaborare il trauma e guarire sono ancora largamente insufficienti. Molti bambini sono ancora dispersi. Se nulla cambia, l’impatto del genocidio sui bambini yazidi non potrà che aggravarsi”, ha dichiarato Rizgar Aljaff, Direttore nazionale ad interim di Save the Children per l’Iraq.

Save the Children chiede alla comunità internazionale di collaborare con il governo iracheno e con il governo regionale del Kurdistan per istituire servizi specializzati per il reinserimento dei bambini yazidi nelle loro comunità, per investire in un’istruzione e in infrastrutture di qualità nelle comunità yazidi e per garantire che i bambini sopravvissuti alle violenze sessuali e al reclutamento possano rientrare nel sistema scolastico con un supporto psicosociale e di salute mentale.

Inoltre, sono necessari provvedimenti per garantire che i bambini yazidi ricevano giustizia, responsabilità e riparazioni per le gravi violazioni, i crimini contro l’umanità e i crimini di guerra perpetrati contro di loro.

L’Organizzazione chiede anche al governo iracheno di garantire che tutti i bambini yazidi possano ottenere la documentazione civile per accedere ai diritti di base, come l’istruzione e la salute, e di modificare tutte le leggi irachene pertinenti per consentire alle madri dei bambini nati dalla guerra di scegliere la religione dei loro figli al momento della registrazione.

Save the Children opera a Sinjar dal 2017 per sostenere le famiglie che rientrano. Lavoriamo a fianco delle comunità e in collaborazione con gruppi locali per aiutare le persone a trovare lavoro, ricostruire le infrastrutture comunitarie e fornire servizi essenziali, come assistenza sanitaria e consulenza legale.

Per ulteriori informazioni:
Tel. 3409367952 – 3389625274 – 3455508132
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

1 Le Nazioni Unite hanno affermato per la prima volta che il trattamento del popolo yazidi da parte dell’ISIS costituisce un genocidio in un rapporto del 2016, “They Came to Destroy: ISIS Crimes Against the Yazidis”, presentato al Consiglio dei diritti umani nel giugno 2016.

 

 
 
Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Settembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”