Notizie in Controluce

LA POLITICA DELLE SPOGLIE NEI CASTELLI ROMANI

 Ultime Notizie
  • ORSI TRENTINO ORSI TRENTINO. APPELLO DEL MINISTRO COSTA AL PRESIDENTE FUGATTI AL MEETING OIPA: «LA PREGO, LIBERI GLI ORSI DETENUTI AL CASTELLER: POSSONO ESSERE MONITORATI SCONGIURANDO OGNI PERICOLO. FACCIAMO PREVALERE IL BUONSENSO»...
  • Frascati – Nuovo look per la ringhiera della scuola dell’infanzia di Cocciano Questa mattina si sono dati appuntamento presso l’ingresso della scuola dell’Infanzia di Cocciano alcuni dei genitori dei bambini che frequentano il plesso; armati di pennello hanno ritinteggiato la rugginosa ringhiera...
  • Raccolta delle olive, per il Capol l’olio sarà poco ma buono Annata difficile per l’olivicoltura della provincia di Latina, infatti la campagna che sta iniziando presenta un netto calo -60% con una previsione di poco più di 90.000 quintali di olive...
  • STEM E IL VALORE DELLA PARITA DI GENERE In Italia solo 12 donne su 1.000 si laureano in discipline STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics). Come mai questo disamore per la scienza, tra le ragazze? “Sono convinta che...
  • PER LA 51^ GIORNATA MONDIALE DELLA POSTA Roma, 9 ottobre 2020 – Poste Italiane celebra la cinquantunesima Giornata Mondiale della Posta con una cartolina dedicata e alcuni annulli speciali che saranno disponibili oltre che presso i due Spazi...
  • SALUTE, 1 CANE SU 5 SOFFRE DI ARTROSI. ARRIVA IL TEST PER SCOVARE LA MALATTIA IL VETERINARIO, PREVENZIONE E CHECK UP PER ALLEVIARE IL DOLORE Pigrizia o stanchezza, difficoltà nel salire le scale, cambiamento di abitudini del sonno o alimentari. Sintomi che, per quanto riguarda...

LA POLITICA DELLE SPOGLIE NEI CASTELLI ROMANI

LA POLITICA DELLE SPOGLIE NEI CASTELLI ROMANI
Ottobre 10
10:47 2020

In quattro Comuni dei Castelli Romani, Albano, Ariccia, Genzano e Rocca di Papa, si sono tenute nelle scorse settimane le votazioni per l’elezione del sindaco e dei membri del consiglio comunale. I prossimi giorni saranno cruciali, visto che i sindaci eletti dovranno nominare la giunta comunale. Secondo la legge, il sindaco sceglie autonomamente le persone che ritiene più adatte a coadiuvarlo nell’azione amministrativa, persone a cui può ritirare in ogni momento la propria fiducia e sostituirle. Nel caso di Albano soltanto un solo candidato alla carica di sindaco aveva annunciato nella campagna elettorale la formazione della giunta, ma non quello che poi è stato eletto. Nella pratica le cose non funzionano esattamente come previsto dalla legge. Il sistema in vigore è quello della politica delle spoglie. Tale sistema, inaugurato negli Stati Uniti nella prima metà dell’Ottocento, chiamato spoils system, prevede che le forze politiche al governo distribuiscano a propri affiliati e simpatizzanti le varie cariche istituzionali, la titolarità di uffici pubblici e posizioni di potere in modo da garantire gli interessi di chi li ha investiti dell’incarico. Se poi si va ancora indietro nei secoli, e si usa una metafora forse un po’ azzardata, si può pensare alle spoglie, al bottino, che i vincitori di una guerra si spartivano dopo la vittoria (non solo gli averi, ma anche le vite umane). Nel nostro caso non è il vincitore della competizione elettorale (il sindaco) ad adottare la politica delle spoglie, ma le formazioni politiche che troppo spesso non si candidano per perseguire il bene dei cittadini ma per fini di mero potere partecipando a quella che considerano una “guerra” al termine della quale chi vince reclama le spoglie, il bottino.

Secondo la pratica corrente dunque le varie formazioni politiche si accordano in anticipo per vedersi assegnati, dopo le elezioni e in base ai voti ricevuti, gli assessorati e le altre cariche pubbliche e private.

Questa politica delle spoglie casereccia produce giunte di bassa qualità e una perenne instabilità politica che, nel passato, ha condotto a sfiduciare il sindaco e alla nomina del commissario prefettizio. E questo non ce lo possiamo più permettere: nel prossimo futuro, con la crisi del Covid-19, amministrare le città sarà estremamente difficile.

Altro problema legato alla politica delle spoglie è quello del quantum. Nel caso di Albano il sindaco è stato sostenuto da nove liste, ma ci sono in palio sette assessorati. Secondo le regole usuali due liste rimarrebbero a bocca asciutta. Nel passato si è ovviato assegnando delle deleghe a consiglieri comunali che di fatto svolgevano le funzioni dell’assessore, in palese conflitto di interessi tra controllore e controllato – e ciò non è tollerabile né legittimo. Allora, come si farà? Ci rimettiamo alla saggezza degli eletti.

Staremo dunque a vedere se i sindaci sceglieranno in autonomia i propri collaboratori (anche ovviamente tra quelli suggeriti dalle forze politiche), o se soggiaceranno a patti che li renderanno “prigionieri” e azzoppati, con la prospettiva di essere sfiduciati in consiglio comunale se la distribuzione dei pani e dei pesci non sarà ritenuta “equa” dai “guerrieri”.

Tags
Condividi

Articoli Simili

1 Commento

  1. Franco gasbarri
    Franco gasbarri Ottobre 11, 10:53

    0ttimo articolo.
    Sempre argomenti interessanti trattati con obiettività e concretezza

    Reply to this comment

Scrivi un commento