Notizie in Controluce

La scomparsa del cardinale Achille Silvestrini

 Ultime Notizie

La scomparsa del cardinale Achille Silvestrini

agosto 30
23:26 2019

   E’ scomparso, oggi 29 agosto 2019, il cardinale Achille Silvestrini. Era nato a Brisighella (Ravenna) in diocesi di Faenza nel 1923. Entrato nel Seminario diocesano, fu ordinato sacerdote nel 1946, nella cattedrale faentina, quindi frequentò l’Università di Bologna laureandosi in lettere classiche con una tesi sullo ‘statuto degli Stati di Santa Chiesa promulgato dal papa Pio IX nel 1848. Quindi venuto a Roma nel 1948 ed entrato a Sant’Apollinare frequentò l’Università Lateranense conseguendo il dottorato in utroque iure. Fu accolto nella Pontificia Accademia ecclesiastica indirizzandosi agli studi diplomatici.

   Nominato Arcivescovo di Novaliciana, venne consacrato vescovo nel 1979 dal papa Giovanni Paolo II, quindi nel 1988, cardinale diacono di San Benedetto fuori Porta San Paolo. Fu segretario del cardinal Tardini nella Segreteria di Stato vaticano, e poi col cardinale Amleto Giovanni Cicognani (anche lui di Brisighella e segretario di stato). Sottosegretario nella seconda sezione della Segreteria di Stato, collaborò particolarmente col cardinale Agostino Casaroli (Segretario di Stato dal 1979-1990) cui si deve la cosiddetta ‘ostpolitique’ con i Paesi dell’Est europeo ancora sotto i regimi comunisti. Silvestrini partecipò da protagonista (dal 1972) alla Conferenza di Helsinki sulla sicurezza e cooperazione europea che si risolse in un successo perché anche l’allora Unione sovietica (URSS) fu praticamente costretta a sottoscrivere un trattato che metteva alcuni precisi punti fermi sul rispetto dei diritti umani. Nel 1979, Silvestrini fu segretario del Consiglio per gli affari pubblici della chiesa. Fu a capo di numerose missioni nel mondo su problemi di grande rilievo e, in Italia nel 1984, capo della delegazione vaticana per la revisione dei patti lateranense. Prefetto della Segnatura apostolica dal 1988 al 1991, quindi prefetto della Congregazione per le chiese orientali (e intervenne anche in una difficile situazione nell’abazia di Grottaferrata). Cardinale ‘presbitero’, nel 1999 nominato Gran Cancelliere del Pontificio Istituto Orientale.

     Tardini, nell’immediato dopoguerra, aveva fondato a Roma, ‘Villa Nazareth’, una istituzione per sostenere negli studi ragazzi e giovani meritevoli; dopo la morte di Tardini, ne assunse la responsabilità il card. Samorè, ma sarà Silvestrini a riprendere decisamente in mano questa istituzione, ristrutturandola su nuovi basi nel 1984 (in quel periodo tra gli studenti ammessi vi era anche l’attuale presidente del Consiglio, avv. Giuseppe Conte). Successivamente Silvestrini diventerà presidente della Fondazione ‘Comunità Domenico Tardini-Villa Nazareth’. Silvestrini, conterraneo del vescovo tuscolano Luigi Liverzani, ne fu molto amico, e più volte ebbe modo di venire a Frascati. Lo si ricorda in particolare il giorno della presa di possesso del titolo della diocesi di Frascati da parte del card. Bertoli. Fu ancora Silvestrini a tenere, nel 1995, l’omelia nella messa funebre del vescovo tuscolano. Una delle ultime volte che ebbe modo di venire a Frascati, fu nel 2006, quando intervenne in Cattedrale per tenere una relazione nell’ambito degli incontri organizzati dall’Ac e dalla Consulta diocesana dei laici, per il 40° del Concilio Ecumenico Vaticano II.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento