Notizie in Controluce

LAVORO E INTEGRAZIONE, L’ONU PREMIA SODEXO ITALIA PER LA SUA POLITICA DI INCLUSIONE

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

LAVORO E INTEGRAZIONE, L’ONU PREMIA SODEXO ITALIA PER LA SUA POLITICA DI INCLUSIONE

Marzo 14
14:05 2019

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha conferito a Sodexo Italia il logo “Welcome Working for refugee integration”, a testimonianza del grande impegno nella promozione di programmi specifici finalizzati all’inserimento lavorativo di rifugiati politici.

Prestigioso riconoscimento umanitario internazionale per Sodexo Italia: il Comitato di Assegnazione dell’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha attribuito all’azienda leader nell’ambito della qualità della vita il logo “Welcome Working for refugee integration” come riconoscimento del rilevante impegno dimostrato nel 2018 nella promozione di programmi specifici per l’inserimento lavorativo dei rifugiati. Il progetto, sostenuto da Ministero del Lavoro, Ministero degli Interni e Confindustria, prevede l’assegnazione annuale del logo alle imprese che si distinguono per aver effettuato nuove assunzioni di beneficiari di protezione internazionale, o per aver favorito il loro concreto inserimento lavorativo e sociale. Sodexo si è distinta per l’adesione al progetto Employability and Social Integration of Refugees and Asylum Seekers grazie al quale, in collaborazione con Croce Rossa Milano, ha fatto sperimentare l’esperienza della ricerca del lavoro a 12 rifugiati politici di età compresa tra i 19 e i 30 anni, inserendoli come addetti ai servizi di ristorazione nelle sue cucine. Ma non è tutto. Progetti simili sono stati condotti in partnership con EBITer Milano ed EBTpe Milano, e con Fondazione Adecco per le Pari Opportunità, mettendo a disposizione corsi di italiano per stranieri. La cerimonia di conferimento del logo da parte di UNHCR si svolgerà il 21 marzo a Milano presso la sede di Assolombarda.

La diversità e l’inclusione hanno da sempre rappresentato per Sodexo un’opportunità e una leva per migliorare le proprie performance. In Italia questa politica si è concretizzata nel 2009 con l’adesione a Sodalitas, con la firma della Carta per le Pari Opportunità e l’Uguaglianza sul lavoro, e con l’inizio di una partnership con Comune di Milano e A&I in progetti di tirocini e borse lavoro per la riqualificazione e l’inserimento lavorativo di cittadini stranieri rifugiati politici. “Il riconoscimento da parte dell’UNHCR rappresenta un importante risultato per i nostri obiettivi di Diversità & Inclusione, ambito che riteniamo di importanza strategica per lo sviluppo di una cultura che incida positivamente sulla gestione e la crescita delle persone, della nostra azienda, e delle aziende con le quali collaboriamo ogni giorno – ha spiegato Nadia Bertaggia, Direttore Risorse Umane e Organizzazione di Sodexo Italia – Crediamo inoltre che inserire tra i nostri punti di forza quello di favorire l’integrazione socio-lavorativa di migranti, persone rifugiate e richiedenti asilo, agevolando la loro inclusione nel mercato del lavoro e nella società, sia un ottimo strumento per accedere a nuovi talenti presenti sul mercato e, allo stesso tempo, per contribuire alla creazione di una cultura d’inclusione, rendendoci sempre più simili alle comunità che serviamo ogni giorno”.

 

Per lo sviluppo di una cultura che rispetti le differenze, valorizzando le idee, le esperienze e i singoli talenti, Sodexo ha individuato cinque ambiti di attività su cui creare attivamente una politica di diversità e inclusione. In particolare, l’azienda si impegna nello sviluppo di una cultura rivolta all’inclusione di differenze: generazionali, di genere, di disabilità, culturali e di orientamento sessuale. Oltre allo sviluppo del progetto ESIRAS, l’azienda ha realizzato e partecipato attivamente a numerose iniziative sociali come #Loveyourself, progetto in collaborazione con Fondazione Adecco per le Pari Opportunità, per il reinserimento nel mercato del lavoro di donne che hanno subito abusi e hanno avuto il coraggio di denunciare, la Campagna del Fiocco Bianco per sensibilizzare la lotta alla violenza sulle donne, e il conferimento del primo premio nel 2011 per la categoria Migliore iniziativa a sostegno del valore della Persona e del Lavoro dei Sodalitas Social Awards con il Progetto “La disabilità fa team“, in partnership con il Comune di Morbegno, iniziativa che ha previsto l’inserimento di 12 disabili nell’appalto. Ma non è tutto. Sodexo ha anche partecipato alla realizzazione di Job Station, progetto in collaborazione con Fondazione Accenture, che ha visto l’assunzione di un disabile psichico, prima da remoto e successivamente in sede, e allo sviluppo di un’iniziativa finalizzata all’inserimento nel mondo lavorativo di alcuni detenuti nell’istituto penitenziario minorile di Acireale.

 

 

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento