Notizie in Controluce

Le pillole a teatro

 Ultime Notizie
  •  IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA Riceviamo dal un nostro lettore e volentieri pubblichiamo Ho realizzato una pagina su Facebook   “IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA” con l’obbiettivo di rivalutare il treno e...
  • DIRITTO AL RESPIRO Si è tenuto a Colonna, in data 10/01/2020, presso la sala Elsa Morante, dalle ore 17:00, la conferenza “DIRITTO AL RESPIRO. Conferenza pubblica sulle emissioni odorigene”. Organizzata da Associazione Aria...
  • Velletri – L’ ATTUALE STENDARDO DI S. ANTONIO ABATE COMPIE VENT’ANNI Ci avviciniamo alla tradizione Festa in onore di S. Antonio Abate, fermiamoci a parlare del celebre stendardo e della sua storia. Vessillo dell’Università dei Carrettieri e Mulattieri fondata nel 1624,...
  • Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Legambiente “Nessuna strumentalizzazione di una vicenda delicata e di importanza strategica per gli equilibri ecologici dell’area protetta” Il tema della...
  • POSTE ITALIANE SOSTIENE LE CELEBRAZIONI PER I 700 ANNI DI DANTE ALIGHIERI  Il Gruppo guidato dall’ad Del Fante offrirà il suo contributo in ricordo del sommo poeta alle iniziative previste nel 2021 in 70 Comuni italiani, in coerenza con gli impegni per...
  • CENTO FELLINI LUCIA MIRISOLA – RUGGERO MASTROIANNI – FEDERICO FELLINI Il prossimo 20 Gennaio, si compiranno i cento anni dalla nascita di Federico Fellini e il Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola...

Le pillole a teatro

08 Gennaio
17:04 2014

Si tratta di una ‘classica’ pochade che ruota attorno ad un canovaccio ben strutturato ma si presta bene a innovazioni che ravvivino e personalizzino gli equivoci e le situazioni paradossali e divertenti tipiche del genere. È quello che è riuscito a fare il regista Piergiorgio Saracino che ha ‘reinterpretato’ la trama della commedia, essenzialmente fondata sugli sconvolgimenti che porta in persone normali l’assunzione, ‘a tradimento’ o ‘a legittima difesa’, delle pillole afrodisiache create da un medico tanto spregiudicato quanto simpatico. In realtà i medici sono due e sono amici, Augusto il ‘padre’ delle pillole e Frontignan che ne sarà la vittima inconsapevole assieme alla sua bella e amata moglie Angelica. La vicenda si snoda tra la casa-studio parigina del dott. Frontignan e l’albergo della stazione termale di Royat, con un tambureggiante tourbillon che coinvolge dodici personaggi, ognuno con una sua vivacità e forza scenica, a prescindere dalla preminenza del ruolo. Ci piace perciò citarli tutti in ordine casuale: Max Marianetti, un Frontignan perfetto nella parte del ‘messo in mezzo’ che nonostante tutto rimane sempre in piedi; Cinzia Sarnacchioli, molto brava nella doppia parte della splendida Angelica, moglie del dottore, e di Sidonia, una prostituta dall’accento ciociaro che deve funzionare da diversivo; Nando Rinaldi, anch’egli efficacissimo nella doppia parte del cameriere della casa di Parigi e dell’hotel di Royat, qui in versione gay; David Torriero, brillantissimo nella parte di un esilarante e incombente ricco emiro (le sue venti mogli al seguito rimarranno sempre nell’ombra) che spalleggiato dal simpaticissimo eunuco, impersonato da Alessandro Furia, ‘cuccherà’ furbescamente nell’harem delle parigine in scena; Roberto Di Michele, un colonnello già assatanato di suo senza bisogno di pillole, che, chiamandosi ‘O Cardill, innesca a più riprese, presentandosi, la battuta «napoletano? » «no, scozzese!» tra l’ilarità generale; Silvio Di Gialleonardo, un Augusto bravissimo ed infaticabile come medico imbroglione; Carla Tartavini, una azzeccata signora Bicot, suocera onnipresente; Elisa Nichelli, affascinante Odette che desidera ed è desiderata; infine la bella caratterizzazione di Carla Ghezzi come Madame Lescau, la proprietaria dell’albergo di Royat. Giusta e saggia riduzione dei tre atti a due, ciò che ha aumentato, ma non ce n’era bisogno, il ritmo e lo scoppiettare degli equivoci per un continuo divertimento. Dunque ottima prova, senza incertezze o sbavature, degli attori guidati dalla mano esperta e creativa del regista. Infatti lo stesso Piergiorgio Saracino nello stesso teatro, dal 5 al 10 novembre, ha portato in scena una eccellente rappresentazione di “Così è (se vi pare)” con una formazione della quale fanno parte alcune delle attrici sopra ricordate. Una occasione per apprezzare il cambio di registro che questo famosissimo testo comporta, e la conferma che il teatro non professionale non è solo divertimento ma anche impegno serio in direzione di una cultura diffusa.

Articoli Simili