Notizie in Controluce

L’epilogo di Fernanda

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

L’epilogo di Fernanda

Dicembre 01
12:16 2008

All’apertura del sipario Fernanda Verderame (alias Angela Pagano), col suo carico di stracci e delusioni, occupa un angolo della scena, una nicchia male illuminata sulla grande scena della vita. Che a poco a poco si rischiara, scopre come fondale un ristorante sul mare, lungo il quale trascorre un cameriere affaccendato, incurante della sagoma nell’angolo, finché non inciampa su di una delle borse di quella ‘barbona’, e rompe alcuni piatti che la donna umilmente raccoglie. Si apre così al teatroValle nel mese di novembre uno spettacolo malinconico, un lungo monologo inframmezzato da motivi celebri, accennati più che cantati; una amara riflessione, che suona piuttosto epicedio, su un mestiere che sta scomparendo: la “posteggia” napoletana, quell’arte minore di girare ristoranti e banchetti intonando i classici del repertorio melodico napoletano, allietando in cambio di pochi soldi un uditorio a volte distratto o infastidito, a volte commosso e partecipe. Un mestiere umile, esposto al capriccio degli avventori e agli sgarbi di padroni arroganti, mestiere che Angela Pagano, ‘figlia d’arte’, rievoca con voce arrochita dagli anni, dal gusto appunto di verderame, cui quel nome di scena, ironicamente coniato sul modello degli pseudonimi brillanti di tante chanteuse dell’epoca sembra alludere. Ma dentro quel fievole guscio sonoro, dietro O sole mio quasi sussurrato, brucia ancora la fiamma di una passione vissuta giorno per giorno, accesa dall’incoraggiamento di uno sguardo, da un ‘piatto’ più ricco, che regala l’ebbrezza di una sera, che fa dimenticare le miserie lasciate a casa. Come avviene alla soubrette Lillipupa, che per sostentare la madre malata tiene per sé i compensi più generosi, nascondendoli in un taschino cucito sotto l’abito. Ed è con quell’abito, bianco con la “nocca”, che la protagonista fa il suo ultimo ingresso, patetica, o forse tragica, come tragico è tutto ciò che, legato ad un passato che non diventa storia, è destinato a spegnersi insieme a chi l’ha vissuto.

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento