Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Lettera ropèrta a lu Sìnnicu de lu Comùne de lu Mònde

Luglio 31
23:00 2009

Te scrivo ‘sta lettera, siccome si ‘n cenìcu più giovane de mi, pe’ fatte conósce cóse che tu mangu te fegùri. Te da sapì che quanno èmo monelli, appena rrivénu le belle giornate (stémo a parlà de li misi de marzo/aprile) devendémo ‘n po’ tutti come li fii de lu véndu che vordì che èmo come cani scióti, che vordì che potèmo ì ‘ndó ce paréa senza penzà a li pericoli che ce stau mó: le machine, la droga, li pedòfili…….
Quanno che ‘n ce jéa più de sta’ ‘n giru pe’ le Prata o pe’ Ghetto ce ne jèmo abbàlle pe’ le vigne a caccia de nidi e ndó trovèmo puru tutti li frutti che ce piacénu: scafi (fave fresche), mela favaròle, ceràsa, fràvule…… E mani mani che passénu li misi cambiénu li frutti e così ‘sta storia duréa finu a quanno lu tembu se mandenéa bónu.
A ‘stu pundu penzo che tu te starà chiedènno: “Va bbè, só capìtu, ma quistu mó che vò da mi?” Me té da scusà! ‘N té só dìtta la cósa più ‘mbortànde: ‘n mézzu a tutte le vigne de ‘sta storia ce stéa ‘n póstu che mó è sparitu o perlomìnu ‘n se vede più! ‘Stu póstu se chiamèa, anzi ngóra se chiama, Fondàna Làura. Pe’ nui era lu póstu più béllu de lu munnu perché pròpio lòco ce jèmo a béve e a refrescàcce li frutti che èmo rrobbàti dèllo attùrnu. Pó ce jettèmo dendro a la vasca e ce fecèmo lu bagnu pe’ ore e ore. Quanno pó nescèmo dall’acqua bastea ppiccà le mutanne sopre a li canniti e spettà che s’eru sciuttàte e fino a quanno era ora de reì a casa pe’ cenà e pe’ ìccene a dormì. La notte a lu lettu cerchèmo de dormì più prestu che potèmo perché non vedémo l’ora che se fecéa giorno pé’ reìccene a lu paradisu nóstru.
Quanti anni só passati? Boh! Non me lo recòrdo più, ma de securu ne só passati pròpio tanti e quanno repàsso déllo attùrnu me se strégne lu còre e vorrìa tandu famme armìnu ‘na bevuta…… …ma la fondana nostra sta nnescòsta sóttu a ‘n mùcchju de frattùni, de spini, de monnezze…… e chisà chi la pò retirà fori!
Sìnnicu! Se vó tu ce la pó fa’! E allora te dicémo tutti nzéme: aredàcce Fondana Laura! Aredàccela prima che va a fenì che niciùnu se la recorda più.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”