Notizie in Controluce

 Ultime Notizie
  • SOCIETA’ DANTE ALIGHIERI Presso Palazzo Firenze, sito in Roma, ha sede centrale la Società Dante Alighieri. Il Palazzo, del XVI sec. d.C., fornisce  il nome anche all’omonima piazza. Nel 1516 Giacomo Cardelli costruisce...
  • Il tempo dei rimorsi o dei rimpianti? Quando il tempo dei rimpianti è già trascorso, mentre il tempo dei ricordi è ancora lontano, vuol dire che è sopraggiunto il tempo dei rimorsi. Il che non significa necessariamente...
  • MARINO – TANTI AUGURI NONNA IMOLA! La Centenaria di Marino ha festeggiato il compleanno alla Vigilia di Natale Il Sindaco “Un abbraccio da tutta la città”  Il Sindaco Stefano Cecchi ha reso omaggio il 24 dicembre...
  • Buon Natale dalla Chiesa di Santa Maria in Castello a Tarquinia Buon Natale dalla Chiesa di Santa Maria in Castello a Tarquinia con il Presepio dell’Associazione Oltrepensiero  Dopo la Torre di Dante, il Museo Diocesano e la Sala Consiliare del Comune di...
  • Frascati, il Natale solidale del “Giocattolo sospeso” Nel pomeriggio di ieri, nel pieno rispetto della privacy, sono stati consegnati i regali del “giocattolo sospeso”. In 20 giorni sono stati raccolti circa 70 doni, giocattoli, vestitini, bigiotteria, dolciumi,...
  • Roma, vinti 100 mila euro 10eLotto, Lazio protagonista: a Roma vinti 100 mila euro Il 10eLotto premia il Lazio: nella giornata di ieri, come riporta Agipronews, sono state centrate due vincite a Roma per un...

L’inglese al Politecnico di Milano

Luglio 21
11:24 2012

Il Politecnico di Milano ha recentemente annunciato di voler adottare, a partire dal 2014, l’uso della lingua inglese per i corsi specialistici e dottorali. Numerosi linguisti e uomini di cultura italiani – nonché istituzioni come la Dante Alighieri, l’Accademia della Crusca e la Federazione Esperantista Italiana – hanno espresso la loro forte disapprovazione per questa decisione. Dietro tale decisione ci può essere l’intento di attrarre le iscrizioni di studenti stranieri, ma ciò determinerebbe inevitabilmente la rinuncia, da parte degli studenti italiani, alla loro lingua madre in favore di quella della potenza economica che al momento è dominante.

La perdita culturale ed economica sarebbe enorme e si inizierebbe l’inevitabile trasformazione della lingua italiana al rango di lingua familiare non più in grado di essere usata per discorsi scientifici o tecnici. Inoltre, è veramente inaccettabile che questo processo sfavorevole venga stimolato con l’uso dei soldi pubblici. La Federazione Esperantista Italiana ha dichiarato che «il tipo di ‘globalizzazione’ sotteso a questa misura è quello di un provincialismo esasperato, che porta a volersi confondere del tutto con la potenza e la lingua dominante per una mancanza di fiducia in se stessi e nella possibilità di sopravvivenza del proprio Paese. L’internazionalizzazione auspicata dagli esperantisti è di tutt’altra natura. Tutte le lingue e tutte le culture hanno pari dignità e ciascuno può e deve sviluppare la propria lingua e la propria cultura in piena autonomia». Davvero si pensa che rinunciare alla propria lingua potrebbe rendere un popolo più competitivo e più ‘internazionale’?

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Dicembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”