Notizie in Controluce

L’ingratitudine dei profughi

 Ultime Notizie

L’ingratitudine dei profughi

L’ingratitudine dei profughi
settembre 12
16:28 2018

Per anni, ho seguito le attività dell’Aned (Associazione Nazionale ex Deportati nei campi di sterminio nazisti). Sono andata a Mauthausen, Auschwitz, Terezin, Ebensee, per me stessa e per accompagnare gli alunni.

Ho ascoltato, per anni, con interesse, conferenze in cui ci si chiedeva: “Ma,davanti a tanto orrore, la gente sapeva? E se sapeva, non ha fatto nulla? Come è stato possibile? Gli intellettuali cosa dicevano?”

Adesso, la risposta ce l’ho. Perché tutto quello studio, quel ricordare, quel piangere davanti agli strumenti di tortura, alla denigrazione degli esseri umani, al disprezzo per le vite altrui, affinché la storia non si ripeta, è stato inutile.

La storia si ripete e oggi posso rispondere alle domande di tutte quelle conferenze.

La gente sa ed è contenta che ci siano rinchiusi nei campi di concentramento, in Libia, che siano stuprati e torturati, o che muoiano di fame, se non di guerra, nei loro paesi.

Alla gente non importa nulla, basta che non vengano a rompere le scatole qua.

A nessuno viene in mente di dire che, se, certamente, non può trasferirsi tutta qui l’Africa (un miliardo e mezzo di popolazione), smettiamo di affamarli, di usare le loro terre per le monocolture che arricchiscono le multinazionali ma non danno abbastanza salario per sopravvivere. Smettiamo di far lavorare i loro piccoli bambini nelle miniere di diamanti, di coltan o nel cacao, diamo loro la possibilità, non dico di andare a scuola o di giocare, ma almeno di avere un giusto salario.

A nessuno viene in mente di chiedere, alle potenze occidentali, di smettere di sostenere i loro dittatori corrotti, i loro militari affamatori, per averne un guadagno.

A nessuno viene in mente di dire: “Lasciamo davvero che lavorino a casa loro, che sfruttino le loro ricchezze (l’Africa è il continente più ricco del pianeta) così non avremo più il problema dei barconi.”

Perché non diciamo così? Forse, perché non siamo a conoscenza di essere stati, noi europei, e di essere ancora affamatori dell’Africa?

No, semplicemente, perché noi diventeremmo poveri.

L’Europa si è arricchita e ha progredito, prima, sul sangue delle colonie e, dopo, ha continuato a evolversi con il neo colonialismo, il neoliberismo e altre formule, basate sull’assioma che gli altri, specie se neri, non sono esseri umani.

Qui, più del 60% degli Italiani ha approvato il sequestro dei migranti sulla Diciotti, l’ulteriore prigionia di gente torturata e violentata per anni. Corpi e anime umani costretti a rimanere, in un paese democratico europeo, ancora giorni e giorni in un ambiente ristretto, con due bagni chimici riadattati con scarico diretto in mare e privi di lavandini, per 150 persone, di cui 13 donne, con una pompa sul ponte come unica possibilità di acqua corrente per la pulizia personale.

Quando, finalmente, li hanno fatti sbarcare, nel paese dove sarebbero rimasti pochi giorni, Rocca di Papa, li hanno accolti con manifestazioni di protesta perché non li volevano.

In seguito, ci siamo tutti scandalizzati che tali profughi se ne vogliano andare dall’Italia. Che ingrati!

Essendo quei profughi quasi tutti somali ed eritrei, forse, avranno sentito parlare, nel loro paese, come noi sentiamo parlare di quello che hanno fatto i fascisti e i tedeschi, del genocidio  avvenuto negli anni trenta del secolo scorso nel corno d’ Africa.

Gli Italiani “brava gente” hanno effettuato fucilazioni sommarie e bombardamenti massicci di gas sulle popolazioni, provocando parecchie centinaia di migliaia di morti in pochi anni. Per allietare una vita tanto dura,  si prendevano, tra l’altro, spose temporanee, magari di dodici anni, e amavano farsi fotografare in pose guerresche e virili reggendo per i capelli le teste mozzate dei loro nemici.

Certamente, è passato del tempo.

Ma, forse, saranno state riportate a quei profughi frasi odierne del tipo: “É finita la pacchia, basta crociere e taxi del mare”. Avranno saputo che le ONG, che salvano vite ovunque nel mondo,  sono diventate i nemici dell’umanità, che i pescatori che raccolgono migranti che stanno affondando, oggi, sono accusati di essere trafficanti, che i morti in mare sono aumentati vertiginosamente negli ultimi mesi, che spesso i migranti vengono riportati nei campi di sterminio in Libia.

Oppure, avranno sentito dire che, ultimamente, in Italia, è in uso sparare a chi ha la pelle nera o che, ogni giorno, un nero, magari minore, viene picchiato.

Razzismo? Atmosfera di odio? Omicidi nell’indifferenza? No, assolutamente.

Non è cambiato nulla: come un tempo, gli Italiani, sono brava gente!

E ci tengono a dimostrarlo.

 

 

 

Articoli Simili

1 Commento

  1. Gelsino
    Gelsino settembre 15, 13:50

    Purtroppo la storia resta solo nei libri, fascismo e nazismo sono una realtà ideologica assecondata. La famosa frase “aiutiamoli a casa loro” non è percepita dai cittadini come significato “paghiamo il giusto senza lo sfruttamento di manodopera e risorse dell’Africa”.

    Reply to this comment

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930