Notizie in Controluce

“…Lo nero periglio che vien dallo mare” e la rivoluzione di un nuovo Spartaco

 Ultime Notizie

“…Lo nero periglio che vien dallo mare” e la rivoluzione di un nuovo Spartaco

Luglio 21
13:31 2020

“Il male nasce sempre dalla paura, solo chi ha paura scapperà o commetterà un delitto” (Paolo Mario Buttiglieri)

 

Son trascorsi diversi anni dacché azzardavo le prime previsioni sull’invasione a cui l’Europa e l’Italia in particolare sono interessate. Ormai non ci sono più dubbi,  “lo nero periglio che vien dallo mare” non è più la trama di un un film comico su Brancaleone da Norcia. 

 

 Giornalmente appaiono notizie sul flusso ininterrotto di migranti, organizzato da neoschiavisti,  che parte dalle coste nordafricane dove si trovano le navi ONG che raccolgono i “disperati” dei barconi e li trasportano nei porti italiani. 

 

 In questi giorni,  a cura di alcune forze politiche, monta la polemica sul fatto che buona parte di questi migranti sono “infetti”, non solo da coronavirus, anche da TBC, lue, colera, scabbia, etc. 

 

Giunti negli approdi sicuri non si fermano nei lazzaretti, scappano e propagano i loro mali alla popolazione già provata da lunga degenza ai domiciliari. Ma questo sarebbe il minimo, il fatto è che i transfughi vanno ad incrementare le manovalanze del lavoro coatto o si dedicano al furto, alla prostituzione ed allo spaccio. 

 

 In realtà tutta questa operazione non potrebbe sussistere se una organizzazione superiore non ne fosse a capo. I migranti africani servono al sistema. Migliaia e migliaia di “profughi” reclutati e spinti a partire, per soddisfare oscure manovre geopolitiche ed economiche. 

 

 Solo un’infima percentuale di essi è fatta di persone che sfuggono alle guerre, sempre programmate e gestite dal sistema. La stragrande maggioranza è composta di illusi che a caro prezzo accettano d’imbarcarsi, ipotecando il loro futuro e legandosi ad oscure organizzazioni (infiltrate nella politica) sperando di trovare qui da noi “l’America”. 

 

 Peccato che una volta scoperto l’amaro inganno a pagarne lo scotto sia la solita popolazione minuta, già alquanto tartassata e vessata. I profughi, ormai in trappola, che non hanno nulla da perdere, sono spinti dal bisogno a cercare una rivalsa violenta. Non come il resto della popolazione costretta a piegare il capo per salvare la casa, la macchina, l’apparecchio tv, … insomma i frutti amari del finto benessere pignorabile. 

 

Le masse di immigrati possono ribellarsi senza aver nulla da perdere e lo fanno e lo fanno pure bene. Su di loro non valgono le blandizie di una presunta protezione pastorale, né le minacce dei cani da guardia. 

 

 Il sistema può controllare ed influenzare solo chi del sistema è compartecipe e succube non chi ne sta fuori e deve combattere per la sopravvivenza. In un certo senso queste “pecore nere” sono come gli schiavi di Spartaco, il lievito di una possibile rivoluzione popolare. Una rivoluzione che gli irreggimentati del gregge non potrebbero mai avviare.

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento