Notizie in Controluce

MAHAVISHNU ORCHESTRA – The inner mounting flame (1971)

 Ultime Notizie
  • 7 settembre 2020: nasce SCR, il “Sistema Castelli Romani” Il Consorzio dei Comuni dei Castelli Romani coordinerà le politiche culturali e di promozione del territorio   I Sindaci di 16 Comuni del territorio hanno approvato definitivamente il nuovo Statuto...
  • MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE: “SERVE DIALOGO AUTENTICO TRA COMMERCIANTI E COMUNE PER EVITARE EPISODI CHE METTONO AL REPENTAGLIO IL RILANCIO DI UN SETTORE VITALE PER IL CENTRO STORICO”...
  • WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO: BANDIERE A MEZZ’ASTA IL GIORNO DEL FUNERALE DEL RAGAZZO Il sindaco Andreotti rilancia:”Tutti i comuni si costituiscano parte civile ad adiuvandum per manifestare la reazione...
  • Pomezia – Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Sono partiti questa mattina i lavori di ristrutturazione del muro di recinzione che circonda il perimetro della scuola primaria...
  • PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra FONDAZIONE PISTOIA MUSEI annuncia PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, Caterina Toschi 19 settembre 2020 – 22 agosto 2021 ingresso su prenotazione:...
  • LA FISICA DEI RAGAZZI Per una fortunata coincidenza, giovedì 3 settembre, nel Blog del “Fatto Quotidiano” è apparso un appello di Jacopo Fo titolato “Allo studente non far sapere che la fisica è stupefacente...

MAHAVISHNU ORCHESTRA – The inner mounting flame (1971)

Aprile 20
21:12 2010

Il gruppo dei Mahavishnu Orchestra viene fondato nel 1971 dal chitarrista John McLaughlin e dal batterista Billy Cobham. Questo strano nome deriva dal fatto che John McLaughlin a quel tempo era amico e discepolo del guru indiano Sri Chinmoy, che appunto lo chiamava “mahavishnu”: tradotto, significa “compassione divina, forza e giustizia”.

Questo album è una pietra miliare della musica fusion; all’interno si possono trovare tantissime influenze, anche insolite, che vanno – per i ritmi – dalla musica popolare indiana al funk, e per la voce, dalle influenze gospel al R&B. All’interno delle canzoni c’è un intreccio unico di riff tra chitarra, violino e sintetizzatori, il tutto amalgamato da una spinta di puro rock elettrico distorto che McLaughlin ha preso in prestito da Jimi Hendrix, con il quale ha suonato in alcuni concerti a New York nel 1970. Non aspettatevi il solito disco di rock sperimentale degli anni Settanta: qui di sperimentazione – in quanto tentativo di unire diversi generi per vedere cosa esce fuori – non c’è nulla, tutte le canzoni e gli arrangiamenti sono stati fatti da McLaughlin con grande maestria e sono davvero complessi e molto elaborati. Per questo il disco merita di essere ascoltato ad un bel volume alto, così da poter apprezzare al meglio tutte le linee ritmiche e melodiche degli strumenti, che variano continuamente. I 45 minuti di durata del cd vi voleranno ed ogni volta che lo riascolterete vi sembrerà sempre la prima, perchè la quantità di spunti offerti è davvero impressionante.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento