Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Monte Compatri 2022, si sono conclusi il Festival del Cinema e la Rassegna tetrale

Monte Compatri 2022, si sono conclusi il Festival del Cinema e la Rassegna tetrale
Luglio 11
19:24 2022

Le rappresentazioni teatrali, l’elenco dei premiati
e le motivazioni della Giuria tecnica per ogni premio

Il 10 luglio 2022, con un grande successo di pubblico che ha sottolineato l’elevata qualità dei testi presentati e degli artisti che si sono succeduti sul palco, si è conclusa la annuale manifestazione pubblica che ha compreso la quarta edizione del Festival del Cinema e la dodicesima Rassegna dei Castelli Romani di Teatro Amatoriale.

Si è svolta presso il Parco comunale Karol Wojtyla (ex Romito), organizzata dal Comune di Monte Compatri e dall’Associazione di promozione sociale Photo Club Controluce, che l’ha ideata e che ne ha curato la direzione artistica con Laura Paracuollo.

La manifestazione ha avuto il contributo della Regione Lazio e il patrocinio del Parco Regionale dei Castelli Romani e della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini.

Qui riportiamo l’elenco delle rappresentazioni teatrali e dei premiati includendo le motivazioni della Giuria tecnica per ogni premio.


Le rappresentazioni delle cinque serate

La spallata di Gianni Clementi
presentato dalla Compagnia IL TEATRO APS di Roma

Il ritorno di Dalì di Demian Antonio Aprea
presentato dalla Compagnia FILONI D’ACCIAIO di Roma

Ti ucciderò fino a farti morire di Valerio di Piramo
presentato dalla Compagnia teatrale IL DUOMO di Monte Compatri

L’ultimo degli amanti focosi di Neil Simon trad. Sergio Jacquier                 
presentato dalla Compagnia teatrale SCANSONATI di Palestrina

Maschiacci di Igor Geat liberamente tratto da I Menecmi di Plauto
presentato dalla Compagnia teatrale OFF ROME COMPANY di Zagarolo


I premi assegnati


Premio “Città di Monte Compatri”

Per i tempi comici, per l’utilizzo dello spazio scenico, i colori e le sfumature che hanno caratterizzato ogni personaggio presentato. Per la riflessione attraverso la risata di un tema che accomuna tutti e la simbiosi trasmessa al pubblico, vince il premio Città di Monte Compatri L’ultimo degli amanti focosi della compagnia Scansonati.
Laura Paracuollo


Il premio è assegnato alla Compagnia teatrale SCANSONATI di Palestrina


Premio di Gradimento del pubblico

La compagnia che ha vinto il Premio di gradimento del pubblico ha espresso una forte capacità comunicativa di tipo scenico e una recitazione vivace, espressiva, ricca di tinte stravaganti. L’intonazione e la gestualità si sono alimentate reciprocamente con una dizione raffinata e con movimenti di scena e ritmi perfetti che mai hanno provocato un calo dell’attenzione del pubblico il quale ha ricevuto pienamente – serenamente e con allegria – il messaggio che è partito dal palco: lo spettatore è stato condotto ad avere una risposta sul significato e sui valori dell’umanità che sono messi sempre in discussione nel corso della vita di ognuno di noi.
Armando Guidoni


Il premio è assegnato alla Compagnia teatrale SCANSONATI di Palestrina


Migliore regia

Lo spaccato di vita di una famiglia di borgata romana, alle prese con il confronto generazionale, lutti e voglia di riscatto sociale de La Spallata di Gianni Clementi è diretta da Salvatore Margiotta con attenzione, ritmi incalzanti, buoni tempi comici e ottima gestione dello spazio scenico.
Livia Massimi

Il premio è assegnato a Salvatore Margiotta della Compagnia IL TEATRO di Roma


Migliore scenografia

Per una messa in scena valorizzata da suggestioni sceniche in assoluto accordo con i personaggi e con i tempi comici. Per aver allestito una scenografia arricchita da un fondale dipinto a mano che forniva una profondità realistica. Per l’impegno impiegato nei dettagli, e per aver mantenuto nella realizzazione del lavoro una conveniente semplicità necessaria per valorizzare la cornice visiva della scena. La compagnia ha voluto mantenere il nome dell’autore originario – Fabrizio Monaco – che, purtroppo, è morto alcuni anni fa. Pertanto chiamo sul palco un rappresentante della Compagnia del Duomo a ritirare il premio.
Armando Guidoni

Il premio è assegnato a Fabrizio Monaco della Compagnia teatrale IL DUOMO di Monte Compatri


Migliore attrice protagonista

Un ex aequo per questo premio mostra come le due attrici, Antonina Lucantonio (Lucia) e Loriana Nosillo (Assunta) a nostro avviso abbiano saputo cogliere la prospettiva comica dei personaggi e dare loro voce e corpo con intensità offrendo un’evoluzione inaspettata.
Livia Massimi

Il premio è assegnato a Antonina Lucantonio e Loriana Nosillo della Compagnia IL TEATRO di Roma


Migliore attore protagonista

Per l’originalità, per la presenza scenica, per l’aver mantenuto costante l’interpretazione non facile di un personaggio complesso per la durata dell’intero spettacolo, assegniamo il premio per il migliore attore a Demian Antonio Aprea con Il ritorno di Dalì.
Laura Paracuollo

Il premio è assegnato a Demian Antonio Aprea della Compagnia FILONI D’ACCIAIO di Roma


Migliore attrice non protagonista

Anche in questo caso abbiamo dovuto fare fronte ad un pari merito addirittura tra tre attrici, Silvia Cortella (Elaine), Maria Francesca Simeoni (Bobbi) e Martina Lulli (Jeanette) di fronte ad un’interpretazione che mette in risalto la preparazione, corpi scenici in grado di aderire perfettamente ai ruoli interpretati dando vita a personaggi ricchi di sfumature e curati nei dettagli, misurati nella comicità, senza mai sfiorare il macchiettismo.
Livia Massimi

Il premio è assegnato a Silvia Cortella, Maria Francesca Simeoni e Martina Lulli della Compagnia teatrale SCANSONATI di Palestrina


Migliore attore non protagonista

Abbiamo assegnato il premio a Giuseppe Cantagallo per la sua interpretazione di Romolo in “La Spallata” di Gianni Clementi. Ci ha convinti con la sua ironia, le sue abilità comiche e il suo spirito che ne delineano un carattere decisamente brillante.
Livia Massimi

Il premio è assegnato a Giuseppe Cantagallo della Compagnia IL TEATRO di Roma


Migliore caratterista

Ancora una volta uno dei premio viene assegnato ex aequo a due attrici.
Per l’energia, il divertimento e la capacità di mettersi in gioco creando atmosfere divertenti e momenti leggeri nel panorama della commedia Ti ucciderò fino a farti morire, vincono il premio di migliori attrici caratteriste Rossella Martini e Cristina Martini.
Laura Paracuollo

Il premio è assegnato a Rosella Martini e Cristina Martini della Compagnia teatrale IL DUOMO di Monte Compatri


Premio speciale della Giuria

La Giuria ha voluto assegnare un premio speciale al musicista che ha suonato il violoncello eseguendo, dal vivo, una descrizione musicale in accompagnamento della recitazione.
Armando Guidoni

Il premio è assegnato a Gabriele Fioritti della Compagnia FILONI D’ACCIAIO di Roma

Le targhe che sono state assegnate alle compagnie che hanno vinto il Premio Città di Monte Compatri e il Premio della Giuria popolare sono state donate dall’artista Tiziana Properzi dell’Associazione “Triplo fuoco” che ha offerto la sua arte nella creazione delle preziose targhe in porcellana interamente dipinte a mano, con la tecnica del terzo fuoco e con l’utilizzo di metalli preziosi. Grazie Tiziana.

Grazie a Vinicio Tullio per le splendide foto.

Arrivederci per le prossime manifestazioni!

Articoli Simili

1 Commento

  1. maria
    maria Luglio 12, 19:03

    favoloso!!!
    grazie a tutti voi e appuntamento alla 13^ edizione!

    Reply to this comment

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”