Notizie in Controluce

Monticiani ed olandesi cantano insieme

 Ultime Notizie

Monticiani ed olandesi cantano insieme

Giugno 30
23:00 2009

Dopo la splendida esperienza in Germania, con il Coro Polifonico dell’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera, il Presidente Claudina Robbiati ci ha portato fino in Olanda a Rotterdam e Amsterdam, dai “Castelli Romani” ai “Paesi Bassi” in un viaggio del quale ognuno di noi porterà con sé un ricordo indelebile. Sono state giornate intense. Appena sbarcati all’aereoporto di Eindhoven siamo stati accompagnati a Rotterdam nella Scuola di Musica dove “I Fiati” hanno la loro base e abbiamo iniziato subito le prove per il concerto del giorno dopo. Il giorno successivo ci hanno portato nella graziosa cittadina di Hoek van Holland, tra Rotterdam e Amsterdam, dove ci aspettava un coro formato da 60 uomini, il MannenKoor “Eendracht Maakt Macht”. Il teatro può contenere 500 persone. Il riscaldamento e le prove in una saletta attigua, forse per l’agitazione, non sono andate bene… una catastrofe! Il maestro Vicari con la sua ormai nota tranquillità ci ha rassicurato dispensando consigli. Così, impauriti e tesi, abbiamo preso posto nelle prime due file del teatro. Dopo la presentazione della manifestazione da parte del Presidente, il coro EMM ha iniziato il repertorio in programma con Ecce quomodo moritur di J. Handl. Al coro poi si sono alternati “I Fiati”. Giunto il nostro turno, abbiamo iniziato con quattro brani a cappella: Jesu! Rex admirabilis, Benedictus, O Sacrum Convivium e El grillo è buon cantore. I consigli del Maestro Vicari hanno funzionato, tutti i cantori, concentratissimi, hanno modulato le voci con maestria e portato a termine l’esecuzione dei brani in modo perfetto. Gli applausi fragorosi e calorosi ci hanno fatto subito capire che il pubblico, competente, aveva gradito. Il concerto è poi continuato con due brani a cori uniti (90 coristi!) accompagnati dal complesso strumentale dei Fiati: Humming Chorus di Puccini e Ave Verum di Mozart. Dopo una pausa che ci ha consentito di riprendere fiato, ma non di perdere unità e concentrazione, il concerto è ripreso con l’esibizione del coro olandese: ottime esecuzioni di Conquest of paradise e Mala Moja. Giunto di nuovo il nostro turno, accompagnati questa volta dai Fiati di Rotterdam, abbiamo eseguito Laudate Dominum di Vivaldi e poi Jesus Bleibet Meine Freude di Bach. Quindi, dopo sinceri e convinti applausi, ci siamo esibiti con Il Pagliaccio, un simpatico brano tradizionale napoletano e Il carnevale di Venezia di Rossini. Poi… il brano che tutti aspettavamo, cantato con il coro EMM: Signore delle Cime di Bepy De Marzi. Particolarmente emozionante e commovente è stata l’esecuzione, poiché prima del brano c’è stata la dedica a Mauro, nostro amico, che doveva essere presente in Olanda ma, amante della montagna, purtroppo ci ha lasciato… sepolto da una slavina sulle Dolomiti, che tanto amava!
Il secondo concerto il giorno dopo a Bleiswijk nella Dorpskerk, anch’essa piena di un pubblico attento che ad ogni brano, con sincero entusiasmo, applaudiva soddisfatto. È stata veramente un’esperienza speciale. Che soddisfazione questa tournée, che prova positiva è stata per noi coristi! I giorni seguenti, sul veliero che ci ha ospitato e portato in giro per il mare d’Olanda (visto che non c’erano più orari da seguire e appuntamenti ufficiali), i momenti conviviali hanno consentito al nostro gruppo di consolidare le vecchie amicizie e di scoprirne di nuove, i più chiusi si sono aperti tirando fuori la vera indole del corista. Ci dispiace per chi, per motivi personali, non è potuto essere presente; il compito di far rivivere passo dopo passo questa avventura è stato affidato a Tarquinio Minotti, che con il suo “Diario di viaggio” ci riporterà in quei luoghi e quei momenti. Un grazie speciale a John De Kievit e Manuela Gentili per aver organizzato così accuratamente il viaggio in ogni minimo dettaglio; un particolare ringraziamento a Giorgia De Rossi (per noi Zeliana) per averci tenuto “in forma” con i suoi prelibati manicaretti; e per finire ringraziamo anche Stefano Villa che, sempre presente, esaudiva ogni nostra richiesta.
È senz’altro un’altra scommessa vinta da questi Monticiani!!!!

Articoli Simili