Notizie in Controluce

Mostre per Leonardo e per Raffaello: 42.648 visitatori al 13 ottobre

 Ultime Notizie

Mostre per Leonardo e per Raffaello: 42.648 visitatori al 13 ottobre

Mostre per Leonardo e per Raffaello: 42.648 visitatori al 13 ottobre
ottobre 24
11:55 2019

  FANO, Museo del Palazzo Malatestiano, Sala Morganti

Leonardo e Vitruvio: oltre il cerchio e il quadrato.

Alla ricerca dell’armonia. I leggendari disegni del Codice Atlantico

 

URBINO, Palazzo Ducale – Sale del Castellare

Da Raffaello. Raffaellino del Colle

 

PESARO, Palazzo Mosca – Musei Civici

Agostino Iacurci. Tracing Vitruvio.

Viaggio onirico tra le pagine del De Architectura

 

Successo di visitatori per le tre mostre nelle Marche in omaggio a Leonardo e Raffaello a Fano, Urbino e Pesaro. Sono 42.648 le presenze registrate fino a domenica 13 ottobre nelle tre sedi, visitate con un biglietto unico.

 Incremento di gruppi e scuole a settembre e ottobre e grandissima partecipazione agli eventi dell’ultimo weekend a Fano e Urbino.

 

Grande successo delle Mostre per Leonardo e per Raffaello a Fano, Pesaro e Urbino, che insieme hanno raggiunto 42.648 presenze, a testimoniare il forte interesse per questo evento dedicato a due geni del Rinascimento italiano. Dai disegni di Leonardo al De Architectura di Vitruvio, dalla delicatezza di Raffaellino del Colle alle visioni oniriche di Agostino Iacurci.

Domenica 13 ottobre si sono concluse la mostra di Fano: “Leonardo e Vitruvio: oltre il cerchio e il quadrato. Alla ricerca dell’armonia. I leggendari disegni del Codice Atlantico”, al Museo del Palazzo Malatestiano, Sala Morganti, a cura di Guido Beltramini, Francesca Borgo e Paolo Clini, e quella di Urbino: “Da Raffaello. Raffaellino del Colle”, a Palazzo Ducale Sala del Castellare, curata da Vittorio Sgarbi in omaggio ad uno dei più fedeli seguaci del Divin pittore.

Prorogata invece fino al 24 novembre l’esposizione di Pesaro: “Agostino Iacurci. Tracing Vitruvio. Viaggio onirico tra le pagine del De Architectura a Palazzo Mosca – Musei Civici, a cura di Marcello Smarrelli.

Il dato di affluenza al 13 ottobre si riferisce alle tre mostre, visitabili con un biglietto unico, come da progetto diffuso messo in campo di concerto dai tre Comuni nell’ambito delle celebrazioni promosse dal MIBAC per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci nel 2019 e di Raffaello Sanzio nel 2020 e conferma il bilancio positivo sia per le città che per l’intera regione; l’obbiettivo di valorizzazione policentrica del patrimonio locale, favorevole alla formazione di un’identità culturale e allo sviluppo turistico, è stato infatti raggiunto grazie a un percorso sinergico che ha raccontato gli artisti e le connessioni con il territorio valorizzandolo.

Le mostre sono state visitate da numerosi turisti nel periodo estivo e da molti gruppi organizzati, con incremento dei gruppi scolastici nei mesi di settembre e ottobre. La mostra di Fano, soprattutto, è stata prenotata da scuole dell’infanzia, primaria e secondaria, in tutte le fasce orarie disponibili, un vero sold-out; sono state predisposte anche aperture anticipate al mattino e attività laboratoriali nelle classi che sono proseguite a esposizione conclusa.

Positivo altresì il bilancio degli eventi collaterali che in tutte le sedi hanno registrato numeri importanti di presenze, tra spettacoli, visite a tema, attività esperienziali e laboratori.

 Ma quello finale è stato un week-end da record. Grande affluenza a Fano, in occasione degli eventi da venerdì a domenica: visite guidate, approfondimenti, esperienze per famiglie e performance di Carlo Simoni, interprete dello sceneggiato storico “La vita di Leonardo da Vinci” di Renato Castellani. Numerosi gli appassionati che sono tornati per la seconda o terza volta ad ammirare i disegni di Leonardo. Ugualmente a Urbino molto partecipate le visite guidate negli ultimi due giorni, con i residenti che hanno usufruito del biglietto omaggio, e più in generale a ottobre sì è registrato un buon incremento dell’affluenza che ha risentito positivamente dell’apertura della mostra “Raffaello e gli amici di Urbino”, alla Galleria Nazionale delle Marche di Palazzo Ducale.

Alla mostra di Pesaro “Agostino Iacurci. Tracing Vitruvio”, visitabile fino al 24 novembre, le attività proseguono nel fine settimana, su prenotazione: il sabato alle 16, laboratori didattici “Sogni di forme e di architetture” (4 euro), la domenica alle 17 visite guidate individuali (3 euro).

Anche sul fronte della comunicazione i dati sono rilevanti. Il sito web ufficiale della mostra ha registrato 32.130 visualizzazioni e 12.147 utenti singoli, con una media di 179 visite al giorno. Le principali città da cui provengono gli utenti sono state: Roma, Bologna, Milano, Pesaro, Ancona, Fano, Jesi, Senigallia, San Benedetto del Tronto, Perugia, Urbino, Torino, Firenze, Genova e Napoli. I social media delle mostre Facebook e Instagram sono stati seguiti in modo costante da oltre 17.000 follower.

Dalla conferenza stampa di lancio ad oggi, più di 240 testate giornalistiche, online e offline, hanno dedicato articoli e servizi alla mostra, per un totale di oltre 500 articoli, segnalazioni e servizi. Testate nazionali prestigiose, agenzie stampa, televisioni oltre a numerosi media regionali e dei settori turismo, arte e cultura.

Il progetto Mostre per Leonardo e per Raffaello è realizzato con il sostegno della Regione Marche, del Comitato nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio, del Comitato nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, del Centro Studi Vitruviani di Fano, dell’Ente Olivieri – Biblioteca e Musei Oliveriani e l’organizzazione curata da Sistema Museo.

 Informazioni e prenotazioni

Pesaro – Palazzo Mosca – Musei Civici T 0721 387 541 / pesaro@sistemamuseo.it

Prenotazioni visite speciali anche online su www.italytolive.it

www.mostreleonardoraffaello.it

  

UFFICIO STAMPA

Sara Stangoni ufficiostampa@sistemamuseo.it

Alessandra Zanchi  press.zanchi@gmail.com / info@presszanchi.com

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento