Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

“Non vogliamo morire precari!” Protesta dei lavoratori in appalto della Sanità pubblica al Consiglio Regionale del Lazio

Maggio 24
15:49 2023

Le lavoratrici e i lavoratori in appalto presso gli uffici amministrativi, i CUP, il ReCUP, i centralini hanno protestato durante lo svolgimento della seduta di oggi del Consiglio regionale del Lazio per chiedere alla nuova giunta un confronto diretto per mettere definitivamente fine alla piaga della precarietà e discriminazione che infetta da anni il Servizio sanitario pubblico della Regione Lazio.

«Stiamo parlando di alcune migliaia di lavoratrici e lavoratori sfruttati e discriminati dalla pubblica amministrazione, tramite gli appalti e/o il lavoro di somministrazione, sempre con contratti part-time non sottoscritti per libera scelta, che da decenni sono costretti a vivere con salari di 600-900 euro e che per il futuro sono condannati a sopravvivere con pensioni ancora più misere, nella perenne ansia di non superare l’ennesimo cambio appalto. Appalti di servizi mai genuini che nascondono l’uso spudorato di affitto illegittimo di mano d opera realizzato negli anni dentro la P.A.» afferma Domenico Teramo dei COBAS del lavoro privato.

Le lavoratrici e i lavoratori sono intervenuti durante la riunione del Consiglio ed esposto cartelli con la scritta “Non vogliamo morire precari”.

«Si potrebbero scrivere libri per descrivere le responsabilità politiche, di tutti i colori, che hanno determinato tale irragionevole mostruosità sociale dentro la pubblica amministrazione ma a noi, per ora, non interessa» spiega il sindacalista dei COBAS.

«Interessa, invece, sanare una volta per tutta tale piaga attraverso un percorso di stabilizzazione di tutto il personale che opera in appalto e/o in somministrazione per i servizi amministrativi delle ASL, delle Aziende Ospedaliere, negli uffici, presso gli sportelli CUP, nei Centralini o presso il servizio ReCup. Una sanatoria che, peraltro, farebbe risparmiare milioni di euro alle casse del servizio sanitario regionale, destinabili a rafforzare l’assistenza sanitaria al cittadino».

«Per farlo si possono adottare diverse soluzioni normative, alcune da subito praticabili altre per le quali sarà opportuno sollecitare il legislatore nazionale, e spetta alla Giunta e al Consiglio della Regione Lazio individuare le migliori».

Un tema sicuramente da affrontare ora tenuto conto che il TAR del Lazio il 26 aprile ha annullato per vizi sostanziali la gara di appalto centralizzata aggiudicata dalla centrale acquisti della Regione Lazio nel 2022.

«Su questo tema le lavoratrici e i lavoratori precari addetti ai servizi amministrativi hanno chiesto da mesi una interlocuzione con il Presidente Rocca e la Giunta senza ricevere alcuna risposta, umiliando ulteriormente coloro che negli ultimi 20 anni hanno contribuito, a fianco delle altre figure professionali, a far funzionare la servizio sanitario pubblico della Regione Lazio e che sono stati in prima linea ad affrontare la crisi pandemica, nonostante non sia giunto loro alcun riconoscimento» conclude il rappresentante dei COBAS.

 

 

V.le Manzoni, 55 – 00185 Roma

Tel. 06.800.78.919
E-mail: ufficiostampa.roma@cobaslavoroprivato.it

Web: www.cobaslavoroprivato.it

Facebook: Cobas Lavoro Privato

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Registro ISSN

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2023
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”