Notizie in Controluce

#Nonleggeteilibri – Donne che comprano fiori…senza crisi di nervi

 Ultime Notizie
  • 7 settembre 2020: nasce SCR, il “Sistema Castelli Romani” Il Consorzio dei Comuni dei Castelli Romani coordinerà le politiche culturali e di promozione del territorio   I Sindaci di 16 Comuni del territorio hanno approvato definitivamente il nuovo Statuto...
  • MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE: “SERVE DIALOGO AUTENTICO TRA COMMERCIANTI E COMUNE PER EVITARE EPISODI CHE METTONO AL REPENTAGLIO IL RILANCIO DI UN SETTORE VITALE PER IL CENTRO STORICO”...
  • WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO: BANDIERE A MEZZ’ASTA IL GIORNO DEL FUNERALE DEL RAGAZZO Il sindaco Andreotti rilancia:”Tutti i comuni si costituiscano parte civile ad adiuvandum per manifestare la reazione...
  • Pomezia – Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Sono partiti questa mattina i lavori di ristrutturazione del muro di recinzione che circonda il perimetro della scuola primaria...
  • PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra FONDAZIONE PISTOIA MUSEI annuncia PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, Caterina Toschi 19 settembre 2020 – 22 agosto 2021 ingresso su prenotazione:...
  • LA FISICA DEI RAGAZZI Per una fortunata coincidenza, giovedì 3 settembre, nel Blog del “Fatto Quotidiano” è apparso un appello di Jacopo Fo titolato “Allo studente non far sapere che la fisica è stupefacente...

#Nonleggeteilibri – Donne che comprano fiori…senza crisi di nervi

#Nonleggeteilibri – Donne che comprano fiori…senza crisi di nervi
Giugno 30
17:07 2020

«Non leggete i libri fateveli raccontare» (Luciano Bianciardi)

(Serena Grizi) Donne che comprano fiori (titolo originale: Mujeres que compran flores) di Vanessa Montfort, Feltrinelli 2018 traduzione di Enrica Budetta € 9,90 isbn 9788807891441 e-book € 6,99. Disponibile al prestito inter bibliotecario SBCR www.consorziosbcr.net

La quarta di copertina, la pubblicazione nell’universale economica Feltrinelli, quella delle riedizioni di successo, depongono bene per questo romanzo dalla trama flebile, che forse mescola due romanzi in uno solo. Che vorrebbe essere racconto corale e non ci riesce, scritto da autrice spagnola che dimostra di non aver guardato né Donne sull’orlo di una crisi di nervi, né Tutto su mia madre, del regista Almodóvar, né d’aver letto Racconto di un naufrago, che pure cita, di G.G. Márquez. Oppure di aver guardato e letto le opere appena citate ma di non averne tratto lezione. Per parlare di femminile contemporaneo, forse, non basta più dichiararsi quarantenni e strizzare l’occhio a tutte quelle vicissitudini che potrebbero aver toccato, tutte o qualcuna, una donna adulta: essere state lasciate dal grande amore; essere stata o essere un’amante; vivere con un tipo brutto e per niente intelligente che sa solo criticare; essere ‘schiave’ dell’idea che ci si è fatta di se stesse. Ecco, quello che segue è uno dei punti alti del racconto, assieme a pochi altri, in questo atipico romanzo che non prende mai il volo: «Quello ormai era il passato, pensai. E noi non eravamo fatti di passato. Non potevamo essere soltanto il prodotto dell’educazione dei nostri genitori, né del rapporto con i nostri compagni, né di ciò che avevamo perso. Mi rifiutavo di accettare che fosse così. Doveva esserci qualcosa della Marina che avevo costruito io, di cui ero l’unica responsabile». Si narra la storia di cinque donne che vivendo le proprie esistenze complicate, hanno l’abitudine di comprare fiori catalizzate da un vivaio con serra e giardino costruito sul terreno d’un cimitero antico nel centro di Madrid, e dalla sua proprietaria, Olivia, passionale e misteriosa, una donna con qualche anno in più e che per questo conosce molte cose della vita. Il romanzo nel romanzo è rappresentato da una traversata per mare che una di queste amiche “nella lotta per essere se stesse”, intraprende per dimostrarsi di poter essere più che ‘un copilota’. Quasi ogni scena del libro, tranne qualche racconto nel racconto che resta, per l’appunto, isolato dal contesto per una sua intima perfezione, sembra tirata alla fine con sforzo: un certo gusto cinematografico ordinario (dettagli dei vestiti e della bellezza o delle rare scene di sesso) che va descrivendo più quel che dovrebbe essere, per un pubblico che possiede un immaginario preconfezionato, più che quel che potrebbe, fanno soffrire persino la lettura. Così 370 pagine diventano troppe per una vicenda che non sapendo dove andare non ci trasporta neppure il lettore con stile ma con un andirivieni di stili tra passeggiate, bevute, serate di sorellanza e timidi segnali d’una solidarietà che si potrebbe (dovrebbe) avere col mondo, ogni tanto, la quale potrebbe persino distrarre dal proprio, seppure sacrosanto, ombelico. Non si fa, ma se capitaste in una libreria che lo consente e trovaste il libro in bella mostra potreste leggervi il capitolo Il gatto in un appartamento vuoto ispirato ad una poesia di Wislawa Szymborska Morire – questo a un gatto non si fa, questa sì bella, e bello il racconto dal tenero, tenero, finale.  (Serena Grizi)

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento