Notizie in Controluce

Nuovo Teatro San Paolo – SHAKESPEARE IN WAR

 Ultime Notizie

Nuovo Teatro San Paolo – SHAKESPEARE IN WAR

novembre 13
08:08 2019

SHAKESPEARE IN WAR

Di Michela Tilli
Regia Mary Di Tommaso

Con Fabio Pappacena, Angela Favella, Lora Ferrarotto, Lorenzo Garufo, Andrea Gasperini e Leonardo Pio Nardone
Scene e Costumi Angela Di Donna, Mariagrazia Iovine e Giorgia Rauccio
Assistenti Scene e Costumi Lara Cannito e Joyce Giordano

Pagina Web dello spettacolo

https://www.nuovoteatrosanpaolo.it/sito/spettacoli/2019/20191122shakespeareinwar.html

Venerdì 22 Novembre ore 20:30
Sabato 23 Novembre ore 20:30
Domenica 24 Novembre ore 18:00

Shekespeare in war è il terzo spettacolo della stagione teatrale 2019-2020 del Nuovo Teatro San Paolo, che porta il titolo programmatico di “Belli Lunghi”. Dopo quattro stagioni della Rassegna “Belli Corti”, selezione di corti teatrali, che ha riscosso un enorme successo di pubblico e partecipazione da parte di nuovi autori emergenti, il Nuovo Teatro San Paolo ha aperto le porte a testi teatrali di durata tradizionale, ma non tradizionali nel contenuto.

Sono stati letti e apprezzati oltre 400 testi da un gruppo di professionisti con esperienza pluridecennale in ambito teatrale, e sono stati selezionati 8 lavori, che saranno portati in scena dai migliori registi del Nuovo Teatro San Paolo.

“Belli Lunghi” sono testi drammatici, ironici, grotteschi, e ciascuno nel proprio registro offre uno spaccato della realtà contemporanea diretto e immediato, in cui il pubblico si riconoscerà senza compiacimenti e velleità intellettuali. :

Scrive l’autrice di Skakespeare in war: “Tra gli scrittori israeliani e palestinesi ci sono alcuni tra i miei romanzieri e poeti preferiti, come Darwish e Amiry, Grossmann e Yehoshua. L’eterno conflitto mediorientale è entrato nella mia stanza attraverso le loro parole, con i profumi e i suoni di quella terra martoriata. Ho scritto Shakespeare in War come un omaggio all’amore che fiorisce nelle situazioni più dolorose, dove donne e uomini resistono. Ed è anche un omaggio al teatro, all’arte della parola, che rivela il cuore umano quando sembra che l’uomo dia il peggio di sé”. (Michela Till)i

Sinossi: Siamo nella Striscia di Gaza, primavera 2018. Rifaat Al Abdi è un insegnante palestinese di letteratura inglese e vuole trasformare un vecchio ristorante abbandonato in un teatro, dove studiare Shakespeare con i suoi allievi. All’appello rispondono cinque studenti sui vent’anni. Sono tre maschi, Tariq, Youssef e Bilal, e due femmine, Nawal e Zahra. Sono i giorni dei conflitti per il trasferimento dell’ambasciata americana a Gerusalemme: lungo il confine con Israele si ammassano palestinesi disperati, anche spinti dalle milizie di Hamas. Tirano pietre, qualcuno cerca di superare il confine, i soldati israeliani sparano. Muoiono a decine. Gli ospedali sono pieni di feriti, mancano l’acqua, la corrente elettrica, il gas. Chiusi nel ristorante, Rifaat e gli allievi affrontano il testo del Mercante di Venezia, parlano di Shylock l’ebreo e cercano di capire il contesto dell’opera. Ma non possono ignorare quello che sta accadendo fuori, né possono mettere da parte le loro vite complicate. Tutti vorrebbero essere da un’altra parte e sapere com’è la vita in quel mondo che non hanno mai visto.

Il testo prende spunto dalla storia vera di Rifaat, insegnante palestinese che propone il Mercante di Venezia ai suoi studenti per farli riflettere.

Note di regia: Siamo a Gaza City, ennesimo venerdì di sangue. 5 studenti e il loro professore di teatro si rifugeranno in un ristorante abbandonato. Copioni alla mano, in questa giornata particolare esploreranno le loro vite attraverso le parole di Shakespeare, in un non-luogo sospeso tra la realtà della guerra e il mondo immaginato nella commedia “Il Mercante di Venezia”.
può il teatro unire ciò che la guerra divide? l’arte può salvare ciò che l’odio distrugge? Può la vendetta liberare l’uomo dal dolore? Scappare dai conflitti è davvero la soluzione? (Mary Di Tommaso).

Michela Tilli è autrice di romanzi e testi teatrali. Nata a Savona 45 anni fa, si è laureata in filosofia e vive a Monza. Ha pubblicato i primi due romanzi con Fernandel, piccola casa editrice ravennate, per poi passare a Garzanti con ‘Ogni giorno come fossi bambina’ e ‘Basta un attimo’. Nel 2019 ha scritto per Gallucci la serie ‘Fantalà’, il cui primo volume è candidato al premio Strega ragazze e ragazzi. La passione per il teatro nasce grazie all’incontro con Corrado Accordino, regista con il quale scrive nel 2014 ‘La morte balla sui tacchi a spillo’, monologo cucito addosso all’attrice comica Silvana Fallisi. In seguito collabora con Alessia Vicardi alla scrittura del monologo ‘L5-S1 Una storia naturale’, che tratta dell’incomunicabilità del dolore. Nel 2018 al Teatro Foce di Lugano debutta ‘Opinioni di un medico agnostico’, per la regia di Luca Spadaro. Tra i lavori in corso quest’anno, marzo 2020 vedrà l’uscita del nuovo romanzo Garzanti e il debutto al Teatro Binario 7 di Monza di ‘D.A.S. Dai forma al tuo futuro’ per la regia di Valentina Paiano.

I giornalisti interessati saranno nostri graditi ospiti, previa comunicazione tramite mail o chiamando la biglietteria al numero 0655340226 o al 3711793181.

– Nuovo Teatro San Paolo-
www.nuovoteatrosanpaolo.it
Tel. 0655340226
Viale di San Paolo 12, 00146 Roma.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento