Notizie in Controluce

‘O sogno di Sandro Natalizi

 Ultime Notizie

‘O sogno di Sandro Natalizi

Aprile 30
23:00 2009

Il pubblico si rispecchia nel teatro di Natalizi, rivede i propri avi e se stesso com’era fino all’altro giorno, prima che diventassimo tutti maniaci della pulizia e sperperoni di acqua e prodotti igienici inquinanti, dimenticando in pochi decenni le regole del buon vivere fatte di senso pratico e schiettezza contadina – pane al pane e vino al vino -, quando c’erano ancora gli altarini nello stazzo e la gente si riuniva per pregare e spettegolare in tutta innocenza. Sfilano i personaggi sulla scena – Elvira, Amilcare, Furgenzio, ‘o pecoraro, la comare, ‘o comparitto – e ognuno lascia la sua impronta fatta di umanità puerile e furbesca, e così si compone il canovaccio di una farsa che tale non sembra, ma vita vera senza artifici, ed è questo il merito di Sandro Natalizi: far rivivere ciò che più non è, riuscire a rendere il sapore anche di ciò che in scena si mangia e si beve, riportare in essere con la gestualità e l’espressività più genuine l’anima contadina che tutti ci portiamo dentro. Un teatro che rende omaggio non solo al dialetto, ma anche alle tradizioni e costumi di vita più radicati. Natalizi, autore e regista dei suoi lavori teatrali, in questa farsa fa un sogno – ‘O sogno, appunto – denso di significati e ammonizioni, che qui non riportiamo: il suo è un teatro che chiede di essere vissuto e non raccontato. Legato sempre alla solidarietà, un discorso che Natalizi porta avanti concretamente e che dà un senso ulteriore alla sua arte. Stavolta il ricavato della vendita dei biglietti è stato destinato a Matteo, il ragazzo ora 18enne che un paio di anni fa riportò gravi lesioni in seguito ad un tuffo in mare a Foce Verde, che lo costrinsero su una sedia a rotelle, e per il quale si apre una speranza mediante un costoso intervento in una clinica di Colonia, in Germania. “Noi facciamo la nostra parte – ci tiene a precisare Natalizi con l’umiltà che gli è propria – ma non ci rimettiamo nulla, abbiamo il rimborso spese”. Giovedì 2 e venerdì 3 aprile alle ore 20,30 pienone al teatro Aurora, e tanti applausi per Roberta Natalizi, Sandro Natalizi, Mario Canini, Mario Colonna, Paolo Acchioni, Cristian Sebastiani e Guglielmo Bongianni voce fuori campo.

Tags
Condividi

Articoli Simili