Notizie in Controluce

PARTE IL CENSIMENTO DELL’ISTAT

 Ultime Notizie
  • Partiti i “Bulgari Live Home”, la rassegna musicale a favore dei progetti di Save the Children Partiti i “Bulgari Live Home”, la rassegna musicale di Bulgari in diretta su Instagram a favore dei progetti di Save the Children A sostegno dell’iniziativa #SaveTheFuture, alcuni nomi d’eccellenza della...
  • IL 10 MAGGIO DAI BUDDHISTI ITALIANI UN MILIONE DI EURO ALLA CULTURA DEI TERRITORI CORONAVIRUS, FASE 2: IL 10 MAGGIO DAI BUDDHISTI ITALIANI UN MILIONE DI EURO ALLA CULTURA DEI TERRITORI Un fondo speciale per le diverse realtà del mondo della cultura, un’area socio-economica...
  • Il Teatro è Vita Silenzio. Tempo. Essere. Fare. Parole che appaiono sconnesse. Invece no. La connessione c’è ed è profonda. Questa esperienza che ci ha travolti tutti – e con tutti intendiamo veramente ogni...
  • «AlbanoRestaInsieme» L’Assessorato alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Giovanili presentano il contest «AlbanoRestaInsieme»   L’Assessorato alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Giovanili del Comune di Albano Laziale indice il Social Media...
  • Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza Sospesa la XXIX edizione del Festival prevista dal 17 maggio al 7 giugno MiniFestivalBeethoveniano dal 13 al 18 ottobre 2020   Il Consiglio di Presidenza del Festival Settimane Musicali al...
  • L’Esperanto: un mezzo di espressione umano Conferenza di Humphrey Tonkin al 7° Congresso Iraniano di Esperanto , 18 aprile 2020 Per prima cosa vi dico quale grande piacere è stato avere l’occasione di parlare agli esperantisti...

PARTE IL CENSIMENTO DELL’ISTAT

PARTE IL CENSIMENTO DELL’ISTAT
07 Ottobre
10:55 2018

Nel mese di ottobre parte il Censimento della popolazione. Siamo di fronte ad un cambiamento epocale. I Censimenti sono stati tradizionalmente condotti dall’ISTAT ogni dieci anni – l’ultimo è stato quello del 2011. D’ora in poi avremo i Censimenti permanenti, realizzati anno per anno, ed il 2018 sarà il lancio del nuovo bebè. Con il Censimento Permanente si avranno vari vantaggi. Il primo sarà quello della tempestività nel rilascio dei dati e del loro aggiornamento continuo. Il secondo è di tipo economico: il costo dell’immane macchina, che vede come protagonisti i Comuni, di dimezza (da 409 milioni di euro nel 2011 a 208 milioni). Il terzo sarà una sensibile riduzione del disturbo statistico sulle famiglie: la fornitura dei dati da parte dei cittadini sarà molto meno onerosa. Qualche dato sullo svolgimento del Censimento. Ogni anno saranno coinvolte 1,4 milioni di famiglie e 3,5 milioni di cittadini. Vi saranno varie modalità per fornire all’ISTAT i dati, inclusa quella telematica. Sarà abolita la carta: i rilevatori che accoglieremo con simpatia in casa saranno dotati del tablet. Non rimane che attendere il momento in cui saremo chiamati a dare il nostro contributo all’operazione censuaria per poi attendere tempi brevi per la pubblicazione dei dati che consentiranno di conoscerci come collettività nazionale e come singoli cittadini. In un periodo di mestatori di professione che inventano, falsano o deformano le notizie, l’ISTAT rimane un baluardo di credibilità e di indipendenza – oserei dire di “verità” – fondamentale per la tenuta del nostro sistema democratico.

 

 

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento