Notizie in Controluce

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO LOCALE “TERRE DI QUALITA’” 2014-2020

 Ultime Notizie

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO LOCALE “TERRE DI QUALITA’” 2014-2020

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO LOCALE “TERRE DI QUALITA’” 2014-2020
giugno 02
06:20 2019

Si è svolto in data 8 maggio 2019, dalle ore 17.00, presso l’aula consiliare del Comune di Nemi, l’incontro con il GAL e le Imprese, gli Enti pubblici, le Associazioni e i Tecnici a oggetto <<Piano di sviluppo locale “terre di qualità” 20142020>>. Il GAL (Gruppo di Azione Locale dei Castelli Romani e Monti Prenestini) è stato costituito nel 2009 e gestisce i finanziamenti europei in collaborazione con soggetti pubblici e privati al fine di promuovere lo “sviluppo integrato del territorio”. Opera tramite il PSL (Piano di Sviluppo Locale) detto “Terre di Qualità”, sulla base del Piano di Sviluppo Rurale del Lazio, al fine di promuovere lo sviluppo integrato del territorio. Il PSL è redatto dal GAL e contiene strategie e tipologia di investimenti attivabili “a valere sull’Asse I E III del PSR Lazio 2007-2013”. Il GAL tende a una strategia volta allo sviluppo armonico e sostenibile dell’area di riferimento intorno ai concetti chiave di “Territorio e Qualità” i cui obiettivi sono “il miglioramento della competitività delle imprese sul mercato” -incentivando la filiera breve e la vendita diretta-, la “qualificazione delle produzioni del territorio” -incentivando i certificati di qualità-, “la fruibilità del territorio per il tempo libero” -realizzato tramite la diversificazione agricola-, polifunzionalità, turismo ed enogastronomia. La spesa pubblica per il PSL prevede un piano finanziario suddiviso tra FEASR (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale), Stato e Regione dove l’attuazione spetta al GAL. I comuni aderenti sono Castel San Pietro Romano, Colonna, Frascati, Labico, Gallicano nel Lazio, Monte Compatri, Monte Porzio Catone, Nemi, Palestrina, Rocca di Papa, Rocca Priora, Rocca di Cave, San Cesareo e Valmontone. I settori di competenza sono agroforestale (svantaggi strutturali, ristrutturazione e ammodernamento), gestione ambiente e territorio (gestione biodiversità in essere, analisi quantitativa rischio ambientale come quello idrogeologico o gli incendi, energie rinnovabili), economia rurale e qualità della vita (patrimonio ambientale ed enogastronomico, lavoro tramite microimprese e turismo), analisi, strategia scelta -cultura, natura, identità enogastronomica- con individuazione di temi “sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali; turismo sostenibile; valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali”. Si privilegiano quei progetti che prevedono la cooperazione e la collaborazione pubblico-privato “nella gestione di asset e servizi, azioni congiunte tra attori dell’offerta nel turismo e reti per la valorizzazione dell’enogastronomia e la filiera breve” poiché tale “azione collettiva” risulta debole. Inoltre, il GAL può attivare complementarietà e sinergie con le altre politiche di sviluppo locale in atto nel territorio. Il tutto inserito in una strategia di valore aggiunto della produzione agroalimentare locale. Dall’incontro è emersa un’analisi delle sottomisure e tipologie di operazioni quali la Misura 7 (“Investimenti per uso pubblico in infrastrutture ricreative, informazione turistica, e infrastrutture turistiche su piccola scala”, “Investimenti per la conservazione e valorizzazione della biodiversità e del patrimonio culturale, architettonico e naturale di villaggi rurali, e paesaggi rurali e siti di pregio naturale”, “Investimenti nella creazione, miglioramento o espansione di servizi di base locali per la popolazione rurale”), la Misura 3 (“Supporto per le attività di informazione e promozione attuate da gruppi di produttori nel mercato interno”), la Misura 4 (“Creazione, ripristino e riqualificazione di piccole aree naturali per la biodiversità, di sistemazioni agrarie e di opere e manufatti di interesse paesaggistico e naturalistico”) e la Misura 16 (“Cooperazione tra piccoli operatori per organizzare processi di lavoro in comune e condividere impianti e risorse e per lo sviluppo e/o commerciale di servizi turistici sul turismo locale”) inerenti il PSL e che hanno mostrato le finalità, gli interventi ammissibili, i beneficiari (soggetti pubblici e privati), le condizioni di ammissibilità (no dissesto finanziario del richiedente, possesso del fascicolo aziendale unico aggiornato, proposta progettuale con la fattibilità tecnica e l’inserimento nel programma triennale delle opere pubbliche e/o nel biennale beni e servizi del Comune, iscrizione all’Anagrafe delle Aziende agricole, ecc.), i costi ammissibili (ristrutturazione, recupero, ammodernamento d’immobili, percorsi attrezzati e sede viabile, recupero aree degradate, sistemazione contesto ambientale, siti web, ripulitura terreno, ripristino e riadattamento muretti a secco, rifacimento sponde corpi idrici minori, realizzazione e miglioramento piazzole e sentieri, recinzioni, ecc.), gli importi e le aliquote di sostegno (massimali dell’importo minimo e massimo e l’intensità dell’aiuto fino al 100%), la dotazione finanziaria disponibile, i criteri di selezione (aree svantaggiate, aree svantaggiate montane, aree protette, ecc.) e i tempi di realizzazione (12 o 24 mesi). Differenziato in varie Misure quindi, attua sinergie per uno sviluppo della tipicità locale, tramite finanziamenti diretti a Enti e privati come i Comuni e le imprese agricole, o dirette a favore dell’ambiente e alla qualità del prodotto. E stato dato risalto alla collaborazione per “fare squadra e contemporaneamente chiedere il contributo per la propria azienda”, ossia “fare sistema” dove la progettazione deve rispettare una scala di priorità. Si concorre assieme in ambito ambientale, sociale, turistico e culturale (storico, architettonico, ecc.). Naturalmente l’effetto incentivante si manifesta se il progetto ricade su uno dei Comuni appartenenti al GAL. Supporto all’azienda agricola, qualità del prodotto locale e valorizzazione dell’ambiente a sostegno dello sviluppo rurale. Ulteriori informazioni specifiche sono riscontrabili presso il sito web www. galcastelli.it

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento