Notizie in Controluce

PRINCIPESSE E SFUMATURE AL TEATRO CIVICO DI ROCCA DI PAPA

 Ultime Notizie
  • 7 settembre 2020: nasce SCR, il “Sistema Castelli Romani” Il Consorzio dei Comuni dei Castelli Romani coordinerà le politiche culturali e di promozione del territorio   I Sindaci di 16 Comuni del territorio hanno approvato definitivamente il nuovo Statuto...
  • MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE: “SERVE DIALOGO AUTENTICO TRA COMMERCIANTI E COMUNE PER EVITARE EPISODI CHE METTONO AL REPENTAGLIO IL RILANCIO DI UN SETTORE VITALE PER IL CENTRO STORICO”...
  • WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO: BANDIERE A MEZZ’ASTA IL GIORNO DEL FUNERALE DEL RAGAZZO Il sindaco Andreotti rilancia:”Tutti i comuni si costituiscano parte civile ad adiuvandum per manifestare la reazione...
  • Pomezia – Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Sono partiti questa mattina i lavori di ristrutturazione del muro di recinzione che circonda il perimetro della scuola primaria...
  • PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra FONDAZIONE PISTOIA MUSEI annuncia PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, Caterina Toschi 19 settembre 2020 – 22 agosto 2021 ingresso su prenotazione:...
  • LA FISICA DEI RAGAZZI Per una fortunata coincidenza, giovedì 3 settembre, nel Blog del “Fatto Quotidiano” è apparso un appello di Jacopo Fo titolato “Allo studente non far sapere che la fisica è stupefacente...

PRINCIPESSE E SFUMATURE AL TEATRO CIVICO DI ROCCA DI PAPA

PRINCIPESSE E SFUMATURE AL TEATRO CIVICO DI ROCCA DI PAPA
Aprile 15
17:05 2018

 

Trascorrere un sabato sera a teatro è sempre una scelta piacevole, forse un po’ rischiosa se non siamo certi della riuscita dello spettacolo che si va a vedere… Anche stavolta però, nel Civico di Rocca di Papa, gli spettatori del 14 aprile  non sono affatto rimasti delusi, anzi!

Incuriosiva il titolo un po’ favolistico Principesse e sfumature – Lei, lui e noialtre… chissà.  Essenziale la scenografia e unica l’attrice sul palcoscenico con voce fuoricampo… poteva dirci bene, ma poteva anche dirci male, un monologo…

Invece una simpaticissima e sfrenata Chiara Becchimanzi, autrice e protagonista dello spettacolo, insieme a Beatrice Burgo sua interlocutrice invisibile, ha fatto scatenare la platea in una ilarità incontenibile, certamente non fine a se stessa.  Andiamo con ordine…

Riflessioni e psicoterapia sul tema della felicità e sull’essere donne, come esserlo, soprattutto in quest’epoca moderna che ci vuole indipendenti e autonome.  E invece,  ecco il dilemma: c’insegnano le favole,  quando siamo bambine,  a sopportare le sventure della vita, a vivere con gioia il sacrificio di convivere con matrigne e sorellastre, senza attenderci una gratificazione a tutti i costi,  essere  principesse spodestate ch’aspettano il principe azzurro che venga a salvarci … brrr,  s’aggriccia la pelle, ma devo continuare

Attendere con trepidazione  lui,  essere sempre all’altezza delle sue aspettative, perfetta, bella bella, magra magra, agile, scattante, depilata e senz’altro sexy e pronta a tutte le esperienze, secondo certi canoni che solo lui conosce e, bontà sua, mette in pratica…

La Becchimanzi ne ha ampiamente illustrato in modo molto comico, mai volgare,  posizioni, preliminari, prestazioni, pregiudizi, pregi, virtù e cantonate!! Quante cantonate!  E lo spirito di sopportazione ( eccolo!) che la povera lei deve mettere in pratica quando si viaggia a senso unico,  senza conoscere bene la via, ma soltanto immaginandola sulla cartina geografica.

E via a sciorinare impietosamente quel che di fallace (!) c’è in alcuni contorsionismi di per sé inutili: mancanza di delicatezza, difficoltà di comunicazione, confondere quantità con qualità, inutili lungaggini…  e di contro l’idea di sottomissione e romanticismo, lo spirito di rassegnazione perché potrebbe sempre andar peggio, necessità di conferme, tabù, timore di chiedere…

Il cliché di genere ch’emerge da questa spassosa esibizione, spinge a una riflessione ragionata,  non senza un pizzico di commozione, a un ripensamento su quel che sono ancora oggi le remore, le incertezze, le insicurezze presenti in diversi rapporti di coppia e soprattutto nella mente di alcune principesse che vorrebbero semplicemente essere donne.

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento