Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Quartetto Prometeo / Shostakovich: al Teatro Argentina il 26 gennaio si apre il 2023 dell’Accademia Filarmonica Romana con il terzo concerto dell’integrale dei Quartetti per archi di Shostakovich affidati all’eccellenza del Prometeo

Gennaio 23
13:32 2023

Al Teatro Argentina il 26 gennaio, per la stagione dell’Accademia Filarmonica Romana,

il Quartetto Prometeo in concerto con l’integrale dei Quartetti per archi di Šostakovič

Eccellenza della musica da camera, il Prometeo esegue del compositore russo i Quartetti n. 6, 7, 8.

Il concerto si inserisce nella rassegna “La musica da camera dal barocco al contemporaneo”

sostenuta dalla Regione Lazio con il Fondo Unico 2023 sullo Spettacolo dal Vivo

L’anno nuovo all’Accademia Filarmonica Romana si apre all’insegna di Dmitrij Šostakovič e del progetto dedicato all’integrale dei suoi Quartetti per archi che il Quartetto Prometeo – Giulio Rovighi primo violino, Aldo Campagnari secondo violino, Danusha Waskiewicz viola, Francesco Dillon violoncello -, fra le più rinomate formazioni da camera in Italia ed Europa, ha avviato con successo dallo scorso anno. L’appuntamento è al Teatro Argentina giovedì 26 gennaio (ore 21), con il terzo dei sei concerti programmati nell’arco di tre stagioni, che vedrà l’esecuzione dei Quartetti n. 6 in sol maggiore op. 101n. 7 in fa diesis minore op. 108n. 8 in do minore op. 110.

Composti fra il 1938 e il 1974, i quindici Quartetti per archi di Šostakovič attraversano uno spaccato importante della storia del Novecento che va dalla Seconda Guerra Mondiale ai primi segni di distensione della guerra fredda. La storia e l’esperienza personale di Šostakovič rivivono e si intrecciano in queste composizioni che diventano preziosa testimonianza di un’epoca storica e di un particolare sentire musicale.

Seguendo l’ordine cronologico di composizione, nel concerto del prossimo 26 gennaio verranno proposti i tre quartetti scritti nell’arco di cinque anni, fra il 1956 e il 1960. Il Quartetto n. 6 op. 101 si caratterizza dall’uso di melodie spensierate e ispirate a danze tradizionali; è insolitamente breve (poco più di dieci minuti) e di intenso lirismo il Quartetto n. 7 op. 108, composto nel 1960 e dedicato alla memoria della prima moglie Nina Vasil’evna Varzar, scomparsa nel 1954. Scritto in soli tre giorni a Dresda, fra il 12 e il 14 luglio 1960, fra i più celebri di tutta la sua produzione quartettistica, il Quartetto n. 8 op. 110, estremamente compatto e concentrato in cinque movimenti, è dedicato, come si legge sullo spartito, “alle vittime del fascismo e della guerra”. Un lavoro dal sapore tragico in cui si cela la profonda depressione di quegli anni di Šostakovič, pressato dal regime che lo voleva iscritto al Partito comunista. La prima del Quartetto si tenne nella Sala Piccola della Fi­larmonica di Leningrado il 2 ottobre 1960. Il successo fu eclatante, il pubblico applaudì l’autore in piedi, il bis vide la riesecuzione per intero della partitura. Tutti e cinque i movimenti si susseguono senza interruzione, un monolite di gravi pensieri, ricordi pesanti, flusso di emozioni e riflessioni sulla propria esistenza, in cui ritornano melodie e temi di precedenti suoi lavori, fra cui la citazione dell’aria di Katerina da Lady Mac­beth del Distretto di Mcensk, eseguita dal violoncello. A ritornare, fra le righe dei tre lavori il motivo DSCH, la firma musicale di Šostakovič. Tutti e tre i Quartetti vennero eseguiti per la prima volta dal Quartetto Beethoven, la formazione cameristica sovietica alla quale Šostakovič ha destinato quasi tutta la sua produzione quartettistica.

 

Il secondo concerto di stagione dedicato ai Quartetti sarà il 20 aprile, sempre al Teatro Argentina, con l’esecuzione deQuartetto n. 9 op. 117 e del Quartetto n. 10 op. 118, entrambi del 1964.

Vincitore della 50ª edizione del Prague Spring International Music Competition nel 1998 che gli ha aperto le porte verso una carriera internazionale, il Quartetto Prometeo ha ottenuto per due volte il premio speciale Bärenreiter al Concorso ARD di Monaco e il Leone d’Argento alla Biennale di Venezia 2012, confermandosi una delle formazioni più importanti della scena musicale internazionale.

Nel 1998 è stato eletto complesso residente della Britten Pears Academy di Aldeburgh, nel 1999 ha ricevuto il premio Thomas Infeld dalla Internationale Sommer Akademie Prag-Wien-Bu­dapest per le “straordinarie capacità interpretative per una com­posizione del repertorio cameristico per archi”, ed è risultato se­condo al Concours International de Quatuors di Bordeaux.

Si è esibito nelle più importanti sale tra cui Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein di Vienna, Wigmore Hall di Londra, Aldeburgh Festival, Prague Spring Festival, Mecklenburg Fe­stival, Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Società del Quartetto di Milano, Amici della Musica di Firenze, Teatro La Fenice di Venezia.

Collabora con musicisti quali Mario Bru­nello, David Geringas, Veronika Hagen, Alexander Lonquich, Enrico Pace, Stefano Scodanibbio, Quartetto Belcea, Enrico Bronzi, Mariangela Vacatello, Lilya Zilberstein. Particolarmente intenso è il rapporto artistico con Salvatore Sciarrino, Ivan Fe­dele e Stefano Gervasoni.

Ha inciso per Ecm, Sony e Brilliant.

Dal 2013 è Quartetto in residence all’Accademia Chigiana di Siena in collaborazione con la classe di composizione di Sal­vatore Sciarrino, dal 2019 tiene corsi di quartetto presso l’Ac­cademia Musicale Santa Cecilia di Portogruaro e dal 2020 a Roma nell’ambito di Avos Project.

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Gennaio 2023
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”