Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Riapre al pubblico la Locanda Martorelli di Ariccia

Riapre al pubblico la Locanda Martorelli di Ariccia
Maggio 22
07:47 2020

Si arricchisce l’allestimento museale

Sabato 23 maggio riapre le porte al pubblico la Locanda Martorelli di Ariccia con ingressi contingentati (massimo due-tre persone per volta). Ai visitatori, prima dell’accesso alla struttura, sarà misurata la temperatura corporea tramite termo scanner e l’accesso sarà consentito soltanto a coloro che indosseranno la mascherina, i guanti, igienizzeranno le mani (tramite l’apposita piantana con gel disinfettante posizionata all’ingresso) e manterranno la distanza interpersonale di un metro.

I visitatori riceveranno una sorpresa perché nel frattempo la struttura ha arricchito ulteriormente la musealizzazione della Sala I con foto d’epoca, riproduzioni di celebri reperti, dipinti dedicati alla città tra ‘700 e ‘800, pannelli dedicati al celebre pittore Nino Costa e ad artisti e letterati danesi. Nella Sala IV la musealizzazione è dedicata alle antichità di Ariccia e il visitatore sarà accompagnato alla scoperta dei culti aricini di Ippolito/Virbio, caratterizzato dal bifrontismo barbato imberbe, e della celebre Cerere del Casaletto con le stupende statue in terracotta rinvenute nella valle nel 1927.

Gli orari  di  apertura al pubblico, esclusivamente su prenotazione, sono i seguenti: lunedì, giovedì e venerdì dalle ore 10:00 alle ore 12:30, sabato 16:00-19:00 e domenica 10:00-12:30 (Archeoclub Aricino Nemorense APS: archeoclubaricia@alice.it; archeoclubaricinonemorense@gmail.com; telefono: 3883636502).

 

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”