Notizie in Controluce

Rocca Priora: nuove tasse per gli automobilisti.

 Ultime Notizie

Rocca Priora: nuove tasse per gli automobilisti.

Rocca Priora: nuove tasse per gli automobilisti.
gennaio 11
21:57 2019

Prima di commentare l’ubicazione di autovelox condivido la condanna per l’atto vandalico effettuato sulle apparecchiature.

In via di principio non sono contrario al monitoraggio della velocità sulle strade urbane, appunto ripeto velocità. Percorrere le strade a 30 km/h si ha l’impressione che invece di parlare di sicurezza, si accentui un’insicurezza stradale con una conseguente multa per gli spericolati avventori della velocità dei 30+5% (la tolleranza) km/h, ovvero i 31,50 km/h.

Chiaramente essendo un conducente ho percorso la strada rispettando i limiti. Non considerando l’andamento a lumaca, il dubbio mi è sorto quando per controllare la velocità invece di guardare la strada devi tenere gli occhi sul conta chilometri. Percorrendo la discesa si commina sui freni, con il rischio che alcune vetture (parliamo delle ultime tecnologiche) spengano automaticamente il motore; nel tratto di salita lo stesso discorso, dove una breve accelerazione (necessaria per la spinta in salita) ti spinge facilmente oltre il limite dei 30 km/h consentiti. Inoltre è assente qualsiasi tipo di segnaletica, le disposizione di legge prevedono l’obbligo della loro installazione con “adeguato anticipo” rispetto al luogo del rilevamento della velocità. La mancanza di segnalazione può giustificare la contestazione della multa.

Sono molti i paesi che installano autovelox dove i limiti, a secondo della richiesta di sicurezza, varia dai 40 ai 60 km/h. Tutte le vetture dispongono di servo freno, le ultime generazioni di frenata automatica di avvicinamento, un eventuale ostacolo, rispettando i limiti, risulta evitabile. Discorso inutile per l’utilizzo dei telefonini alla guida.

Mantenere limiti di velocità estremi assomiglia molto più ad una “tassa continua” per gli automobilisti, che ad un principio di sicurezza. Certo lo Stato riduce i fondi per le amministrazioni locali, qualcuno deve pagare.

Stessa situazione per il dissesto delle strade, è stato sufficiente inserire un cartello con scritto: “strada dissestata, limite di 30 km/h”. Se spacchi la macchina nella giungla delle buche sono problemi tuoi, io ti ho avvisato. Non sarebbe forse il caso di aggiustarle?

Mi è capitato di leggere un articolo in cui il Sindaco e l’amministrazione declamano l’istallazione dei “Totem” come: “…un piano di aggiornamento della segnaletica stradale ed in particolare di quella rivolta ai diversamente abili – di aumentare la sicurezza stradale in paese”. Per ciò che mi è stato insegnato nel tempo la sicurezza stradale in paese si aumenta con la presenza di marciapiedi (possibilmente senza pali della luce, alberi o pali per le segnalazione nel mezzo che ne ostacolano la percorribilità), attraversamenti ben visibili, incroci con spartitraffico o rotatorie, ed altri accorgimenti atti a migliorare la viabilità sia veicolare che pedonale. Per i disabili sarebbe opportuno ampliare le opere per abbattere le barriere architettoniche, permettere di poter passeggiare senza trovarsi nel mezzo della strada; provvedere alla sistemazione di accesso nei locali, siano essi pubblici che privati. Se poi qualcuno pensa che gli “autovelox” aiutino la percorrenza pedonale ed i disabili, ben venga questa iniziativa.

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031