Notizie in Controluce

Sanità: 18% diabetici senza cure adeguate a rischio diritti e terapie l’esperto: regioni stanzino fondi uniformi ad un accordo nazionale quadro

 Ultime Notizie
  • SUPERENALOTTO: DOPPIETTA DI 5 A POMEZIA E ANZIO SUPERENALOTTO: DOPPIETTA DI 5 A POMEZIA E ANZIO Lazio protagonista con il SuperEnalotto. Nel concorso di ieri, 8 settembre, in regione, sono stati centrati due “5” da 32.948,91 euro. Una...
  • 8 SETTEMBRE A GROTTAFERRATA, TRA MEMORIA E PRESENTE OMAGGIO ALLE VITTIME DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE E A QUELLE DELLA PANDEMIA Il sindaco Andreotti rivolge il proprio pensiero ai concittadini morti sotto le bombe del 1943/1944 come alle persone...
  • SOLO 14 NUOVI CASI AI CASTELLI ROMANI E LITORANEA SOLO 14 NUOVI CASI AI CASTELLI ROMANI E LITORANEA (129 NELLA REGIONE LAZIO, 90 SOLO A ROMA)  DOPO I PICCHI REGISTRATI PER I RITORNI DALLE FERIE DI FERRAGOSTO, LA CURVA...
  • 7 settembre 2020: nasce SCR, il “Sistema Castelli Romani” Il Consorzio dei Comuni dei Castelli Romani coordinerà le politiche culturali e di promozione del territorio   I Sindaci di 16 Comuni del territorio hanno approvato definitivamente il nuovo Statuto...
  • MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE: “SERVE DIALOGO AUTENTICO TRA COMMERCIANTI E COMUNE PER EVITARE EPISODI CHE METTONO AL REPENTAGLIO IL RILANCIO DI UN SETTORE VITALE PER IL CENTRO STORICO”...
  • WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO: BANDIERE A MEZZ’ASTA IL GIORNO DEL FUNERALE DEL RAGAZZO Il sindaco Andreotti rilancia:”Tutti i comuni si costituiscano parte civile ad adiuvandum per manifestare la reazione...

Sanità: 18% diabetici senza cure adeguate a rischio diritti e terapie l’esperto: regioni stanzino fondi uniformi ad un accordo nazionale quadro

Novembre 14
20:59 2018

Il 7% della popolazione italiana soffre di diabete, quasi 4 milioni di persone, e di queste oggi il 18% sono pazienti ‘invisibili’, non trattati in centri specializzati. Numeri destinati a crescere, con l’aumento dell’obesità e la scarsità di risorse economiche investite in cure e terapie per prevenire le complicanze della patologia.

A lanciare l’allarme è Raffaele Scalpone, medico diabetologo, responsabile del servizio di diabetologia presso l’INI Istituto Neurotraumatologico Italiano (http://www.gruppoini.it)

e presidente dell’Associazione italiana per la difesa degli interessi dei diabetici.

“Negli ultimi anni la vita dei diabetici è migliorata, la ricerca va avanti e le cure si perfezionano. Eppure un diabetico, oltre alla lotta quotidiana con la malattia, deve affrontare una serie di difficoltà, a partire dal diritto essenziale alla cura e alla tutela del posto di lavoro, entrambi a rischio per la carenza di risorse economiche – spiega l’esperto – I costi delle nuove terapie, farmaci innovativi e device in grado di arrestare l’evoluzione del diabete, sono alti e in un prossimo futuro, se le Regioni non provvederanno a stanziare fondi ad hoc, non saranno disponibili per tutti i malati”.

Ma l’accesso alle cure mostra già difficoltà. “Il 18% dei pazienti che presentano forme iniziali di diabete sono affidati al medico di base, malati ‘invisibili’ che dovrebbero avere a disposizione centri e medici specializzati in grado di attuare strategie preventive della patologia diabetica – osserva ancora Scalpone – Inoltre l’incidenza del diabete è in aumento perché è in aumento l’obesità e il rischio, in futuro, è di arrivare al 30% di diabetici non curati, per mancanza di fondi, con la conseguenza di un aumento di complicanze cardiocircolatorie e della perdita della possibilità di condurre una vita normale”.

L’appello è dunque alle Regioni, affinché si avvii una gestione uniforme dei device e si proceda a un maggiore stanziamento di fondi per le terapie del diabete: “Bisogna evitare di avere sistemi sanitari differenti, di avere in Toscana agevolazioni che non esistono in Campania – afferma il diabetologo – Nelle Regioni gli appalti per la gestione e l’utilizzo dei device devono diventare omogenei e devono essere stanziati più fondi per le terapie, altrimenti si rischia che i farmaci innovativi in grado di arrestare l’evoluzione del diabete non saranno disponibili per tutti.
Lo stanziamento – conclude l’esperto – dovrebbe essere uniforme per qualità di prestazioni erogate e prodotto acquistato, con gare trasparenti e identiche in tutta Italia”.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento