Notizie in Controluce

Saper perdere

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

Saper perdere

Saper perdere
Marzo 25
16:03 2013

Saper perdere
David Trueba
9788807722981
Feltrinelli
€ 10,00  e-book disponibile NO
Copertina: Trueba
Nel sapiente script di David Trueba (Madrid 1969, regista, scrittore e sceneggiatore) si dipanano per quasi 500 pagine le storie intrecciate di almeno cinque individui. Il desiderio mai sopito induce Leandro, nonno di Sylvia, a frequentare un moderno bordello incontrandosi carnalmente e culturalmente con l’Africa di Osembe mentre in casa è alle prese con la decadenza della vita di coppia con Aurora (meglio individuata nella grave malattia che Aurora

cela a tutti). Il desiderio induce Lorenzo, padre di Sylvia a cercarsi una nuova compagnia, frequentando una giovane, religiosissima, immigrata ecuadoriana, mentre porta sulla coscienza l’omicidio dell’ex socio che lo ha derubato. Il caso vede la sedicenne Sylvia innamorarsi di Ariel, giovane stella del calcio con un ‘nome da detersivo’ che… l’ha investita. L’autore scrive un solido ‘racconto sentimentale’, seppure sui generis: per farlo prima sorprende i propri personaggi assorti nelle loro solitudini colme di desideri inespressi e poi comincia a farli muovere nell’intreccio romanzato. Niente è come sembra, tutti godranno il loro momento ma lo pagheranno, più o meno, a caro prezzo (anche economico); l’intelligente complessità dei personaggi, così realistica, fa venire in mente un verso di Lucio Dalla: «siamo angeli, con le rughe un po’ feroci sugli zigomi». Trueba utilizza dialoghi immersi nella narrazione senza uso di virgolettati, il passaggio al flusso solitario delle coscienze è automatico come il loro riaprirsi al mondo. Il fuori e il dentro, osmotici, raccontano anche ciò che ogni romanziere accorto trova per strada: il cambiamento continuo di senso, nel caso lo si rintracciasse in una metropoli spagnola come in qualsiasi altra, lo smarrimento individuale. Un adesso in cui i problemi di un occidentale ‘in casa propria’ non contano di più di quelli dell’immigrato della porta accanto, il quale si porta dietro una carica speculare di nuova moralità e immoralità nuove. Anzi, senza immigrati, poveri o di lusso, questa storia neppure esisterebbe. L’autore bilancia il rosa tenue di molte pagine, tutti cercano l’amore, con i toni più scuri di una società decadente e complessa e con i coloriti dialoghi dello spogliatoio di Ariel, specchio di nuovi modelli sociali vincenti (ricchi ‘principi’ calciatori con annesse ‘principesse’ muniti di grandi portafogli e, quasi, zero cultura e/o valori). Divertente e scritto magistralmente, se poi vi incuriosisse sapere cosa significa il titolo…(Serena Grizi)

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento