Notizie in Controluce

 Ultime Notizie
  • I PROBLEMI DEL LATTE IN ITALIA E LA FORZA DEL SETTORE OVICAPRINO I PROBLEMI DEL LATTE IN ITALIA E LA FORZA DEL SETTORE OVICAPRINO AL CENTRO DEL DIBATTITO PROPOSTO NELLE FIERE ZOOTECNICHE INTERNAZIONALI DI CREMONA A CremonaFiere soluzioni e proposte per due...
  • L’ESPERANTO NEL PALLONE Parole in Esperanto sul pallone dei mondiali in Qatar E’ forse per farsi perdonare l’organizzazione di un mondiale che sarebbe stato a lungo contestato che la FIFA ha deciso che...
  • Strade a Ciampino, completato il rifacimento di via Icaro Completato il rifacimento di via Icaro, nel tratto completo tra via Bleriot e via Fratelli Wright. L’intervento ha visto il ripristino del manto stradale al termine dell’intervento per la realizzazione...
  • Pomezia: buoni spesa per le famiglie Comune di Pomezia: buoni spesa per le famiglie, contributo economico straordinario una tantum Dionisi: un Natale all’insegna del sostegno concreto ai più svantaggiati   Pomezia, 2 dicembre 2022 – Pubblicato...
  • Antartide: Beyond Epica, inizia la campagna di perforazione profonda della calotta glaciale     Dall’analisi della carota di ghiaccio dati su evoluzione delle temperature, composizione dell’atmosfera e ciclo del carbonio fino a 1,5 milioni di anni fa Con l’avvicinarsi dell’estate australe riprende...
  • Convegno Nazionale COMPAG 2022 Agricoltura.  La strategia verde europea: un futuro grigio per il settore del commercio? Dal green deal alle carenze di materie prime a livello mondiale, con cali di produzione fino al...

Se vieni “beccato” a fare sesso sul posto di lavoro

Se vieni “beccato” a fare sesso sul posto di lavoro
Marzo 08
23:00 2015

L’episodio a cui si fa riferimento riguarda un dipendente di una società di trasporti che, durante l’orario di lavoro, si era allontananto dalla sua postazione, senza autorizzazione, per raggiungere un locale, precisamente il locale delle pulizie, al fine di avere un rapporto sessuale con una donna. Sorpreso in flagrante da un collega, che evidentemente aveva denunciato la cosa, il dipendente in questione era stato immediatamente licenziato.
La posizione del, potremmo definirlo, negligente lavoratore, era ancor più lesiva di tutti quelli che sono i doveri al cui rispetto il lavoratore è chiamato, in quanto era l’unico agente di stazione. Il comportamento valutato dal tribunale, al di là di esprimere valutazioni morali che d’altra parte lo stesso non è tenuto ad esprimere, si riferì esclusivamente alle violazioni dei doveri del lavoratore e cioè al fatto che il dipendente si era allontanato senza darne notizia ad alcuno, e quindi era stato conseguenzialmente irreperibile, determinando in tal modo un pericolo per gli utenti.
Il soggetto impugnò comunque il licenziamento, al fine di essere reintegrato sul posto di lavoro, sottolineando come la sua condotta, sulla base del contratto di lavoro, comportasse semplicemente una sanzione conservativa. Con lo scopo di raggiungere tale obiettivo, cioè subire limitatamente una sanzione, anziché il licenziamento, il soggetto evidenziò anche che il locale in cui il rapporto era stato consumato era lontano e inaccessibile per gli utenti, per cui non era stato, a suo dire, nemmeno violato il diritto di riservatezza. Puntualizzazione questa poco credibile, tant’è vero che il dipendente era stato “beccato” proprio da un utente. Il ricorso venne quindi inevitabilmente rigettato e il dipendente licenziato.
Insomma, commentare una sentenza di questo tipo potrebbe essere, o forse certamente lo è, superficiale, nel senso che indubbiamente la poco professionalità e serietà del protagonista è innegabile. È importante però, come accennato nella breve narrazione del fatto, che l’assenza di serietà dell’uomo e la sua negligenza non si affermano sul fatto che abbia avuto un rapporto con una donna. Affermare questo sarebbe senz’altro ridicolo. Ciò che viene contestato non è nemmeno che lo abbia avuto sul posto di lavoro. È la conseguenza di questo comportamento che ha determinato il licenziamento, cioè il fatto che il soggetto si sia reso irreperibile e che, quindi, se ci fosse stata un’emergenza, non sarebbe stato possibile contattarlo, cosa ancora più grave, in quanto era l’unico agente di stazione. Chiaramente poi l’essere stato sorpreso da un utente ha reso la sua posizione inevitabilmente indifendibile. Magari se non fosse stato sorpreso svolgerebbe ancora il suo lavoro. In ogni caso, nel dubbio, direi che sarebbe molto meglio fare quello che ci si aspetta una persona faccia sul posto di lavoro, cioè lavorare.
Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza 03.11.2014, n° 23378

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”