Notizie in Controluce

Sequestrato il depuratore di Valle Vergine

 Ultime Notizie

Sequestrato il depuratore di Valle Vergine

Febbraio 22
21:29 2011

Solo il 17 febbraio scorso infatti è stato esposto il cartello di inizio lavori commissionati dall’Acea Ato 2, gestore del servizio, alla società G.T.A. Srl, con consegna prevista a novembre 2011. L’intervento pone in essere quanto definito nel Protocollo di Intesa tra la Regione Lazio, Provincia di Roma e Acea Ato 2, firmato il 31 gennaio 2008, al fine di fronteggiare “la scarsa funzionalità e inadeguatezza di molti sistemi di depurazione esistenti”. Già nel 2007, infatti, la Giunta regionale, con deliberazione numero 668, aveva indicato come interventi prioritari l’adeguamento dei tre depuratori presenti sul territorio di Rocca di Papa, Valle Focicchia, Vivaro e Valle Vergine. Da allora l’Amministrazione comunale ha continuamente sollecitato gli Enti preposti, Acea Ato 2 e il Commissario Straordinario, a ottimizzare la situazione e il funzionamento dei depuratori adeguandoli alla normativa vigente. «Da tempo aspettavamo l’inizio dei lavori – è il commento unanime dell’Amministrazione -. Solo a dicembre scorso, dopo più di un anno, è stata aggiudicata la gara e ora si auspica che il sequestro, di cui comunque abbiamo chiesto la revoca, possa indurre la ditta aggiudicataria al massimo contenimento sia della fase di progettazione che di quella esecutiva, al fine di mettere al sicuro il prima possibile il nostro territorio». L’importo netto dei lavori, su cui si è già avuta un’accelerata, ammonta a circa 800 mila euro. Attualmente il sequestro del depuratore, che serve parte del centro storico fino a via Roma, costringe l’Amministrazione comunale a spendere decine di migliaia di euro al giorno per prelevare i reflui con autobotti e smaltirli nel depuratore di Roma Est, aggravando tra l’altro il traffico dei mezzi pesanti. Intanto, per ovviare al problema e migliorare la qualità dello scarico, l’Amministrazione comunale ha già predisposto, su consiglio dei tecnici dell’Acea Ato 2, l’attuazione di una soluzione alternativa, costosa ma non quanto il trasporto dei liquami con mezzi pesanti, che consiste nel filtrare e disinfettare gli scarichi tramite raggi UV.

 

Condividi

Articoli Simili