Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Siria: nella parte nordorientale del Paese il COVID-19 si diffonde nei campi per sfollati

Aprile 16
07:10 2021

Siria, Save the Children: nella parte nordorientale del Paese il COVID-19 si diffonde nei campi per sfollati, mentre il Ramadan inizia sotto lockdown

 

Solo in una settimana segnalati oltre 1.400 casi e 53 decessi nella Siria nordorientale. L’Organizzazione teme per l’impatto che quest’aumento avrà sui più piccoli e lancia un appello alla comunità internazionale per far tornare i bambini stranieri a casa

  

Nei campi per sfollati nel nord-est della Siria la situazione sta diventando sempre più critica dopo che sono stati segnalati 46 casi di COVID-19 in tre strutture. Lo afferma Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

Tali cifre sono emerse dopo che le autorità hanno sottoposto l’intera regione a un rigoroso lockdown di 10 giorni, con le persone autorizzate a uscire dalle proprie abitazioni solo per le questioni essenziali.

Oltre alla diffusione del virus nei campi, che sono sovraffollati e privi di strutture igienico-sanitarie adeguate, Save the Children è preoccupata per l’impatto del blocco, che coincide con l’inizio del Ramadan. Molti dei servizi gestiti dall’Organizzazione sono stati sospesi.

Masa *, 9 anni, iscritta al programma educativo di Save the Children nel campo di Al Hol, ha detto:

“Mi sono arrabbiata e sono rimasta delusa quando mi hanno detto che la scuola era stata sospesa per il lockdown. Mi mancano la scuola, il mio insegnante e i miei amici”.

Samer *, 10 anni, che frequenta gli spazi a misura di bambino dell’Organizzazione nel campo di Al Hol, ha aggiunto: “Quando frequentavo lo spazio a misura di bambino, avevo una routine. Anche se andavo solo a giorni alterni, la mia vita era ordinata e sentivo di avere una responsabilità, ma ora durante il blocco, la mia vita è vuota”.

Nel campo di Roj sono stati segnalati 28 nuovi casi tra gli abitanti stranieri dall’inizio di aprile. Quindici casi sono stati segnalati nel campo di Areesha e altri tre nel campo di Al Hol. Data la mancanza di strutture disponibili per fare i test nei campi, il numero reale potrebbe essere molto più alto, avverte Save the Children.

Najwa * ha quattro figlie che frequentano gli spazi di Save the Children. Ha dovuto chiudere il suo negozio di vestiti nel mercato del campo di Al Hol e ora è senza reddito. Ha detto: “Sono preoccupata per il COVID-19 che si diffonde fuori dal campo. Ho paura che i miei figli vengano infettati. C’è il coprifuoco all’interno del campo e io stesso ho imposto loro un altro coprifuoco. Si annoiano nella tenda”.

La maggior parte dei casi segnalati di recente sono tra madri, alcune delle quali sono state trasferite in strutture di isolamento.

Almeno 12.756 casi e 432 decessi sono stati riportati nella Siria nord-orientale dall’inizio dell’epidemia di COVID-19 più di un anno fa, con oltre 1.400 casi e 53 decessi nell’ultima settimana.

 “Queste nuove cifre sono incredibilmente preoccupanti. Se questa impennata continua, sarà solo una questione di tempo prima che gli ospedali e le strutture di isolamento, che hanno già una capacità molto limitata, vengano sopraffatti. Siamo particolarmente preoccupati per l’impatto che quest’ultimo aumento avrà sui più piccoli. A causa del coprifuoco, è meno probabile che siano in grado di accedere a servizi e strutture mediche, con ripercussioni sulla loro salute, istruzione e benessere mentale. Questa crisi è peggiorata molto dalla chiusura del valico di frontiera di Al Yarubiyah lo scorso anno, tagliando le forniture vitali, comprese medicine e cibo, alle persone più vulnerabili, tra cui i bambini. Non vi è alcuna giustificazione per impedire che i rifornimenti salvavita raggiungano le persone bisognose, in particolare durante una pandemia globale. Chiediamo ai governi internazionali di intensificare i loro sforzi e rispettare i loro obblighi nel rimpatriare i bambini stranieri e proteggerli dalle crudeli condizioni in cui si trovano. Questo virus ha reso insopportabile una vita già dura per questi bambini e le loro famiglie” ha dichiarato Sonia Khush, direttrice della risposta di Save the Children in Siria.

Molti servizi e attività di Save the Children in tutti e tre i campi, come sessioni di sensibilizzazione sull’alimentazione per le madri, spazi adatti ai bambini e istruzione prescolare sono stati sospesi. Tuttavia, Save the Children continua a fornire attività vitali, compreso il supporto di protezione individuale per i bambini a rischio nei campi di Roj e Al Hol e consulenze nutrizionali individuali ad Al Hol.

 

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Maggio: 2021
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”