Notizie in Controluce

Sociale: è attivo in Comune il Punto Unico di Accesso

 Ultime Notizie
  • 7 settembre 2020: nasce SCR, il “Sistema Castelli Romani” Il Consorzio dei Comuni dei Castelli Romani coordinerà le politiche culturali e di promozione del territorio   I Sindaci di 16 Comuni del territorio hanno approvato definitivamente il nuovo Statuto...
  • MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE: “SERVE DIALOGO AUTENTICO TRA COMMERCIANTI E COMUNE PER EVITARE EPISODI CHE METTONO AL REPENTAGLIO IL RILANCIO DI UN SETTORE VITALE PER IL CENTRO STORICO”...
  • WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO: BANDIERE A MEZZ’ASTA IL GIORNO DEL FUNERALE DEL RAGAZZO Il sindaco Andreotti rilancia:”Tutti i comuni si costituiscano parte civile ad adiuvandum per manifestare la reazione...
  • Pomezia – Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Sono partiti questa mattina i lavori di ristrutturazione del muro di recinzione che circonda il perimetro della scuola primaria...
  • PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra FONDAZIONE PISTOIA MUSEI annuncia PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, Caterina Toschi 19 settembre 2020 – 22 agosto 2021 ingresso su prenotazione:...
  • LA FISICA DEI RAGAZZI Per una fortunata coincidenza, giovedì 3 settembre, nel Blog del “Fatto Quotidiano” è apparso un appello di Jacopo Fo titolato “Allo studente non far sapere che la fisica è stupefacente...

Sociale: è attivo in Comune il Punto Unico di Accesso

Febbraio 28
14:28 2012

ma che non avrebbero in realtà ragion d’essere, si nascondono storie diverse, spesso drammatiche che hanno come protagonisti soprattutto anziani e persone diversamente abili. Per porre rimedio a questa situazione, evitando ricoveri inutili e fornendo sostegno anche a familiari e parenti nell’onere dell’assistenza, il Comune di San Cesareo, che svolge già da diversi anni un servizio di assistenza domiciliare comunale, con delibera di Giunta n.9 del 24 gennaio 2012 ha recepito e portato a compimento con la Asl RmG il progetto socio-sanitario volto ad attivare un servizio domiciliare destinato ad anziani fragili e minori diversamente abili. Il progetto, fortemente voluto dalla Governatrice della Regione Lazio on. Renata Polverini, che ha favorito l’incontro tra i due Enti, si è perfezionato con la sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra il sindaco Pietro Panzironi ed il direttore sanitario della Asl di Tivoli, dott. Nazareno Renzo Brizioli, vedendo il fattivo coinvolgimento del servizio sociale comunale, nelle persone del responsabile avv. Cinzia Ferretti e dell’assistente sociale Annalisa Pizzari, unitamente alla Asl di competenza, nelle persone del responsabile di progetto dott.ssa Federica Ederli e del dott. Pasquale Trecca. È prevista l’istituzione di un Punto Unico di Accesso (PUA) e la creazione di uno spazio idoneo alla cura del paziente presso i locali del Distretto Sanitario dove trovare assistenza infermieristica, medica generale, specialistica ambulatoriale, prestazioni riabilitative, fornitura di presidi sanitari, oltre all’erogazione di prestazioni infermieristiche domiciliari. Il PUA, situato presso la sede comunale e aperto il martedì e giovedì mattina dalle 15 alle 18, assicura una scrupolosa valutazione e la presa in carico delle persone con problemi sanitari e socio-sanitari complessi. Il personale impegnato nel progetto, dopo aver ascoltato ed analizzato i bisogni degli utenti e dei loro famigliari, individua il percorso terapeutico più adatto, che sarà poi seguito in ogni sua fase da professionisti. “Il PUA è un sistema integrato di accesso ai servizi socio sanitari, e si configura come una nuova modalità di approccio ai problemi dell’utenza e di interfaccia con la rete dei servizi del territorio- spiega l’assessore ai Servizi Sociali Vittorio Paglia- . Lo scopo principale del progetto è quello di favorire il più a lungo possibile la permanenza al proprio domicilio degli anziani e di avviare un recupero bio-psico-sociale dei minori diversamente abili. In questo modo si provvederà ad assicurare una migliore qualità della vita degli assistiti, contrastando la solitudine e sostenendo lo sforzo di parenti e vicini supportandoli nell’onere dell’assistenza. Siamo orgogliosi di aver messo a punto un servizio innovativo e all’avanguardia a livello regionale”. Il nuovo servizio facilita dunque l’accesso ai servizi e, semplificando percorsi e procedure, consente nel minor tempo possibile, l’attivazione di eventuali interventi e prestazioni, prevenendo così ricoveri impropri presso le strutture ospedaliere. L’attività del PUA è di ausilio al Distretto Sanitario, che prende in carico il paziente da un punto di vista funzionale multidimensionale, andando a curare la globalità e complessità dei bisogni dell’utente, con attenzione anche alle famiglie e al contesto di riferimento. Tra le prestazioni di prossima erogazione, ad integrazione del servizio domiciliare, viene segnalata l’attivazione di un servizio fondamentale quale lo sportello per i prelievi ematici per esami di laboratorio, da effettuarsi, almeno una volta a settimana, presso la sede locale del Distretto Sanitario, con contestuale apertura in sede di uno sportello Cup. Si prevede l’attivazione del servizio già a partire dal prossimo 15 marzo. L’utenza può accedere ai servizi istituiti presso i locali del Distretto Sanitario, situato in via Giordani n.10, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 19, e il martedì e giovedì dalle 17 alle 19. Per ricevere informazioni telefoniche in ordine ai servizi dispensati contattare il seguente numero: 331.30.94.729

Condividi

Articoli Simili