Notizie in Controluce

Taglio dei boschi, autorizzazioni in Comunità Montana

 Ultime Notizie
  • La IUC all’Eliseo – Omaggio a Vienna La IUC all’Eliseo Musica a Teatro cinque appuntamenti, quattro matinée la domenica e un concerto serale fino al 18 maggio 2020 Piccolo Eliseo Domenica 9 febbraio 2020 ore 11.30 Omaggio...
  • Giornata nazionale contro lo spreco alimentare (5 febbraio) ENEA e Federdistribuzione alleate contro lo spreco alimentare Da domani on line un test per scoprire se siamo spreconi o virtuosi Milano, 4 febbraio 2020 – “Sei pronto a combattere...
  • Stop trenino Termini-Centocelle Stop trenino Termini-Centocelle, Legambiente “Oggi decine di migliaia di persone vengano lasciati a piedi, e mentre perdiamo chilometri di trasporto pubblico, riapre la metro Barberini solo in uscita: a Roma...
  • Osvaldo Bevilacqua conquista Velletri Osvaldo Bevilacqua conquista Velletri: “Alla scoperta dell’anima dell’Italia, viaggiate perché uscire è scoprire” La curiosità di conoscere l’Italia attraverso i suoi borghi più nascosti, che sono il contorno necessario alle...
  • Dall’America ai Castelli: arriva lo Speakeasy, si cena solo con la parola d’ordine Direttamente dall’America atterrano anche ai Castelli Romani gli “Speakeasy”. Il primo esempio castellano è nato nel centro storico di Albano Laziale. Ma di cosa si tratta precisamente!? In pochi, ancora,...
  • GIORNATA DI RACCOLTA DEL FARMACO 2020 Perché nessuno debba scegliere se mangiare o curarsi Sabato 8 febbraio troverete i Volontari del Comitato dei Comuni dell’Appia della Croce Rossa Italiana presso la Farmacia Santa Monica, in via...

Taglio dei boschi, autorizzazioni in Comunità Montana

12 Dicembre
23:00 2007

“Grazie a questa convenzione già approvata dalla giunta provinciale e da quella comunitaria – spiega il Presidente della Comunità Montana Giuseppe De Righi – il servizio verrà erogato direttamente nell’area dall’ente montano, che ne assumerà la delega relativamente ai proprietari di terreni ricadenti nei tredici comuni del perimetro montano, con un beneficio pratico evidente. Si tratta in sostanza di porre in atto la legge regionale 39/2002, che definisce una competenza paritaria tra le comunità montane e gli enti provinciali per l’amministrazione del patrimonio forestale, su cui abbiamo già avviato un’esperienza specifica con un servizio associato nel territorio.”

La convenzione, che sigla dunque un passaggio di delega dalla Provincia di Roma alla Comunità Montana Castelli, prevede la realizzazione di uno sportello per il rilascio delle autorizzazioni al taglio dei boschi superiori ai tre ettari nei Comuni Tuscolani e Prenestini, che sarà collocato presso la sede dell’Ente a Rocca Priora e verrà gestito in stretto raccordo con il servizio provinciale del V° Dipartimento.

“Abbiamo accolto con favore la proposta della Comunità Montana – spiega l’assessore provinciale all’Ambiente e Agricoltura, Sergio Urilli – in quanto corrisponde in pieno all’azione di semplificazione amministrativa che stiamo portando avanti in tutti i nostri servizi, specie in quello geologico, per renderli più efficienti, veloci e vicini al cittadino. Questo accordo sperimentale con l’ente montano farà da apripista al decentramento verso tutte le Comunità Montane della nostra provincia.”

Lo sportello avrà in carico l’istruttoria delle pratiche, con un’attività precedente di orientamento e consulenza ai proprietari sulle modalità di compilazione delle domande, che varranno elaborate su modulistica e software fornito dalla Provincia, a cui verranno poi girate. ” E’ chiaro – aggiunge l’assessore alle politiche agricole e forestali della Comunità Montana Aldo Morana – che questo servizio sulle autorizzazioni al taglio va a sommarsi e ad integrarsi con le azioni di valorizzazione e salvaguardia avviate dalla nostra Gestione Associata del Patrimonio Forestale, per coordinare a livello territoriale l’amministrazione del patrimonio boschivo dell’area. Infatti tra gli obiettivi indicati nella convenzione, c’è anche quello di creare un polo di sensibilizzazione ai principi di compatibilità ambientale degli interventi agro-forestali, che possa portare a coniugare meglio il legittimo guadagno che spetta ai proprietari, con un’attenzione e un rispetto maggiori del paesaggio e dell’ambiente”.

Condividi

Articoli Simili