Notizie in Controluce

Tali di tali

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

Tali di tali

Tali di tali
Luglio 25
15:05 2013

Confezione-di-ThalidomideProdotto dalla redazione di namir.it, diretto da Emmedì, il film Tali di Tali è stato pubblicato on line per ricordare e denunciare. La storia s’ispira alla thalidomide, un farmaco che, dopo una sperimentazione durata 3 anni (1956-1959), la comunità scientifica considerò innocuo e indicato per curare l’insonnia e le nausee delle donne in gravidanza. La ricerca, della Grünenthal, fu condotta in modo grossolano: i ricercatori della casa farmaceutica tedesca dimenticarono di testare il trattamento su cavie da laboratorio che fossero incinte.

La thalidomide fu venduta soprattutto in Europa e in Australia fino al 1961. I suoi effetti sull’uomo si conobbero soltanto quando i primi bambini nacquero con gravi deformazioni agli arti e il farmaco fu ritirato dal commercio. Le morti infantili furono tante e i casi difficili da diagnosticare: all’epoca, molte persone con malformazioni e problemi neurologici venivano rinchiuse in case di cura e in istituti psichiatrici, o addirittura segregate in casa e nascoste alla vista della società, senza che vi fosse una reale possibilità di curarle. Il lungometraggio, tra realtà e finzione, accenna anche al caso del vaccino antipolio e ai bambini di oggi, curati con antidepressivi e tranquillanti. Attualmente in Italia ci sono 300 thalidomidici: lo Stato italiano li ha riconosciuti come vittime, ma non la Grünenthal, che si è limitata a porgere le sue scuse ufficiali al mondo solo nel settembre del 2012 (durante l’inaugurazione di un memoriale dedicato alle vittime a Stolberg), senza mai risarcire alcuno al di fuori del territorio tedesco. In altri Paesi – fra cui l’Italia – sono tuttora in corso dei contenziosi. Il film è un collage di immagini d’epoca che scorrono col racconto di un DJ. Sullo sfondo ci sono gli anni del “boom economico” e del rock ‘n roll. Alcune scene sono inadatte ad un pubblico impressionabile. (http://vimeo.com/67843184)

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento