Notizie in Controluce

Tornata dalla Guinea Bissau la delegazione della Comunita’ Montana

 Ultime Notizie

Tornata dalla Guinea Bissau la delegazione della Comunita’ Montana

Marzo 15
10:13 2012

Comune di Rocca di Papa Annalisa Gentilini che ha vissuto in prima persona questa esperienza, e che aggiunge “il Comune di Rocca di Papa auspica una seconda fase del progetto per poter ottenere ancora altri importanti risultati”.

Dello stesso avviso Luigi Braghese, Assessore Delegato per il Comune di Palestrina, che con entusiasmo ha commentato la sua esperienza in Africa “è stato un viaggio particolarmente emozionante, abbiamo toccato con mano quanto fin’ora è stato realizzato grazie a questo progetto coordinato dalla Comunità Montana. I presidi medici rappresentano un vero salvavita per donne, malati e tantissimi bambini che abitano queste regioni così povere”.

Tra i delegati istituzionali che hanno partecipato alla missione in Guinea Bissau, ospiti della missione cattolica OMI di Farim partner del progetto anche Giuseppe De Righi, Presidente della Comunità Montana, il Direttore Generale dell’Ente Rodolfo Salvatori.

Con questa missione sono stati inaugurati due nuovi presidi sanitari che si aggiungono ai nove già realizzati e si inseriscono all’interno di una rete di strutture sanitarie di primo soccorso, che si sviluppa su un’area di tredici villaggi nella regione OIO della Guinea Bissau, dove le carenze strutturali in campo medico risultano particolarmente drammatiche.

Ogni villaggio ha il suo dispensario, gemellato simbolicamente con ogni Comune facente parte della Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini. Già Frascati, San Cesareo e Gallicano hanno stretto il loro gemellaggio inaugurando i primi tre ambulatori nel 2009, seguiti da Colonna, Monte Porzio e Genazzano nel 2010. Lo scorso anno è stato il turno dei Comuni di Monte Compatri, Rocca Priora e Zagarolo.

Dunque grazie a questa quarta missione, è salita a quota undici il numero delle strutture avviate dalla Comunità Montana, il progetto si concluderà infatti il prossimo anno con l’apertura degli ultimi due presidi gemellati con i Comuni di Cave e Grottaferrata.

Tutti i delegati peraltro, hanno potuto verificare e apprezzare il fatto che tutte le risorse messe a disposizione da questo progetto, finiscono direttamente ai villaggi interessati, senza intermediazioni costose, che a volte riducono l’effettività degli interventi di cooperazione.

“Questo è stato reso possibile grazie alla collaborazione del tutto volontaria dei missionari Oblati di Maria Immacolata. – spiega il Direttore generale della Comunità Montana Mauro Rodolfo Salvatori – che tra l’atro hanno la loro sede italiana proprio a Frascati, in uno dei nostri Comuni. La presenza da lungo tempo in questa regione della Guinea presso il capoluogo di Farim, ha fornito l’anello di congiunzione tra la nostra idea progettuale e la sua possibile attuazione, che ormai, dopo 5 anni, si avvia alla conclusione.”

“Stiamo già pensando di incrementare la potenzialità dei presidi con una attività di maggiore coordinamento in loco, mediante un intervento che nel prossimo futuro presenteremo ai nostri sindaci, – conclude il Presidente della Comunità Montana Giuseppe De Righi, rilasciando anticipazioni sui prossimi sviluppi del progetto -per una presenza continuativa delle nostre comunità dei Castelli romani e Prenestini, anche coinvolgendo le nostre AASSLL. I grandi progetti per lo sviluppo del nostro territorio (Sistema museale, sistema bibliotecario, Distretto agroalimentare, Gal,…) ci fanno crescere, ma non ci fanno dimenticare gli altri. E’ un intero territorio che si autopromuove sotto l’aspetto sociale, economico, culturale e umano insieme!”

Condividi

Articoli Simili