Notizie in Controluce

UE accecata dalla finta democrazia…

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

UE accecata dalla finta democrazia…

Settembre 23
14:13 2019

UE accecata dalla finta democrazia… con l’equiparazione del nazismo al comunismo compie un ulteriore passo verso la distruzione della memoria dell’Europa…”

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo con 535 voti a favore, 66 contro e 52 astenuti ha approvato la mozione di condanna (https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2019-0021_IT.html?fbclid=IwAR31vBVrs4i0nShPXRcnGU9u1Ivb7X85s_z7i2PvcKd9OSCuB3YFeNK73rA) dell’uso dei simboli del comunismo, chiedendo la rimozione dei monumenti che celebrano la liberazione avvenuta ad opera dell’Armata Rossa ed equiparando il comunismo al nazifascismo. Tra i parlamentari italiani che hanno votato questa infame mozione ci sono tutti i parlamentari del PD. Strana metamorfosi kafkiana per un partito che fu comunista…

Ritengo doveroso dare conto dell’energico intervento del deputato 5 Stelle PINO CABRAS (*) che ha preso una durissima posizione contro la pilatesca e grottesca astensione del gruppo parlamentare europeo “grillino” sulla famigerata risoluzione anticomunista che ha visto convergere quasi tutti i gruppi presenti nell’aula (compresi i tanto osannati Verdi a cui guardano i 5 Stelle, anticomunisti e guerrafondai come e forse più di altri).

Paolo D’Arpini – Lista No Nato

(*) Ecco il testo della sua dichiarazione:
SULLA RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
.
Mario Monicelli preferiva le storie storie vere, vissute, «non come quelle inventate, non come quella mascalzonata di Benigni in ‘La vita è bella’, quando alla fine fa entrare ad Auschwitz un carro armato con la bandiera americana. Quel campo, quel pezzo di Europa lo liberarono i russi, ma… l’Oscar si vince con la bandiera a stelle e strisce, cambiando la realtà.»
Ecco, questa rilettura dei risultati della Seconda Guerra Mondiale è sempre di più l’ideologia ufficiale dell’Unione Europea. La risoluzione approvata il 19 settembre al Parlamento Europeo è un gravissimo e ulteriore passo in avanti nella distruzione orwelliana della memoria dell’Europa, della verità storica, del peso dei sacrifici patiti dai popoli, dei 22 milioni di morti sovietici. Pazzesco che il PD voti in favore di un documento siffatto, un ignobile minestrone congegnato dal “cuore nero” dei movimenti anticomunisti dell’Est Europa, che invita alla rimozione dei simboli e monumenti che commemorano la sconfitta del nazifascismo, parificando in una matassa ideologica scandalosa gli aguzzini e chi li sconfisse. Pazzesca anche l’astensione del gruppo M5S all’Europarlamento. Astenersi è un altro modo di arrendersi alle falsità di una costruzione ingannevole dei valori comuni europei. “Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno”. (Mt 5, 17-37)
Non ci si deve astenere, è un grave errore astenersi. Si deve combattere questa ondata di vapori ideologici tossici. Sono realmente totalitari quei politici e quei media che in nome dell’antitotalitarismo riscrivono l’identità ammissibile per i cittadini europei, un’identità appiattita in un’enorme rimozione storica e pronta a forme di repressione sempre più rigide delle idee dissonanti…

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento