Notizie in Controluce

Un passo avanti

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

Un passo avanti

Settembre 29
09:52 2011

Da mesi non si sente parlare che di ‘passo indietro’. La locuzione è venuta a noia anche perché, nella migliore delle ipotesi, si iscrive nel lungo elenco di specchietti per le allodole (avete presente le manette agli evasori? Scomparse, magari succede che …). Non è che la richiesta non sia fondata per diversi motivi; tutti sanno perfettamente, però, che non avverrà mai, per diversi altri motivi anch’essi conosciutissimi. Perciò conviene cambiare subito registro e sostenere la necessità improrogabile di un ‘passo avanti’. D’altra parte il passo indietro evoca situazioni negative; si fa (magari mezzo) quando dalla posizione vigile e deferente di ‘attenti’ si passa al ‘riposo’. Il riposo poi è facile che richieda uno sprofondamento, ed un attaccamento, in una poltrona; e siamo daccapo. L’inversione di tendenza deve essere totale: mentre il passo indietro si richiede a qualcuno o a pochi, quello avanti lo devono fare tutti, tutti gli altri, ed anche quei pochi. Invero la banalità insegna, e non c’è adagio più veritiero di quello che dichiara che ogni popolo ha i governanti che si merita. Qui seguirebbe facilmente una tiritera pseudo moralistica di lastroni di buone intenzioni. Ci limiteremo, nel solco di un minimo di originalità, ad una analisi, anche se umanamente partigiana, lasciando aperto lo spazio a idee ed eventuali conclusioni. La nostra società, civile o politica, ristretta nell’ambito familiare o allargata alle comunità più vaste, è permeata da un volano di comportamenti schizoidi o quanto meno contraddittori, ed ha come linea guida la frammentazione, la dispersione. C’è un’attività frenetica in tutti i campi; pullulano associazioni, comitati, convegni, premi, commemorazioni, feste, ricorrenze e celebrazioni più o meno inventate, incontri al vertice ed incontri di sottobosco, tutto senza un attimo di respiro e sotto i riflettori dei mezzi di comunicazione, grandi o piccoli, commisurati agli eventi. Non è che l’associazionismo, l’attivismo, l’impegno non abbiano pregi, tutt’altro, ma forse ci vuole misura, coscienza dei limiti e degli obiettivi. Bisogna vedere se c’è sostanza in questa sarabanda. Probabilmente no, lo scopo principale è coltivare migliaia di ego che sopravvivono, materialmente e psicologicamente, solo aggrappati a queste passerelle. Per altri versi sulla ‘rete’, che resta uno strumento utilissimo se usato a dovere, una quantità di persone si mette in mostra senza sosta o ritegno, mentre si vuole impedire alla giustizia di adoperare il mezzo delle intercettazioni per arginare reati ormai diffusissimi e di grande allarme sociale. La voglia preminente è quella della quantità, di uno stordimento collettivo che assomiglia ad una droga, per evadere da una realtà che non piace e spaventa. Circola una sorta di edonismo del finto impegno cultural-civile e della comunicazione fine a se stessa che tranquillizza (superficialmente) la coscienza ed esenta dal confronto col toro che andrebbe preso per le corna. Dunque occorre fare un passo in avanti, ma in un senso affatto particolare. Fermarsi, uscire dal frastuono diversificante e dispersivo, selezionare mete e risorse, le più importanti e le migliori, per concentrare su e con esse tutti gli sforzi. Con chiarezza di idee, umiltà e coerenza le cose cambieranno, rapidamente. Il passo avanti deve servire ad uscire dal vortice nel quale siamo, più o meno consapevolmente o ‘adagiatamente’, risucchiati. Di più, forse occorre un balzo, di tutti, allacciati per mano come bambini per un tuffo tremante ma, dopo, gioioso e appagante.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento