Notizie in Controluce

Un «Tandem In Città» quale simbolo di amicizia

 Ultime Notizie

Un «Tandem In Città» quale simbolo di amicizia

Luglio 26
06:27 2014

 

A Palazzo Colonna gli oltre duecentocinquanta ragazzi delle attività oratoriane di San Barnaba

E’ un «tandem» dell’amicizia, della condivisione, della solidarietà e dell’incontro quello che simbolicamente rappresenta la comunità civile e religiosa marinese dopo le recenti espresse volontà di apertura e collaborazione tra Palazzo Colonna e le parrocchie del territorio. Un «mezzo di cammino comune» avviato dal sindaco Fabio Silvagni con l’abate parroco della Basilica di San Barnaba, monsignor Pietro Massari, finalizzato a mettere in campo quei concetti di presenza, collaborazione e sussidiarietà splendidamente interpretati dai Servi di Dio Zaccaria Negroni (primo sindaco di Marino dal dopoguerra) e monsignor Guglielmo Grassi (parroco di San Barnaba dal 1908 al 1954, fondatore dell’omonimo Oratorio) per i quali è in corso processo di Canonizzazione e Beatificazione.
A testimoniare la volontà di vivere ancor di più la città in regime di vicinanza e confronto, nella consapevolezza del patrimonio umano, culturale e storico che custodisce e rappresenta, il colorato e gioioso sorriso dei bambini e dei ragazzi dell’Oratorio San Barnaba, accolti oggi, 25 luglio, a Palazzo Colonna in un caloroso, collettivo abbraccio dal sindaco Fabio Silvagni e dal presidente del Consiglio comunale Umberto Minotti. Con loro gli assessori Arianna Esposito (Pubblica Istruzione), Tiziana Palozzi (Servizi Sociali) e Gianfranco Bartoloni (Urbanistica) con i consiglieri Stefano Cecchi ed Enrico Iozzi.
Oltre duecentocinquanta tra bambini e ragazzi che, carichi di energia e gioia a rappresentare le diverse fasi della crescita, in magliette multicolore, hanno letteralmente invaso l’Aula Consiliare con i loro pensieri gioiosi e i loro canti. Un evento che, giunto al termine delle attività estive interne all’Oratorio diretto nelle sue originarie prime fasi da Don Ugo Di Lollo, religioso che molto ha investito nelle potenzialità educative della struttura per i giovani, ha visto il sindaco Silvagni sottolineare i valori profondi del volontariato «uno dei termini più belli» ha affermato, soprattutto se declinato in funzione e sostegno dell’età evolutiva. «Oggi in quest’aula si respira un’energia pulita. Mantenetela tale nella vostra vita – ha detto ancora il primo cittadino invitando don Pietro, gli animatori e i ragazzi dell’Oratorio, ad eleggere quale colore distintivo delle loro attività il bianco «simbolo di purezza, trasparenza e semplicità, da non abbandonare mai nel percorso di vita».
Dopo un ringraziamento da parte di Silvagni al contributo, importante, offerto da don Ugo e dall’Oratorio alle «adolescenze gioiose» di molti marinesi, l’auspicio di dar vita, in stretta sinergia e intesa con le parrocchie, ad incontri periodici di confronto con inizio già dal prossimo settembre, propedeutici a strategie comuni in favore del territorio. Grazie alla prima, importante collaborazione con Don Pietro Massari, ha ribadito Silvagni. Sacerdote che, di rimando, non ha fatto mancare la sua riconoscenza al sindaco e all’Amministrazione per la sensibilità e disponibilità. Con un riferimento al difficile ruolo di primo cittadino «una missione in favore della comunità», ha detto Don Pietro citando Zaccaria Negroni.
Tante le domande poste dai ragazzi al primo cittadino. E, tutte, pur se diverse tra loro, incentrate sulla volontà dei ragazzi di essere parte attiva, presente e partecipe della collettività. A suggellare un futuro, ma anche una promessa iniziata con l’incontro di oggi a Palazzo Colonna, la nomina da parte di Fabio Silvagni a «Sindaco per un Giorno» del giovanissimo Francesco, eletto a simbolicamente rappresentarli da tutti i partecipanti alle attività dell’Oratorio. «Il sindaco, gli assessori, i consiglieri comunali e tutte le persone che ogni giorno lavorano qui – ha affermato Silvagni – faranno di tutto per realizzare il più bel disegno possibile, trasformandolo per voi in realtà, per dare vita, insieme, ad un futuro luminoso, ricco di quelle idee di pace, civiltà, armonia, affinché possano davvero diventare regole di vita per tutti. A voi, per ora – ha aggiunto – chiediamo solo di continuare a sorridere, di dare alla nostra città la forza della vostra gioia».
Quindi gli interventi degli assessori e consiglieri presenti alla manifestazione, al termine della quale Palazzo Colonna ha donato a ragazzi e animatori una lettera contenente un messaggio particolare del Sindaco, il volume sul Mitreo scritto dallo storico Ugo Onorati e un DVD contenente foto della loro città. Interventi che, densi di ricordi personali di ognuno relativi all’infanzia trascorsa in Oratorio, contenevano il messaggio, comune e forte, di non abbandonare e dimenticare mai, nel percorso di vita, la dimensione della fanciullezza. «Con la speranza che – ha concluso il sindaco ai ragazzi – anche da qui, grazie al vostro aiuto, noi adulti di oggi possiamo immaginare insieme un po’ del vostro futuro».

Condividi

Articoli Simili