Notizie in Controluce

Velletri – Roberto Emanuelli ha presentato “Buonanotte a te”

 Ultime Notizie

Velletri – Roberto Emanuelli ha presentato “Buonanotte a te”

Velletri – Roberto Emanuelli ha presentato “Buonanotte a te”
dicembre 03
11:42 2018

Roberto Emanuelli ha presentato “Buonanotte a te”: amore, sentimenti, sincerità di fronte al folto pubblico delle Mondadori di Velletri e Genzano

Doppio appuntamento nel sabato della Mondadori: i Bookstore di Velletri e Genzano, infatti, sono stati gremiti da tantissime persone curiose di ascoltare lo scrittore Roberto Emanuelli, che ha presentato il suo ultimo romanzo “Buonanotte a te”, edito da Rizzoli. Terza opera per il noto e giovane autore, già ospite nella Libreria veliterna per i primi due libri e accolto da una vasta platea di fan, di cui tantissime donne. Pubblico folto anche a Genzano, dove invece per Emanuelli si è trattato di un esordio. Interessante e coinvolgente come suo costume, l’autore ha parlato del suo percorso umano che lo ha portato ad avvicinarsi alla letteratura: “Ho avuto sempre un’inclinazione verso l’arte, ma il mio primo romanzo è rimasto incompiuto per vigliaccheria. Ho avuto paura di mostrarmi, non ho ascoltato il mio cuore e ho intrapreso una strada imprenditoriale. Poi si è materializzata la possibilità di aprire un blog”. E proprio sul web Emanuelli ha trovato la sua popolarità, come egli stesso ha raccontato: “Ero come Simone, il protagonista di “Buonanotte a te”. Cinico e attento ad altre cose, meno importanti. Poi sono crollato, perché davanti a un vuoto possiamo perderci oppure volare. Ho iniziato scrivendo della morte di mio padre e ho ricevuto un riscontro in fatto di commenti che non mi aspettavo. Ho sentito una carezza, un brivido, mi sono ritrovato vivo e ho promesso a me stesso che non avrei più abbandonato i miei sogni”. Intervistato da Ezio Tamilia, sia a Velletri che a Genzano Roberto Emanuelli ha sottolineato l’importanza dei social per la sua ascesa: “Con internet, che ormai è vecchio, ho iniziato a condividere i romanzi, o meglio pezzi di essi, con i miei lettori. Alcune circostanze positive mi hanno portato ad un contatto con la Rizzoli, io ho continuato a sviluppare i personaggi, le storie, le trame e condividevo tutto con il mio pubblico. Alla fine, però, la casa editrice non pubblicò l’opera e così sono ricorso ad una auto-pubblicazione”. In pochi giorni “Davanti agli occhi”, questo il titolo del primo romanzo di Emanuelli, è diventato primo in classifica: chiave del successo, come ben noto al pubblico dello scrittore, che ha tantissimi fans anche a Velletri e Genzano, è la capacità di mettere a nudo le proprie fragilità. “Le donne” – ha dichiarato l’autore – “non sono abituate a vedere uomini che si espongono così tanto. Addirittura un mio amico mi ha detto che prende frasi dei miei libri, le segna su un quaderno e ci elabora i propri pensieri”. Proprio il rapporto confidenziale, intimo, fra chi scrive e chi legge è una caratteristica dell’uomo e dello scrittore Emanuelli. Concetto ribadito anche nella presentazione di Genzano: “Il modello di uomo che propongo io è fragile, non si vergogna e non perde occasioni per il suo orgoglio. Mi è capitato di rinunciare ad una ragazza bellissima, di cui ero innamorato, perché avevo pudore nel dichiararle i miei sentimenti”. Sul libro, “Buonanotte a te”, tante le annotazioni nonostante un finale tutto da scoprire: si intrecciano le storie d’amore di Sally, giovane alto-borghese con un padre ingombrante, e Simone, avvocato spietato e attento solo alla sfera materiale e non a quella sentimentale. Un romanzo scritto in prima persona femminile, con tante componenti biografiche a cominciare dalla periferia e dall’amore per la musica, due delle costanti nella vita di Emanuelli. L’autore ha svelato al pubblico di Velletri e a quello di Genzano come il dolore sia spesso uno spunto decisivo per l’ispirazione: “Le delusioni d’amore mi aiutano a scrivere” – ha detto in risposta ad una domanda di Ezio Tamilia – “e penso che il dolore non sia un tabù. Va accettato, affrontato e attraversato perché fa parte della vita. Certo spero di avere anche altri stimoli in futuro…”, ha poi aggiunto ironicamente. Ma Emanuelli rifiuta anche l’etichetta di letteratura edificante e gentile, in merito ai suoi libri. Come specificato sia nella Libreria genzanese che in quella veliterna, trova limitante rientrare in un genere: “Fa piacere essere inserito da “Repubblica” in un filone di letteratura positiva, ma penso che sia riduttivo. I miei personaggi nascono in modo naturale così, non per un disegno pregresso. Io scrivo subito la sinossi del libro, poi rielaboro e amplio. Sto già elaborando la storia del prossimo romanzo”, ha svelato, lasciando la curiosità ai lettori. La presenza sui social è un altro tratto che contraddistingue Emanuelli: con costanza e responsabilità risponde a tutti, ascolta i pareri, i consigli. La sua popolarità ha fatto sì che in molti, tra i giovani e non solo, abbiano tatuaggi con suoi aforismi. Sia a Velletri che a Genzano, lo scrittore ha voluto concludere, prima del lungo firma-copie, con una lettura sull’amore che è nelle ultime pagine di “Buonanotte a te” e che è una specie di messaggio diretto che indica cosa si vuole veicolare con il romanzo. Partecipatissimi i due incontri della Mondadori, per la soddisfazione dello staff capitanato da Guido Ciarla e Aurora De Marzi, e tante le foto scattate dall’Associazione Click di Paolo Pace (disponibili sulla pagina dell’Associazione e su quella delle due Librerie). Prossimi appuntamenti di altissimo livello: a Velletri trittico da brividi, in senso positivo. Aprirà l’8 dicembre Donato Carrisi, il 13 sarà la volta di Pierluigi Battista e il 15 ospite attesissimo è Antonio Pennacchi. Per Genzano, invece, data clou il 19 dicembre con Valerio Massimo Manfredi. E non mancheranno altre sorprese per un Natale di cultura e di emozioni con la Mondadori Bookstore Velletri-Lariano-Genzano.

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento