Notizie in Controluce

Verso il testo unico per lo sport del Lazio

 Ultime Notizie

Verso il testo unico per lo sport del Lazio

27 Novembre
08:55 2011

L’obiettivo di questo percorso, che continuerà con gli “Stati generali dello sport” previsti nel corso nel prossimo anno, è la realizzazione di un “Nuovo Testo Unico in materia di Sport” che sia il frutto di un confronto con il territorio, al fine di raccogliere le istanze e le esigenze che saranno trasferite nelle disposizioni normative della nuova Legge Regionale: il testo normativo che ne deriverà, rappresenterà quindi la sintesi di un processo di governo partecipato. Il primo dei tre incontri ha visto oggi il confronto tra alcuni dei principali protagonisti del mondo sportivo laziale, sul tema dell’Organizzazione e dell’Impiantistica Sportiva.A dare il via ai lavoro è stato l’Assessore alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio, Fabiana Santini: “Nella nostra Regione il settore sport sente la necessità di un testo unico di legge capace di ricondurre ad unità le tante disposizioni che riguardano lo sport e che sono contenute in modo frammentato in altri provvedimenti. Partendo dal principio che lo sport non è semplicemente un’attività ricreativa, ma un bene assolutamente primario per i cittadini. La Giunta Polverini, infatti, è convinta che investire nello sport significhi investire nel benessere e nella crescita complessiva della comunità laziale”. L’intervento del Presidente del CONI Lazio, Alessandro Palazzotti, partner dell’iniziativa strategica, ha messo in rilievo che “se si investe nello sport si risparmia sulla salute e si favorisce l’integrazione. E’ la prima volta – ha aggiunto – la Regione e lo Sport organizzato si siedono intorno ad un tavolo per risolvere i problemi dello sport che sono anche i problemi dei cittadini”. Presenti al tavolo anche il consigliere regionale Enzo Foschi, vicepresidente della commissione Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio, che ha sottolineato come “sia necessario far in modo che la politica veda nello sport una opportunità di carattere strategico” e di come “sia necessario inventare
nuovi modelli che mettano in relazione il pubblico e il privato”.
A condurre il dibattito sui temi tecnici, è intervenuto Luca Pancalli, Presidente CIP e Vice Presidente CONI, che ha spiegato “come l’assessorato allo Sport della Regione Lazio, con questa iniziativa, abbia individuato il modo giusto per tentare di dare delle risposte alla “famiglia sportiva”, mettendo insieme gli attori sportivi in vista di un testo di legge che sia effettivamente rispondente alle esigenze del territorio e capace,
contemporaneamente, di valorizzare lo sport come strumento strategico, per le potenzialità educative, per i processi d’integrazione e coesione sociale e per lo sviluppo del benessere della popolazione e del territorio”. Ha chiuso il giro degli interventi il col. Vincenzo Parrinello, Comandante Gruppo Sportivo “Fiamme Gialle” e vicecommissario della FISI che, nel ringraziare l’assessore Santini e il presidente Palazzotti per l’iniziativa ha sottolineato che “la chiamata a raccolta della Regione Lazio sullo Sport si trasforma per tutti noi in un richiamo alla responsabilità”. Quindi la parola è passata alla sala. Hanno così parlato il Vicepresidente del Coni Antonia Paparelli, che ha inteso sponsorizzare la valenza dirigenziale delle donne nello sport, e alcuni rappresentanti dei più prestigiosi sodalizi sportivi del Lazio, tra i quali il Presidente della S.S.Lazio Nuoto Massimo Moroli che ha lanciato un appello per la tutela di quelle associazioni che continuano ad investire risorse umane e finanziarie nei settori agonistici e nella preparazione olimpica. Presenti all’evento anche i rappresentanti del Comitato “Salviamo lo sport dilettantistico” Franco Maione e Livio Mastrostefano; proprio quest’ultimo è intervenuto in aula focalizzando l’attenzione dei presenti sugli accertamenti vessatori da parte dell’Agenzia delle Entrate sul settore associazionistico sportivo. Quello sollevato dal promotore del Comitato “Salviamo lo sport
dilettantistico” è un tema particolarmente caro al Presidente Regionale del CONI Palazzotti, che ha voluto fortemente portarlo all’o.d.g. dei lavori, e anche l’Assessore Regionale Santini, nel suo intervento di chiusura, ha accennato alla discussione già in atto in commissione sul riconoscimento giuridico delle a.s.d. come primo passo per la tutela delle dirigenze sportive. Al termine di questo primo convengo, le conclusioni di Veronica Cappellaro, Presidente Commissione Cultura, Spettacolo e Sport della Regione: “in questa prima fase la politica ha deciso di ascoltare i veri protagonisti dello sport sul territorio. Questo momento di confronto ci consentirà di predisporre un testo di legge che sappia dare risposte adeguate alle reali esigenze dei cittadini laziali”. L’appuntamento con il secondo incontro dal tema “Sport e Salute” è per giovedì 1 dicembre ore 15.30 presso la Sala Tirreno della Regione Lazio.

Articoli Simili