Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

“Verso Venezia” la musica di Antonio Fresa in un bicchiere

“Verso Venezia” la musica di Antonio Fresa in un bicchiere
Settembre 22
17:49 2022

In occasione della Venice Cocktail Week, il concerto di sabato 1 ottobre di Asolo Musica – Veneto Musica all’Auditorium Lo Squero di Venezia sarà un’unione di note e “spiriti” che si mescolano. Un’esperienza multisensoriale che unirà la musica di Antonio Fresa ai cocktail del San Giorgio Café.

Con il biglietto del concerto è possibile acquistare un’integrazione per la visita ad uno dei suggestivi luoghi della Fondazione: Complesso Monumentale, Labirinto Borges, Vatican Chapels e Teatro Verde (ricordiamo di consultare sempre il sito Visitcini.com per eventuali limitazioni temporanee alle visite). Prenotazioni: www.boxol.it/auditoriumlosquero

 “Verso Venezia” ovvero verso il mare, verso la città, verso la musica e verso gli spiriti che si mescolano. È l’affascinante tema del concerto che si terrà sabato 1 ottobre alle ore 16.30 all’Auditorium Lo Squero sull’isola di S. Giorgio Maggiore a Venezia. “Verso Venezia” è un viaggio che conduce nella musica e nella mixology: collega l’emozione dell’ascolto di un concerto di Antonio Fresa al pianoforte con il piacere di un cocktail al San Giorgio Café nell’ambito della Venice Cocktail Week.

Antonio Fresa suonerà alcuni brani da Piano Verticale e le musiche composte per le audio guide delle Vatican Chapels, del Labirinto di Borges e del Museo del Tesoro di San Gennaro. Fresa trasporta lo spettatore in una successione di note che si fanno immagini: una musica evocativa che ha radici nella musica eurocolta, nel jazz, nella musica minimale e nella canzone d’autore.

 Verso il mare, la città, la musica e verso gli spiriti che si mescolano

Antonio Fresa, pianista, compositore, arrangiatore, produttore e autore di musica per il cinema (candidato ai David di Donatello e ai Nastri d’Argento come miglior musicista per “Gatta Cenerentola”), è molto legato all’Isola di San Giorgio. Un luogo ricco di spiritualità, creato dalla natura e modellato dalla storia, che ha ispirato il suo progetto “A soundtrack experience”: una colonna sonora per assaporare a fondo un luogo unico al mondo. Fresa ha raccontato in musica il Labirinto Borges, uno dei luoghi dell’Isola di San Giorgio che esercita maggiore fascino sui visitatori, considerato uno dei giardini più belli d’Italia; e le Vatican Chapels, le dieci cappelle vaticane della Fondazione Giorgio Cini.

“Verso Venezia” sarà con concerto strutturato in tre parti e collega i tre movimenti delle esecuzioni – il viaggio, la città di mare e l’arte di mischiare, intesa come sapiente combinazione di spiriti – a tre cocktail speciali che si potranno assaporare al San Giorgio Café dopo il concerto: “An American in Venice”, “Mar(e)tini” ed “Equilibrio”.

Nel suggestivo concerto di sabato 1 ottobre Antonio Fresa eseguirà anche le musiche composte per l’audioguida del Museo del Tesoro di San Gennaro di Napoli e alcune composizioni dal suo disco “Piano Verticale”. Una musica avvolgente, un mondo di idee sussurrate dai tasti bianchi e neri che raccontano un viaggio cinematico fatto di influenze classiche e contemporanee, di musica minimale e frammenti jazz.

Come per tutti gli appuntamenti di Asolo Musica – Veneto Musica all’auditorium “Lo Squero”, con il biglietto del concerto è possibile acquistare un’integrazione per la visita ad uno dei suggestivi luoghi della Fondazione: Complesso Monumentale, Labirinto Borges, Vatican Chapels e Teatro Verde (ricordiamo di consultare sempre il sito Visitcini.com per eventuali limitazioni temporanee alle visite).

La stagione musicale, organizzata da Asolo Musica in collaborazione con Fondazione Cini allo Squero, è realizzata con il contributo di MIC – Ministero della Cultura, Regione Veneto e sostenuta dal Gruppo Pro-Gest, CentroMarca Banca, Zanta Pianoforti, Zoogami e Bellussi Spumanti.

 La vendita dei biglietti è aperta su
https://www.boxol.it/asolomusica/ 

Info Asolo Musica 0423 950150 – 392 4519244
info@asolomusica.com
www.asolomusica.com 

 

Profilo

Antonio Fresa

Diplomato in pianoforte al Conservatorio Perosi di Campobasso, studia Film Scoring alla Berklee School of Music di Boston. Ha lavorato come compositore di numerose colonne sonore tra cui “La scelta di Maria” di francesco Micciche”, “Reliving at Pompeii” di Luca Mazzieri, “Come Prima” di Tommy Weber (ITA/FRA), “La Gatta Cenerentola” di A. Rak, “La Parrucchiera” di Stefano Incerti, “Passione” di John Turturro, “Non e giusto” di A. De Lillo, “El campo” (ITA/ARG) di Hernan Belon, “L’arte della felicita” di A. Rak, “Cor’ & sang'” di Lucio Fiorentino, “Fellini degli Spiriti” di Anselma Dell’Olio, “Terra Bruciata” di Luca Gianfrancesco, “Dames et Princes de la Prehistoire” di Pauline Costa (FRA/CZK).

Riceve la nomination come miglior musicista ai David di Donatello 2018 e ai Nastri D’Argento 2018. Lavora in diverse occasioni come “musicista per l’arte”, sue le musiche dell’audioguida ufficiale di Pompei che da oltre 20 anni accompagnano i turisti durante la visita. Recentemente ha composto le musiche per il padiglione della Santa Sede alla Biennale di Architettura 2018, Vatican Chapels, divenuto permanente, presso la Fondazione Cini a Venezia. Ha composto la colonna sonora per la mostra virtuale itinerante per i 500 anni dalla nascita di Raffaello prodotta per il Ministero degli Esteri. Nel 2021, per celebrare l’apertura al pubblico del celebre Labirinto Borges a Venezia, compone una suite da camera per bandoneon e orchestra, eseguita dall’Orchestra del Teatro La Fenice.

Ha diretto l’orchestra al Festival di Sanremo 2018 per Ornella Vanoni con il brano “Imparare ad amarsi” di cui e co-autore. Ha lavorato all’inizio della sua carriera come pianista e arrangiatore con i più raffinati cantautori del panorama nazionale, tra cui Bungaro, Nino Buonocore e Joe Barbieri. Ha collaborato con artisti internazionali tra cui Stacey Kent, Omara Portuondo, Carl Anderson, Richard Galliano, Peter Erskine.

 

INFORMAZIONI

 Sabato 1 ottobre ore 16.30

Antonio Fresa pianoforte

“Verso Venezia”. Musiche da Piano Verticale e dalle Soundtrack Experience delle Vatican Chapels, del Labirinto di Borges, del Museo del Tesoro di San Gennaro

 Lo Squero dell’Isola di San Giorgio Maggiore, antica officina per la riparazione delle imbarcazioni risalente alla metà dell’Ottocento, è diventata un moderno e suggestivo auditorium e ha vinto il Premio Torta 2017. L’intervento di recupero della struttura, promosso dalla Fondazione Giorgio Cini e realizzato con il contributo del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche del Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Virginio Bruni Tedeschi, ha trasformato questo spazio in una moderna concert hall con 200 posti a sedere; grazie alla sua eccezionale acustica e alla sua posizione privilegiata che si affaccia direttamente sulla laguna, “Lo Squero” è uno spazio unico che accorda perfettamente musica e immagine. Di fronte alla platea le pareti di vetro – come quinte naturali – aprono uno straordinario scorcio sulla laguna offrendo allo spettatore la possibilità di vivere l’esperienza unica di un concerto “a bordo d’acqua”. L’allestimento dell’auditorium è stato realizzato con il sostegno di: un benefattore anonimo, la Fondazione di Venezia, Melissa Ulfane.

 

AUDITORIUM Lo Squero
Fondazione Giorgio Cini – Isola di San Giorgio Maggiore – Venezia
Stagione concertistica 2022
12 concerti da sabato 4 giugno a sabato 17 dicembre 2022
Tutti i concerti avranno inizio alle 16.30
La vendita dei biglietti è aperta su
https://www.boxol.it/asolomusica/ 
Info Asolo Musica 0423 950150 – 392 4519244
info@asolomusica.com
www.asolomusica.com 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Settembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”