Notizie in Controluce

Viaggio di 9 mila km in prima classe per quattro orsi

 Ultime Notizie

Viaggio di 9 mila km in prima classe per quattro orsi

gennaio 30
10:25 2019

Viaggio di 9 mila km in prima classe per quattro orsi,
verso una nuova casa nello Yorkshire

Grazie a DHL Global Forwarding, gli orsi bruni dell’Ussuri hanno viaggiato con successo per 20 ore attraverso i continenti, dal Giappone all’Inghilterra, con tutti i comfort: temperatura controllata, spuntini e un veterinario a disposizione

 

Milano, gennaio 2019 – Anche i viaggiatori più esperti potrebbero essere irritati dopo aver trascorso 20 ore in viaggio percorrendo 9 mila km. Eppure, i quattro orsi dell’Ussuri – una sottospecie dell’orso bruno noto anche come grizzly nero – sono stati poco turbati dall’esperienza, quando nell’agosto 2018 hanno compiuto il viaggio dal Giappone all’Inghilterra che li ha portati nella loro nuova casa.

 

Lungi dal dover sopportare condizioni difficili, hanno ricevuto il miglior trattamento disponibile, poiché ogni aspetto del viaggio è stato studiato con cura da DHL Global Forwarding – dal cibo che hanno mangiato alle condizioni di temperatura durante il trasporto.

 

I quattro orsi dell’Ussuri – Hanako e Amu di 27 anni e Riku e Kai di 14 anni – hanno attraversato terra e mare dal Museo Culturale Ainu di Hokkaido alla loro nuova casa allo Yorkshire Wildlife Park (YWP) a Doncaster. Con un peso che raggiunge i 550 kg e un’altezza di 2,4 metri, questi orsi possono generalmente vivere per circa 35 anni: ma il bracconaggio e la caccia illegali, abbinati ad un habitat naturale sempre più ridotto, hanno drasticamente ridotto il numero di questi orsi selvatici nel corso degli anni. In Giappone sono rimasti solo 10 mila orsi selvaggi dell’Ussuri, motivo per cui sono stati inseriti nella Lista Rossa delle Specie Minacciate dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

 

Il Museo Culturale Ainu ha deciso di spostare gli orsi a YWP in modo che il parco potesse offrirgli un ambiente di vita migliore. Tutti erano concentrati sul raggiungimento di un obiettivo: gli orsi dovevano raggiungere la loro destinazione in modo sicuro e senza intoppi.

 

Un viaggio confortevole

Garantire che gli orsi fossero a proprio agio durante il viaggio è stato fondamentale, poiché i lunghi viaggi possono essere fonte di disagio e disorientamento per gli animali, che hanno sempre e solo viaggiato a piedi. Ciò significava che la temperatura, per esempio, dovesse essere impostata ad hoc per gli animali, che vivono in climi temperati.

 

È nostra responsabilità assicurarci che gli animali si sentano a proprio agio durante il percorso, il che è stato piuttosto impegnativo poiché il loro lungo viaggio di 20 ore ha attraversato più città e diverse modalità di trasporto”, ha affermato Nozomu Kinoshita, Responsabile della Divisione Tokyo Airfreight, DHL Global Forwarding Japan.

 

Ogni orso è stato posto in un recinto per il trasporto, appositamente costruito in conformità con i regolamenti della International Air Transport Association per gli animali vivi. L’equipaggio ha fatto in modo di mantenere l’ambiente ad una temperatura controllata tra i 3° e i 18° C per tutto il viaggio, sia su camion refrigerati che su aerei di linea. Alle stive del carico, hanno ricevuto impacchi di ghiaccio per abbassare le temperature ambientali mentre aspettavano di essere caricati sugli aerei. Oltre ad essere mantenuti freschi con un getto costante di nebbia fine da parte di grandi ventilatori, gli orsi hanno anche ricevuto come spuntino delle succose angurie.

 

Il team ha lavorato a stretto contatto con i diversi checkpoint prima del viaggio effettivo per garantire che i ritardi fossero ridotti al minimo. DHL ha negoziato per cambiare i tempi di volo in modo che gli orsi potessero arrivare a Tokyo al crepuscolo, quando le temperature sono più fresche, ha sottolineato Kinoshita.

 

 

Per il viaggio di 20 ore, è stato necessario un mese di attenta pianificazione e coordinamento tra le varie parti interessate, con una media di due conference call ogni settimana tra DHL, Ainu Culture Museum, YWP, amministrazioni locali e associazioni animaliste, prima che il viaggio potesse partire.

 

Abbiamo lavorato a stretto contatto con il Museo della Cultura di Ainu per chiedere il permesso al governo di Hokkaido e di Tokyo sullo sdoganamento per esportare gli orsi”, ha continuato Kinoshita. “Abbiamo anche fornito la documentazione di trasporto locale per i rispettivi governi delle città. La pianificazione dello spostamento ha incluso aree come la movimentazione del carico, il trasporto su gomma, il carico dei camion e la pianificazione operativa”.

 

Per l’equipaggio, era importante che il quartetto di orsi non fosse lasciato da solo durante la migrazione transnazionale. Sono stati perciò accompagnati da un veterinario dedicato e da un educatore in ogni momento. “Gli orsi hanno viaggiato con il nostro Animal Manager, Simon Marsh, e con un veterinario, Alan Tevendale, che si è occupato di loro anche a destinazione. Quindi tutti gli accorgimenti erano presenti sin dall’inizio”, ha dichiarato Mark Thomas, rappresentante per YWP.

 

In prima classe, dal primo all’ultimo chilometro

Gli sforzi sono stati ripagati; i membri dell’equipaggio hanno sottolineato che gli orsi non hanno reagito negativamente al trasporto, anzi: uno degli orsi, Hanako, era davvero affascinata da tutta l’attività. “Hanako era molto giocosa quando la stavamo caricando – a un certo punto ha cercato di afferrare uno dei tubi flessibili, era molto curiosa di capire cosa stesse succedendo”, ha detto Debbie Porter, una Animal Manager di YWP.

 

Quando finalmente gli orsi sono arrivati a destinazione, hanno fatto quello che molti altri viaggiatori avrebbero fatto dopo un lungo volo: rilassarsi in piscina. Non appena sono entrati nel loro recinto designato nel parco, sono saltati in acqua. Essendo i primi abitanti del nuovo centro di riabilitazione per animali nel parco naturale, gli orsi hanno traslocato rapidamente nella loro nuova casa. Saranno prima ospitati in una riserva specializzata di 2,5 acri – un’area un po’ più grande di un campo di calcio – per i carnivori salvati e reinseriti nel parco, prima di reinsediarsi nel recinto dedicato agli orsi bruni di Ussuri.

 

Siamo fortunati ad avere lo spazio, le capacità di gestione degli animali e l’esperienza per riambientare questi orsi, che richiederanno cure specialistiche, ed è fantastico poterli accoglierli nello Yorkshire”, ha concluso John Minion, Amministratore Delegato di YWP.

 

 

***

DHL è il leader mondiale nel settore della logistica. Le divisioni del gruppo DHL offrono un portafoglio impareggiabile di servizi logistici che vanno dalla consegna nazionale ed internazionale di pacchi, alle soluzioni per le spedizioni e la realizzazione di e-commerce, alla consegna espressa internazionale, stradale, aerea e marittima, fino alla gestione industriale della supply chain. Con circa 340.000 dipendenti in oltre 220 paesi e territori in tutto il mondo, DHL collega le persone e le imprese in modo sicuro e affidabile, consentendo flussi commerciali mondiali. Con le soluzioni specializzate per mercati in crescita e per settori, tra cui tecnologia, scienze per la vita e sanità, energia, automotive e retail, un comprovato impegno per la corporate responsability e una presenza senza eguali nei mercati in via di sviluppo, DHL è “la società di logistica per il mondo”.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento