Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Vincenzo Rabito, scrittore analfabeta

Vincenzo Rabito, scrittore analfabeta
Luglio 28
22:38 2014

23-Terra-mattaquesta; e; la bella; vita; che; ho; fatto; il sotto; scritto. Così inizia la prima pagina del dattiloscritto originale di Vincenzo Rabito (1899-1981), un’opera scrittoria senza precedenti, che fonda il suo eccezionale valore sulla semplicità di una narrazione fine a se stessa, nuda e cruda, testimonianza spontanea di un protagonista involontario del Novecento.

Vincenzo non sa scrivere. Secondogenito di una famiglia numerosa, presto orfano di padre, conosce già a sette anni la durezza del lavoro in quella Terra matta che gli ha dato i natali, Chiaramonte Gulfi in provincia di Ragusa, Ciaramunti in siciliano. Tra i “ragazzi del ’99” prende parte alla prima guerra mondiale, poi alla seconda (con tutto quel che c’è di mezzo e per contorno), si sposa e mette su famiglia tardivamente, lambisce il boom economico italiano, manda i figli all’università. Perché, e Vincenzo l’ha imparato bene a sue spese, senza istruzione non si va da nessuna parte.
Poi succede che Vincenzo Rabito, che non ha mai frequentato la scuola e ha ottenuto per necessità di lavoro la licenza elementare a 35 anni, un bel giorno si chiude a chiave in una stanza e comincia a battere i tasti dell’Olivetti lasciata dal figlio Giovanni, e va avanti così per sette anni, dal 1968 al 1975. Dal suo accanito lavoro di battitura viene fuori un’opera monumentale, oltre mille pagine dattiloscritte con interlinea zero, senza margine, ogni parola scandita e separata dalle altre da un punto e virgola, come tanti singulti, in una lingua assolutamente originale, straziante e poetica. Vincenzo rilega con lo spago il dattiloscritto e lo chiude in un cassetto. La sua vicenda è salva, nero su bianco.
Dopo anni dalla morte del padre, Giovanni trova il lungo memoriale e pensa di affidarlo, nel 1999, all’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano, in provincia di Arezzo. Nel 2000 il dattiloscritto, con il titolo di Terra matta, vince il “Premio Pieve”, conferito a opere inedite diaristiche, memorialistiche ed epistolari. Dice tra l’altro la motivazione: «Rabito si arrampica sulla scrittura di sé per quasi tutto il Novecento, litigando con la storia d’Italia e con la macchina per scrivere». La notizia viene lanciata, su proposta di un giurato, con il titolo Il capolavoro che non leggerete; ma altro destino è riservato al prezioso documento.
Nel 2007 Terra matta viene pubblicato per i tipi Einaudi in versione ridotta e nota critica, e al libro si ispira il documentario Terramatta. Il Novecento Italiano di Vincenzo Rabito analfabeta siciliano realizzato da Costanza Quatriglio e presentato nel 2012. Anche il teatro si impossessa della vicenda: il vissuto di un uomo comune che traccia un solco di cui la storiografia dovrebbe servirsi per ricercare l’obiettività della storia.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Agosto: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”