Notizie in Controluce

Vivace sconfitta da Romagnoli e dall'arbitro Angiolari

 Ultime Notizie

Vivace sconfitta da Romagnoli e dall'arbitro Angiolari

Novembre 25
19:34 2012

Promozione: Vivace sconfitta da Romagnoli e dall’arbitro Angiolari
Termina fra le polemiche la sfida della 13^ fra i biancorossi di mister Borsa e la capolista Real TBM Zagarolo di mister LIberti. La doppietta di un eccezionale Roberto Romagnoli regala i tre

punti agli ospiti, alla squadra di casa, a cui non basta il gol di Tiraboschi, vengono negati due calci di rigore. Nella seconda circostanza, a quattro minuti dalla fine, l’arbitro giudica clamorosamente fuori area un netto intervento su Chiappelloni e poi fa battere la successiva punizione sulla linea laterale bianca che delimita l’area di rigore.
Vivace – Real Tbm Zagarolo, sfida delicata della tredicesima giornata del girone C di Promozione, è finita per 2-1 a favore degli ospiti capolisti del terzo raggruppamento. A far ricordare a molti, se non a tutti, spettatori e giocatori in campo, sarà la conduzione arbitrale del singor Angiolari della sezione di Ostia, capace di assegnare un rigore fiscalissimo alla squadra di Liberti, e di negarne due solari alla Vivace, con una svista clamorosa nella seconda occasione, misfatto da condividere con il primo assistente Filabozzi, forse anche meglio posizionato vista l’ubicazione del “fattaccio”.Una bella partita di calcio condizionata fortemente, però, dalle decisioni del direttore di gara, mal coadiuvato da uno dei due assistenti e che ha favorito suo malgrado la corsa della capolista, ora con 31 punti nel bottino. La delusione della dirigenza biancorossa per il trattamento ricevuto si farà sentire nelle prossime ore.
Peccato, poichè come avviene sempre in questi casi, non si parla e non si esaltano i bei gesti tecnici dei calciatori e la forza e la caparbietà di due squadre ben messe in campo ed autrici di bellissime prove tattiche e caratteriali. No, della sfida andata in scena sul campo “Comunale degli Ulivi” di Grottaferrata ricorderemo in prevalenza le polemiche suscitate dalle gravi sviste di chi dovrebbe semplicemente applicare il regolamento e far sì che una gara scorra in maniera regolare. Niente di tutto questo, peccato davvero. In ogni caso, però, delle prodezze di Romagnoli e dell’ottima prova corale della Vivace Grottaferrata che ha tenuto sulle spine la prima della classe fino all’ultimo secondo, ne parleremo nelle righe appena seguenti, come giusto che sia.
LA CRONACA DELLA GARA – Mister Borsa mette in campo la formazioine tipo delle ultime settimane (sempre out Raparelli in difesa e Mastruzzi a centrocampo) con Cozzolino capitano preferito a Cannone sull’out di sinistra, la coppia Ristori – Brancaccia a tenere a bada il forte Romagnoli al centro, e Schiaffini sulla corsia di destra: tutti questi davanti al sempre presente Lampis. A centrocampo il trio è formato da Trani, De Angelis e Basili, che supporta il tridente Mudadu – Tiraboschi – Chiappelloni, la cui versatilità sposta il modulo dal 4-3-3 al 4-4-2 senza soluzioni di continuità. Il Real Tbm Zagarolo si presenta al completo a questa sfida. Mister Liberti schiera l’affidabile De Bernardo (classe ’74 per lui) in porta, linea difensiva formata da Remiddi, Nardi, D’Andrea e Bianchi, centrocampo dal grande tasso tecnico costituito da Campana, Grossi, Giannetti e Dantimi, in avanti Romagnoli è coadiuvato da Tiberi oltre che dalla linea mediana.
La sfida parte e finirà sui binari dell’equilibrio, che risulterà rotto dagli episodi a favore della squadra ospite. Sin da subito la Vivace Grottaferrata dimostra di non meritare la classifica che ha, infatti nonostante la bravura nel far girtare palla da parte dei centrocampisti biancocelesti, i biancorossi riescono spesso a spezzare le trame e a ripartirte velocemente sfruttando gli spazi concessi dalla linea alta del Real Tbm Zagarolo.
Al 10′ De Angelis lancia nello spazio a destra Schiaffini che s’invola in area e serve bene al centro Tiravboschi che da due passi potrebbe infilare De Bernardo ma è quasi miracoloso Nardi nell’intercettare la traiettoria e sventare il pericolo. Sull’altra sponda la pericolosità degli ospiti ha un nome cognome: Roberto Romagnoli, esperto attaccante classe ’80, che mette subito a dura prova la linea difensiva di casa già al 13′, quando sfugge alla marcatura centrale e si presenta davanti a Lampis ma nel momento decisivo “cicca” la sfera e l’azione sfuma. Dopo un paio di situazioni pericolose nella propria era, la Vivace costruisce la migliore occasione del suo primo tempo: azione sull’out destro di Chiappelloni, cross respinto e palla recuperata in seguito da Trani, palla dietro a De Angelis che dall’esterno crossa perfettamente in area per Mudadu, che si ritrova praticamente da solo nel colpire di testa a tu per tu con il portiere avversario, ma incredibilmente spedisce la palla alta sopra la traversa.
Il calcio è impietoso in questo tipo di occasioni, e l’eterno proverbio del “chi sbaglia, paga” si compie puntualmente tre minuti dopo, anche perchè la fiscalità dell’arbitro Angiolari fa sì che gli ospiti beneficino di un rigore che è parso dubbio. Minuto 38: Romagnoli va a prendersi un pallone completamente spostato sulla sinistra, senza badare alla forma effettua un tiro cross improvviso su cui sono andati a coprire Brancaccia e Cozzolino, la palla sbatte su un arto superiore di uno dei due che comunque non sembra spostato dal corpo ed in ogni caso ad una distanza più che ravvicinata. Per l’arbitro non ci sono dubbi, si tratta di calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Romagnoli, che con il suo tiro mancino spiazza Lampis alla sua sinistra e realizza il gol del vantaggio ospite, oltre che il suo quarto penalty della stagione. La Vivace prova subito a rispondere con Tiraboschi due minuti più tardi, ma il suo sinistro da posizione defilata è sventato dai pugni di De Bernardo. Prima della chiusura della prima frazione che registra il punteggio di 0-1, mister Liberti toglie Grossi per Palmieri, entrambi classe ’93.
La ripresa si apre subito con i botti. Al primo minuto Trani trova un bel pallone in area e lo scaraventa con forza verso il primo palo, l’attento De Bernardo devia in angolo. Proprio nell’esecuzione successiva dalla bandierina, due giocatori della Vivace vanno giù per trattenuta ma l’arbitro Angiolari non concede il rigore ai padroni di casa. Capovolgimento di fronte ed il Real Tbm Zagarolo raddoppia sfruttando tutta la bravura di Romagnoli, che va a raccogliere un ottimo cross di Campana dalla destra e senza neanche saltare indirizza di testa la sfera verso l’angolino opposto, dove Lampis viene beffardamente infilato. Due a zero impietoso degli ospiti, che hanno nel loro attaccante la massima forza, bravo a punire la mancata chiusura difensiva dei ragazzi di Borsa trovando così il suo ottavo sigillo stagionale.
Vivace arresa? No, per niente. Chiappelloni, apparso in miglior vena rispetto alle ultime uscite, sfodera un bel destro già al 50′, ma De Bernardo dice di no parando in corner. La Vivace spinge con tutte le sue forze ma concede qualcosa dietro, grazie soprattutto alle giocate di Romagnoli e ai buoni inserimenti di Giannetti e Tiberi. L’attaccante ’80 è protagonista di una bellissima giocata al 56′, quando fa slalom al limite dell’area e poi conclude di sinistro, la palla è ben piazzata ma il palo sinistro di Lampis gli nega la tripletta personale.
Mister Borsa toglie De Angelis dalla cavbinas di regia a favore di Pippo, sull’altra sponda Campana viene sostituito da Parroni, e poco dopo è il turno di Ancona al posto di D’Andrea.
Al 71′ l’episodio che riapre il match. De Bernardo compie l’unica sbavatura della sua partita sbagliando un rilancio e regalando la palla a Tiraboschi, che non ci pensa due volte e supera il portiere con un pallonetto preciso e vincente da fuori area. E’ 1-2, quello della punta biancorossa è il quinto gol in questa stagione, secondo consecutivo dopo quello segnato all’Almas.
La Vivace riprende vigore con questa segnatura, c’è ancora tempo per recuperare. Pochi minuti dopo Pippo dal limite pesca bene Mudadu in area ma l’attaccante da posizione defilata impatta male col sinistro e fa sfumare la possibile chance
per i suoi. All’86’ l’episodio più contestato della giornata, quando in un’azione in area degli ospiti, Chiappelloni viene atterrato da un avversario. La posizione delle sue gambe è chiaramente dentro la superficie dell’area o perlomeno all’altezza della linea bianca, laterale ma clamorosamente l’arbitro Angiolari fischia sì il fallo ma concedendo la punizione appena fuori dall’area. Poco soddisfacente il contributo dell’assistente di linea che, molto vicino all’azione, non fa cambiare idea all’arbitro. Inutili le proteste veementi dei giocatori e della panchina biancorossa. Alla fine Pippo va a battere la punizione con la palla posizionata sulla linea bianca dell’area, fattore imbarazzante e sintomatico della svista arbitrale.
Prima della fine delle ostilità è Luca Ristori, l’uomo dei gol nel finale, a tentare il bel destro da fuori ma la palla termina di poco fuori. Alla fine è 1-2 per gli ospiti, per la gioia della squadra di Liberti che resta da sola al comando della classifica e per l’amarezza e la rabbia dei padroni di casa. Quell’immagine della palla sulla linea dell’area di rigore rimarrà come un incubo per molti giorni.

IL TABELLINO DELLA GARA
VIVACE GROTTAFERRATA – REAL TBM ZAGAROLO 1-2
Marcatori: 38′ (rig.), 47′ Romagnoli (RTZ), 71′ Tiraboschi (V)
VIVACE GROTTAFERRATA: Lampis, Schiaffini, Cozzolino, Trani, Brancaccia, Ristori, Mudadu, Chiappelloni, Tiraboschi, De Angelis (68′ Pippo), Basili (77′ Cannone)
A disp: Pellegrini, Giglioni, Bordoni, Coletta
All. Sig. Andrea Borsa
REAL TBM ZAGAROLO: De Bernardo, Remiddi, Bianchi, Nardi, Campana (65’Parroni), D’Andrea (71’Ancona), Grossi (44′ Palmieri), Giannetti, Romagnoli, Dantimi, Tiberi
A disp: Galassi, Roselli, Di Biagio, Marozzi
All. sig.: Fabrizio Liberti
Arbitro: sig. Angiolari – Ostia
Assistenti: 1^ Filabozzi di Rm 1, 2^ Mazzarella di Ostia
Note: Ammoniti: Brancaccia, Basili (V); Romagnoli, Dantimi (RTZ). Corner: 4-4. Recuperi: 1’pt, 3’st.

Condividi

Articoli Simili