Notizie in Controluce

Francesca Canepa, ultratrailer, trionfa alla 100 miglia dell’Istria in Croazia

 Ultime Notizie

Francesca Canepa, ultratrailer, trionfa alla 100 miglia dell’Istria in Croazia

Francesca Canepa, ultratrailer, trionfa alla 100 miglia dell’Istria in Croazia
aprile 21
06:50 2017

Conferme sono sempre gradite soprattutto con l’avanzare degli anni di carriera, dove diventa importante trovare sempre nuovi e diversi stimoli per proseguire negli allenamenti e nella programmazione e pianificazione di gare dove mettersi in gioco e misurarsi anche con gli altri.
Francesca conclude la gara in 23h34’27” davanti alla Slovena Alenka Pavc, terza l’Austriaca Ulrike Striednig.
Per quanto riguarda gli uomini, il vincitore è Dylan Bowman in 17h51’50” che precede il Vigile del Fuoco Oliviero Bosatelli in 18h54’31”, al terzo posto si classifica lo Scozzese Paul Giblin.
Francesca racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.
Ciao Francesca, complimentissimi per la tua vittoria com’è andata? Soddisfatta? “Ciao Matteo, grazie per le domande, soddisfattissima direi. Questa volta è andato tutto secondo il piano che mi ero prefissata, ed è una delle rarissime volte in cui succede.”
Hai sofferto, momenti critici, problemi, esigenze particolari durante la gara? “Fino alla notte, diciamo intorno al km 50, tutto perfetto. Poi ho sofferto un po’ il freddo su alcuni tratti più esposti al vento, mentre durante la giornata di sabato, immancabilmente, ho patito il caldo come al solito. Il caldo è uno dei fattori ambientali che riesce a darmi più problemi, non solo qui, ma in generale.”
Avevi abbigliamento e integrazione idonei, ti è mancato qualcosa che non avevi considerato? “Mmm, bella domanda!!! Ecco, questa volta avevo effettivamente portato da casa TUTTO il necessario, ma poi ho lasciato in albergo TUTTO quello che avrebbe potuto servirmi, tipo una maglietta asciutta di ricambio, i manicotti, una maglia più calda a manica lunga. Però avevamo ben 2 giacche, un piumino e 2 paia di guanti, il punto è che quando arrivavo da Renato non riuscivamo a rimediare granché bene agli intoppi perché avevo dimenticato gli “accessori”, quella roba cioè che di per se non è fondamentale ma a volte è più utile e pratica di quella obbligatoria che ti tiri dietro per tutto il viaggio.”

In gare dove le condizioni di percorso e di clima sono imprevedibili, tutto ha un senso, anche il minimo dettaglio, bisogna vere un’accortezza minuziosa nel considerare tutto e di più, anche il superfluo, soprattutto se si punta oltra al benessere anche a una prestazione elevata. Comunque la notevole esperienza compensa e questo sembra non mancare a Francesca che da anni nell’ambito soprattutto ultratrail si è affermata sia a livello Nazionale che Internazionale e continua a essere un avversario molto difficile, direi che a volte anche gli atleti uomini la temono.
Pensieri, sensazioni, emozioni, prima, durante, dopo la gara? “Prima della partenza, come sempre, la sensazione prevalente era sonno, stanchezza, malessere diffuso. Tutto svanito allo sparo, quando ho cominciato a sentire le gambe leggere, il cuore rilassato e lo spirito fiducioso. Dopo un paio di km ho preso il comando e da lì tutto è stato bellissimo, proprio perché fisicamente ero a posto e il cervello è rimasto sul pezzo. Dopo la gara sono stata stupita, e veramente soddisfatta e fiera, di non avere nè stanchezza nè alcun tipo di dolore. Significa che ho fatto tutto bene, in gara ma soprattutto prima. Significa che il corpo sta bene ed è pronto per questo.”

Conosco questo tipo di stanchezza pre gara ed è importante conoscersi bene per non temere la partenza, mi è successo che prima di un ciclopellegrinaggio di 330km con partenza all’una di notte avevo sonno ma poi salito in bici è passato tutto e ho continuato fino alla sera, così come conosco l’adrenalina dell’arrivo dopo ore e ore di gara, mi è capitato dopo l’Iron Elbaman di fare lo sprint all’arrivo e di saltare felicemente per aver terminato la gara senza sentire stanchezza. Pertanto comprendo quello che dice Francesca e più gareggi e più conosci te stesso e come funzioni e meno temi la gara, sai che fa parte del gioco, l’esperienza paga sempre di più di ogni cosa. Inoltre come dice Francesca è importante stare non solo sulle sensazioni corporee ma anche sulla testa che ti fa andare avanti senza distrarti troppo dalla direzione e dall’obiettivo.
Hai scoperto ancora qualcosa di nuovo in te stessa, nelle altre atlete? “Ho scoperto che se mi concentro sul mio corpo e un po’ anche sul paesaggio, le cose funzionano meglio. Che alla fine la gara è effettivamente un percorso e quello che conta è il modo in cui lo vivi, che poi concorre a determinare il risultato finale. Se uno riesce a godersi il viaggio è abbastanza probabile che poi possa anche trovarsi soddisfatto di ciò che ne esce fuori in termini cronometrici. Sulle altre atlete… non saprei, non ho scambiato molto essendo sempre stata da sola, ma ricordo di aver pensato che il punto non è che siamo avversarie: siamo tutte nella stessa barca. Questa considerazione mi ha fatto stare bene, ho pensato che tutte dobbiamo solo fare quello che sappiamo fare per arrivare in fondo.”

La gara per chi ha passione per il trail è prima di tutto un lungo viaggio in un bel percorso e poi c’è anche la competizione, quindi motivazioni intrinseche ed estrinseche.
Organizzata bene la gara, percorso, ristori, premiazioni? “Dal punto di vista organizzativo QUESTA gara di Istria è perfetta in ogni aspetto. Tracciatura, ristori, logistica, tutto.”
Tifo, sostegno, famiglia, amici, com’era? “Ah beh, il tifo e il sostegno in Croazia sono sempre incredibili. In ogni angolo trovavo qualcuno con una parola gentile o pronto a farmi un video o una foto, è favoloso. Poi ho tutti gli amici da casa, i miei genitori e ovviamente Renato che veglia su di me passo dopo passo, quindi è semplicemente bellissimo.”

Avere sostegno e Angeli pronti a intervenire in caso di bisogno costituisce una sorta di imbracatura di sicurezza, ci si sente più sicuri di osare, c’è più entusiasmo, più carica.
Cambia qualcosa dopo questa prova? “Beh dopo questa prova mi sento più leggera e fiduciosa, ho avuto la conferma che il lavoro fatto funziona bene e che posso semplicemente continuare a fare questa cosa che mi piace senza preoccuparmi più di risultati o opinioni altrui sul mio conto. Quello che importa è apprezzare il privilegio di essere in grado di correre così a lungo e scoprire nuovi posti e nuove emozioni.”

Prossime gare, obiettivi a breve, medio, lungo termine? “Penyagolosa UTWT, Mozart 100 UTWT, Scenic trail ISF World Series, Maxi Race Annecy 110 km.”

Interviste, racconti e testimonianze di atleti di sport di endurance mi hanno permesso di scrivere il libro dal titolo “Ultramaratoneti e gare estreme”, Prospettiva Editrice, Civitavecchia, Collana: Sport & Benessere, anno 2016, pagine 298, Brossura.
https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930