Notizie in Controluce

“Stop alle bombe sui civili”

 Ultime Notizie

“Stop alle bombe sui civili”

“Stop alle bombe sui civili”
febbraio 02
08:45 2018

“Stop alle bombe sui civili”, l’ANVCG celebra la prima Giornata Nazionale delle Vittime Civili delle Guerre e dei conflitti nel Mondo

In occasione della prima Giornata Nazionale delle Vittime Civili delle Guerre e dei conflitti nel Mondo (istituita con legge 9/2017) l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra ONLUS ha organizzato a Roma – con il supporto della Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia e il patrocinio del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca (MIUR), il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il Ministero della Difesa – il convegno “Stop alle bombe sui civili” presso la Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia.

Il convegno, grazie all’intervento di autorevoli relatori che si sono succeduti al tavolo, ha posto l’accento sulle iniziative internazionali per la protezione delle popolazioni civili, illustrando l’impegno delle istituzioni italiane e il ruolo sempre più attivo dell’associazionismo nel nostro paese.
In particolare è stata presentata la campagna “Stop alle bombe sui civili”, frutto dell’adesione dell’ANVCG alla rete International Network on Explosive Weapons (INEW).

Dopo il saluto del Gen. della Guardia di Finanza Gennaro Vecchione (direttore della Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia), il Vice Presidente Vicario dell’ANVCG Michele Vigne, ha aperto i lavori: «Le guerre minacciano ancora la sopravvivenza dell’umanità. Negli ultimi conflitti, le vittime civili ammontano all’80% dei caduti in generale. L’istituzione, da parte del Governo, della Giornata delle vittime civili di guerra, fortemente voluta dalla nostra associazione, è una grande vittoria per tutti.
L’ANVCG sta continuando il suo impegno di ponte tra le generazioni, nonostante l’istinto dell’uomo stia continuando a mietere vittime. Ma le vittime civili di guerre sono tutti coloro che hanno subito gli orrori della guerra passivamente; questa giornata deve essere un ricordo per coloro che, più sfortunati, sono mancati. Il nostro impegno deve essere anche per tutti coloro che non dovranno mai soffrire quello che abbiamo sofferto noi ed è per questo che per la prima Giornata delle vittime civili di guerra, abbiamo deciso di incentrare il focus sui bombardamenti nelle zone densamente popolate.
Questo impegno, come abbiamo visto con l’impegno di ICAN che ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace, può portare a grandi risultati. Per questo motivo abbiamo deciso di entrare nell’ International Network on Explosive Weapons (INEW ). Siamo convinti che questi sforzi possono portare ad un mondo migliore, soprattutto per le generazioni che verranno».
A rappresentare la stessa INEW, era presente la coordinatrice Laura Boillot: «La nostra missione è, oltre quella di mettere al bando ogni tipo di arma esplosiva, capire come questi utensili possano provocare così tanti danni. Il dato preoccupante che emerge dai nostri studi, è che il 91% delle vittime di tali armi in aree popolate, sono civili. Queste sono anche una causa dello sfollamento di alcune città o di intere nazioni, che vengono svuotate per paura; il danno, ovviamente, è enorme.
Per fronteggiare questi problemi, sono state prese delle contromisure. Diversi Stati, infatti, hanno iniziato a parlare di una dichiarazione unica richiesta dalle Nazioni Unite per fronteggiare tale problematica. Un requisito chiave, però, è che tale dichiarazione contenga anche l’arresto di armi ad ampio raggio, come le bombe inviate da velivoli, in zone ad alta densità popolose. L’intera unità deve essere tutelata».
Lotta alle guerre, in particolar modo al nucleare, portata avanti anche dall’ICAN (Premio Nobel per la Pace 2017), rappresentato da Susi Snyder: «E’ un onore ed un piacere essere qui. Noi, come ICAN, lavoriamo molto per abbattere le sofferenze provocate dalle armi nucleari, che sono state progettate per provocare grandi perdite. Il rischio nucleare sembra molto lontano, ma è più vicino di quanto si pensi. La nostra campagna internazionale ha visto grandi risultati, fino ad ottenere un trattato per la messa al bando del nucleare che ci ha portato al Nobel.
La mobilitazione della popolazione verso i nostri progetti ci fa ben sperare per il futuro, ma tutto passa dalla cooperazione con colore che hanno subito questo dramma, in modo tale che dal passato vadano a finire anche nel futuro per prendere atto della memoria.
Le armi nucleari hanno un impatto orribile, ma insieme possiamo fermare questo abominio».
Sul tavolo dei relatori si sono succeduti anche la Sen Raffaela Bellot, il Prof. Claudio Betti (Presidente Associazioni Combattentistiche e Partigiane), l’On. On. Francesco Saverio Garofani, il Prof. Nicola Labanca (Presidente del Centro Interuniversitario di Studio e ricerche storico-militari), Pietro Ridolfi (Presidente della Commissione Nazionale Diritto Internazionale Umanitario della Croce Rossa Italiana), Alessandro Cortese (Vice Direttore Generale/Direttore Centrale per la sicurezza, il disarmo e la non proliferazione presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale), Giuseppe Schiavello (Campagna italiana contro le mine), Avv. Corrado Quinto (Coordinatore Osservatorio dell’ANVCG) e Nicolas Marzolino.

Al termine dei lavori è avvenuta la premiazione dei vincitori del concorso organizzato dall’ANVCG, in collaborazione con il MIUR per le scuole secondarie, “La vita è un capolavoro, la guerra un folle salto nel buio”.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930