Notizie in Controluce

Zi’ Diòcre

 Ultime Notizie
  • La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi Anche l’associazione “Vivere Impresa No Profit” di Albano Laziale parteciperà al convegno “La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi”,...
  • Conclusa la III edizione del festival molisano Conclusa la III edizione del festival molisano diretto da Alice Pasquini. Crescono a grandi numeri l’affluenza dei visitatori e le potenzialità di rilancio turistico ed economico del territorio Un’affluenza di...
  • Cerimonia nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma Roma, 12 giugno 2018 – Saranno uomini della cultura, dello spettacolo, delle istituzioni e della letteratura a ricevere, questa sera, nell’Aula Magna del rettorato della Sapienza Università di Roma, i...
  • CREDERE NEL PROPRIO FUTURO: TENACIA E IMPEGNO PREMIANO…   Un’adolescente piena di sogni e di sorrisi: già da bambina amava volare con la fantasia, s’impegnava seriamente sia sui banchi di scuola – ora liceale del Linguistico Joyce –...
  • VELLETRI – MUSEO “ GIGI e LUCIA MAGNI” Con il sostegno della famiglia Magni – dell’ Associazione Luigi e Lucia Magni – della famiglia De Angelis – dell’ Associazione Nazionale Costumisti e Scenografi – della compagnia del Teatro...
  • Matera, da vergogna a gloria Matera, da vergogna a gloria: la città di pietra diventa un acquerello sulle foto di Federico Scarchilli Nel suo ultimo progetto fotografico Federico Scarchilli trasforma Matera in un’opera a metà...

Zi’ Diòcre

gennaio 23
15:34 2013

Tenéte da sapi’ che zi’ Diòcre (che era lu ziu de póru
Cengétto), oltre che zitéllu, era de ‘na tirchjerìa che
‘n se po’ recconda’ e pe’ non fasse rrobba’ le fìcora
dorméa dendro a la capanna de la vigna. Così se
quaddùnu provéa appena a vvecinàsse issu sparéa
co’ lu focìle fino a fallu scappa’. Allora ‘na sera ‘n
gruppìttu de giovenottàcci co’ Peppe Villotta,
Sarvatore lu pollarólu e ‘n nzocchì aru decidéru de
falli ‘n scherzo. Se mettéru ‘n lenzólu addóssu e se
presendéru a la vigna strillènno tutti nzéme co’ la
voce che parèa che venéa da l’aru munnu: “Quanno
ero vivu io, le fìcora ‘n se trovénu e móh che só
mórtu le fìcora stau tutte a cóllu tórtu!” E così se li
jettéru addóssu dicènno: “…e móh pianu, pianu te
tòcco puru le mani!>>. A lu póru zi’ Diòcre, pe’ la
paura, li pià ‘n mézzu sturbu. Li giovenottacci
smettéru de ride (perché móh la paura era piata a issi)
e iéru a chiamà lu dottore pe’ fallu cura’.
Niciùnu conosce la fine de ‘sta storia, ma tutti penzu
che le fìcora de zi’ Diòcre da quillu giorno se le só
potute magna’ tutti.
Gianni Diana

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930